Rate di un prestito pagate in ritardo - Possono costituire pregiudizio per la concessione di un mutuo?

Sto per fare richiesta di un mutuo alla mia banca, per sicurezza volevo accertare la mia situazione creditizia avendo un finanziamento in corso che sto per estinguere, con tre rate pagate in ritardo risalenti al 2012.

Possono essere ancora oggi segnalate così da non avere un mutuo ora?

Il ritardato pagamento di tre rate di un prestito non è di per sé necessariamente ostativo alla concessione del mutuo: tutto dipende dalla valutazione del merito creditizio assegnato al richiedente dal funzionario che istruisce l'istruttoria, secondo le regole generali fissate dalla banca.

Comunque, quando si è pagato in ritardo due o più rate di un finanziamento, i dati negativi permangono in Centrale Rischi per almeno 24 mesi dalla regolarizzazione dell'ultimo pagamento. Decorso tale termine, il cattivo pagatore censito ha diritto alla cancellazione delle informazioni che lo riguardano.

Per accertare preventivamente la situazione in termini di eventi pregiudizievoli segnalati a suo carico, deve effettuare una visura per ciascuna delle centrali Rischi private maggiormente consultate dalle banche (CRIF, CTC, Experian CERVED) ed, eventualmente, chiedere la cancellazione dei records relativi ai passati ritardi.

9 settembre 2015 · Rosaria Proietti

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
mutuo casa
ritardo pagamento rate prestito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rate del mutuo e di un prestito pagate in ritardo – obbligo di aggiornamento dei dati relativi ai cattivi pagatori
In tema di ritardato pagamento delle rate del mutuo o di un prestito, la legge 106/2011 (approvata il 7 luglio) – è intervenuta, con l'articolo 8 bis, sulle modalità di aggiornamento nelle banche dati dei cattivi pagatori, qualora il ritardo si riferisca ad un numero di rate mensili inferiore a ...
Cattivi pagatori e rate pagate in ritardo
Il Decreto Sviluppo convertito in legge il 12 luglio 2011, nell'articolo 8-bis riguardante la cancellazione di segnalazioni dei ritardi di pagamento, fissava il termine di 5 giorni lavorativi per oscurare le informazioni relative a ritardi di pagamento di rate mensili o semestrali. Al momento della regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni ...
Ritardo nella portabilità del mutuo - Il risarcimento incombe sulla banca cedente
Nel caso la portabilità del mutuo non si perfezioni entro il termine di trenta giorni dalla data della richiesta da parte della banca cessionaria alla banca cedente dell'avvio delle procedure di collaborazione interbancarie ai fini dell'operazione di surrogazione, la banca cedente è comunque tenuta a risarcire il cliente in misura ...
Sospensione pagamento mutuo - Gli interessi vanno calcolati solo sull'importo delle rate sospese
Le rate del mutuo sospese,  sia quando la sospensione sia stata disposta  dalla legge (ad esempio sisma in Abruzzo o nel caso Fondo di solidarietà con intervento di Consap) sia che essa sia frutto di volontaria adesione delle banche alle  indicazioni dell'ABI,  sono  collocate in coda al piano di  ammortamento, che ...
Legittima la segnalazione in Centrale Rischi se dopo il pagamento in ritardo delle rate pregresse il debitore rifiuta di regolare l'adempimento delle rate in scadenza tramite Rapporto Interbancario Diretto
L'appostazione a sofferenza di una posizione debitoria implica una valutazione da parte della banca inerente la complessiva situazione finanziaria del cliente e non può scaturire automaticamente da un mero ritardo di quest’ultimo nel pagamento del debito. Tanto premesso, ai fini della segnalazione alla centrale dei rischi, la nozione di insolvenza ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca