Rincari energetici - L'Arera prevede un aumento delle bollette a partire da Luglio?

Ho letto sul giornale in metro che quest'estate ci sarà un forte rincaro dei costi energetici, come prestabilito dall'Arera: mi sembra assurdo dato che paghiamo già moltissimo.

E' vero o si tratta di una bufala?

Purtroppo si tratta di una notizia fondata: infatti, secondo quanto stabilito da Arera, l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, dal 1° luglio 2019 per la famiglia-tipo la bolletta dell'elettricità registrerà un aumento dell'1,9% mentre la bolletta del gas scenderà del 6,9%.

Dati alla mano, ciò, per una famiglia tipo significa pagare su base annua (non, quindi, secondo l'anno scorrevole, ma dal 1° luglio 2019 al 30 giugno 2020, nell'ipotesi di prezzi costanti), 10 euro in più per la luce e 74 euro in meno per il gas.

Una minor spesa complessiva, quindi, di 64 euro.

Gli aggiornamenti sono prevalentemente legati ai previsti andamenti nel prossimo trimestre dei prezzi delle materie prime nei mercati all'ingrosso dell'energia, nazionali ed internazionali.

Per l'energia elettrica è significativo come il leggero incremento finale sia il risultato di un aumento dei costi di acquisto dell'elettricità, attenuato da un lieve aggiustamento in riduzione degli oneri generali che, dopo le azioni di recupero delle manovre del 2018 a tutela dei consumatori concluse con il precedente aggiornamento, tornano ora a seguire percorsi di adeguamento "ordinari".

Per quanto riguarda l'energia elettrica, infatti, l'aggiornamento è determinato da un aumento della componente a copertura della spesa per la materia energia (+2,65%), parzialmente ridotto da un calo di quella per gli oneri generali (-0,75%).

L'aumento della componente materia prima è principalmente legato al normale andamento stagionale dei mercati, in parte compensato dalle quotazioni delle commodity energetiche, in particolare dai bassi prezzi del gas naturale (ancora allineati tra mercato asiatico ed europeo). A questo si aggiungono quotazioni dei permessi di emissione della CO2 ancora stabili su alti livelli.

La condizione di ritrovato sostanziale equilibrio in prospettiva d'anno del gettito degli oneri generali, a fronte di alcune revisioni al ribasso delle previsioni di oneri da coprire, ha poi permesso una loro lieve riduzione.

Per il gas naturale l'andamento è sostanzialmente determinato per intero dalla riduzione della spesa per la materia prima (-6,9% sulla spesa della famiglia tipo), legata alle quotazioni stagionali attese nei mercati all'ingrosso nel prossimo trimestre.

Le variazioni di questo trimestre registrano la consueta attenzione all'andamento dei mercati e delle commodity energetiche ma, alla luce delle azioni poste in essere nei due trimestri precedenti, permettono anche di contenere l'andamento degli oneri generali, in un quadro generale di stabilità.

27 giugno 2019 · Giovanni Napoletano

Altre discussioni simili nel forum

fornitura energia elettrica e bollette
fornitura gas e bollette
tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca