Sospendere una delega su stipendio è possibile?

La mia situazione è questa: sulla mia busta paga ci sono già delle trattenute, una cessione del quinto di euro 324 e una delega di euro 346 e la mia azienda versa alla mia ex una somma di euro 600 per assegno di mantenimento per i miei due figli minori; una cifra che avevamo pattuito insieme prima del divorzio e quindi scritto anche sul divorzio con tanto di firma. Ora un'altra finanziaria che non riuscivo più a pagare è riuscita ad avere il pignoramento di euro 200 sulla mia busta paga e siccome non ci sono più soldi, l'azienda praticamente toglie 200 dagli assegni di mantenimento per pagare loro dando solo la differenza.

La mia domanda è: può l'azienda sospendere momentaneamente di pagare la delega senza togliere niente ai miei figli?

Il contratto di prestito delega è trilaterale fra finanziaria, datore di lavoro e dipendente: esso prevede l'obbligo, per l'azienda, di versare alla finanziaria l'importo della rata mensile dopo il prelievo effettuato sullo stipendio del debitore dipendente. Una eventuale sospensione dei pagamenti comporterebbe il rischio di pignoramento del conto corrente aziendale da parte del creditore.

3 marzo 2016 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prestito delega

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...
La formazione di un nuovo nucleo familiare può portare alla modifica delle condizioni stabilite nella separazione o nel divorzio
Se è vero che la giurisprudenza riconosce che la libertà di formare una nuova famiglia dopo la separazione o il divorzio costituisce l'espressione di un diritto fondamentale sancito dalla Costituzione e dall'ordinamento sovranazionale e se è vero altresì che la stessa giurisprudenza non riconduce automaticamente alla formazione di un nuovo ...
La prescrizione degli assegni di mantenimento e di separazione
La prescrizione degli assegni di mantenimento, dovuti mensilmente, è di cinque anni a far data dalla scadenza I ratei mensili degli  assegni di mantenimento per i figli, così come gli assegni di separazione e di divorzio per il coniuge, costituiscono prestazioni che debbono essere pagate periodicamente in termini inferiori all'anno. ...
Divorzio » Se ex coniuge convive con un altro niente assegno di mantenimento
Se dopo il divorzio l'ex moglie convive con un altro, non ha più diritto all'assegno di mantenimento. Infatti, la convivenza con un altro uomo rescinde ogni presupposto per la riconoscibilità di un assegno divorzile. E' questo, in breve, l'orientamento proposto dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 25845/13. Nuova convivenza ...
Figli minori e violazione dell'obbligo di mantenimento - quando sussiste reato
L'omesso versamento del mantenimento per i figli minori costituisce reato solo se questi restano privi dei mezzi di sussistenza (articolo 570 del Codice penale) L'articolo 570, comma 2, numero 2, del Codice penale punisce come reato la violazione da parte dei genitori dell'obbligo di assicurare i mezzi di sussistenza ai ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca