Rate del mutuo e di un prestito pagate in ritardo – obbligo di aggiornamento dei dati relativi ai cattivi pagatori

In tema di ritardato pagamento delle rate del mutuo o di un prestito, la legge 106/2011 (approvata il 7 luglio) – è intervenuta, con l'articolo 8 bis, sulle modalità di aggiornamento nelle banche dati dei cattivi pagatori, qualora il ritardo si riferisca ad un numero di rate mensili inferiore a tre o ad un'unica rata semestrale.

Entro dieci giorni dalla ricezione della notifica dell'avvenuta regolarizzazione dei pagamenti, i gestori delle banche dati provvedono ad integrare le segnalazioni relative a ritardi di pagamento da parte delle persone fisiche o giuridiche già inserite nelle banche dati stesse con la comunicazione dell'avvenuto pagamento da parte del creditore ricevente il pagamento, che deve provvedere alla richiesta entro e non oltre quindici giorni dall'avvenuto pagamento.

Le segnalazioni già registrate e regolarizzate, se relative al mancato pagamento di rate mensili di numero inferiore a tre o di un'unica rata trimestrale, devono essere aggiornate secondo le medesime modalità definite al paragrafo precedente.

Qualora vi sia un ritardo di pagamento di una rata e la regolarizzazione della stessa avvenga entro i successivi sessanta giorni, le segnalazioni riferite a tale ritardo devono essere cancellate trascorsi i successivi sei mesi dall'avvenuta regolarizzazione.

Per le segnalazioni successive di ritardi di pagamento relativi alle medesime persone fisiche o giuridiche, anche per crediti diversi anche se regolarizzate, si applica la normativa vigente.

tempi-massimi-sic.png

19 febbraio 2015 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cattivi pagatori e rate pagate in ritardo
Il Decreto Sviluppo convertito in legge il 12 luglio 2011, nell'articolo 8-bis riguardante la cancellazione di segnalazioni dei ritardi di pagamento, fissava il termine di 5 giorni lavorativi per oscurare le informazioni relative a ritardi di pagamento di rate mensili o semestrali. Al momento della regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni [ ... leggi tutto » ]
Schemi cattivi pagatori
Sottoscritto dai gestori delle Centrali Rischi private, dai rappresentanti degli enti finanziari, da alcune associazioni dei consumatori e dall'Autorità per la tutela della privacy, il codice prevede una serie di disposizioni chiare e precise a tutela dei dati personali dei soggetti censiti, in perfetta armonia con il dettato legislativo del [ ... leggi tutto » ]
CRIF EURISC – cosa è e come funziona questo archivio dei cattivi pagatori
CRIF è una società che gestisce l'archivio informatico EURISC, in cui vengono registrati i dati personali dei soggetti che hanno chiesto e/o ottenuto un finanziamento da banche e finanziarie. Ovviamente in questo archivio viene tenuta anche l'informazione relativa a ritardi o mancati pagamenti delle rate di rimborso del prestito. In [ ... leggi tutto » ]
CRIF EURISC – domande e risposte per cattivi pagatori
Proponiamo di seguito una serie di domande e risposte che possono aiutare i cattivi pagatori a comprendere chi è CRIF (Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria), quali dati vengono registrati in EURISC, e come procedere, eventualmente, alla modifica e/o cancellazione delle proprie informazioni censite. [ ... leggi tutto » ]
Segnalazione alla CRIF di credito in sofferenza - illegittima per il ritardo di una sola rata
Il Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità dei pagamenti, prevede all'articolo 4, 6° comma, lettera a), che nei sistemi di informazioni creditizie di tipo positivo e negativo, come quello gestito da CRIF, [ ... leggi tutto » ]

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rate del mutuo e di un prestito pagate in ritardo – obbligo di aggiornamento dei dati relativi ai cattivi pagatori. Clicca qui.

Stai leggendo Rate del mutuo e di un prestito pagate in ritardo – obbligo di aggiornamento dei dati relativi ai cattivi pagatori Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 19 febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 ottobre 2017 Classificato nella categoria cattivi pagatori e centrali rischi » mini guide Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • luca1971 19 febbraio 2015 at 11:43

    Dovrei comprare una casa (ne ho una esistente che sto vendendo) con la differenza farei un finanziamento SENZA IPOTECA xxx per il tempo di 7 anni…sono un lavoratore autonomo e ho chiesto alla banca una assicurazione aggiuntiva, questa mi ha detto che l’assicurazione sul finanziamento copre solo morte ed invalidità permanente, non la cifra totale dell’importo del finanziamento nel caso perda il mio lavoro (copre solo x 12 mesi i lavoratori dipendenti)… che cosa succederebbe se non fossi più in grado di pagare nel peggiore delle ipotesi? Sto valutando tutte le possibilità per avere un idea sui rischi ecc (meglio sapere che non sapere)

    Sono sposato in regime separazione dei beni ho pensato di intestare a mio figlio di 5 anni e mia moglie in regime patrimoniale la casa… grazie e saluti

    • Ludmilla Karadzic 19 febbraio 2015 at 12:15

      Non butti via soldi in notai ed azzeccagarbugli per conferire al fondo patrimoniale l’immobile acquistato: il fondo patrimoniale costituito dopo l’insorgenza del debito non ha alcun valore, è inefficace nei confronti della banca.

      Se, invece, conferisce il vecchio immobile al fondo patrimoniale prima della richiesta del prestito, è molto probabile che la banca non le conceda il prestito.

      Una eventuale donazione dell’immobile a parenti (figli, coniugi e via discorrendo) dopo aver ottenuto il prestito (anche senza ipoteca) non servirebbe a niente, perchè la banca chiederebbe la revoca dell’atto (essendo la donazione finalizzata ad eludere la possibilità di riscossione coattiva).

      Se l’attività svolta non le consentisse di pagare le rate del prestito, la banca potrebbe espropriare l’immobile senza alcun problema, con o senza fondo patrimoniale, con o senza donazione.

      Questa è, purtroppo, la sola, amara, verità. Né sul mercato esistono prodotti assicurativi che coprono il rischio del mancato rimborso del prestito nel caso in cui l’attività autonoma del debitore finisse male.

Altre info