Per anni ho corrisposto IVA al 22% per la fornitura di energia elettrica a due pertinenze dell'abitazione principale, mentre avrei dovuto pagare solo il 10% - Posso chiedere il rimborso della differenza?

Mi sono accorto che per due utenze di Enel Energia luce ho pagato sin dal 2014 iva al 22/%, ma essendo le suddette utenze relative a pertinenze dell'abitazione principale ho chiesto ed ottenuto l'applicazione dell'IVA al 10% prevista per le pertinenze.

Ho anche chiesto il ricalcolo e quindi il rimborso dell'IVA pagata in più (22%) a partire dall'anno 2014 ma mi hanno risposto telefonicamente che non mi spetta.

Né si sono degnati di rispondermi per iscritto visto che la mia richiesta era stata effettuata tramite mail regolarmente sottoscritta. Gradirei sapere se il rimborso mi spetta.

Contestualmente alla sottoscrizione del contratto di fornitura di energia elettrica (ma anche successivamente) può essere presentata apposita richiesta per l'applicazione dell'IVA al 10%: si tratta di una dichiarazione sostitutiva in cui il cliente comunica, sotto la propria responsabilità, che il locale da alimentare, oggetto del contratto di fornitura, è da considerarsi pertinenza di una civile abitazione.

IVA sta per Imposta sul Valore Aggiunto: se non viene presentata la richiesta di applicazione al 10%, l'imposta è applicata al 22% e non può essere più recuperata dal momento che, come tutti sanno, l'IVA rappresenta la principale fonte di entrate tributarie statali, ed essendo un'imposta riversata allo Stato, non costituisce un corrispettivo per Enel Energia.

26 ottobre 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rimborso del Canone RAI TV coattivamente estorto con la bolletta elettrica ma comunque non dovuto - Come ottenerlo
Il cittadino può chiedere il rimborso del canone RAI tv, nel caso in cui lui stesso o un altro componente della sua famiglia anagrafica sia in possesso dei requisiti di esenzione e sia stata presentata l'apposita dichiarazione sostitutiva (Va, in particolare, ricordato che sono esenti i contribuenti over 75 con ...
Se il garante escusso a prima richiesta paga al creditore garantito una somma in eccesso rispetto a quanto dovuto dal debitore principale, può il debitore chiedere al creditore la restituzione della differenza?
La risposta alla domanda è negativa: infatti, il debitore di un rapporto obbligatorio il cui adempimento sia stato garantito da una garanzia a prima richiesta, ha diritto a ripetere dal garantito quanto percepito in eccedenza mediante l'intera escussione della garanzia, rispetto all'importo del suo effettivo credito, soltanto se sia stato ...
Rimborso del biglietto » E' considerata vessatoria qualunque clausola richieda al consumatore di attivarsi in breve tempo per chiedere il rimborso del ticket
E' considerata vessatoria qualunque clausola richieda al consumatore di attivarsi in breve tempo per chiedere il rimborso del ticket o la spedizione dell'originale del biglietto, acquistato tramite web. In caso la scadenza del termine per chiedere il rimborso del biglietto acquistato via internet sia troppo breve, come nel caso di ...
Equitalia » Come ottenere il rimborso della cartella esattoriale
In questo articolo vi spiegheremo come fare per ottenere il rimborso delle somme non dovute dopo aver onorato il pagamento di una cartella esattoriale di equitalia. Il rimborso spetta al contribuente quando ha versato somme in più rispetto a quanto dovuto all'ente creditore oppure se ha ottenuto dall'ente lo sgravio ...
Dichiarazione redditi » Possibile opporsi al silenzio-rifiuto del rimborso anche prima dei quattro anni
Dichiarazione redditi: rimborso d'imposta con meno limiti. Il contribuente può adire il giudice tributario ai fini del rimborso del credito d'imposta riportato in dichiarazione redditi anche prima dello spirare del termine previsto dall'articolo 43 del D.P.R. n. 600/73, che fissa i termini per il potere accertativo. Questo, in sintesi, l'orientamento ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca