Richiesta di pagamento agli eredi da societá cessionaria del credito dopo 25 anni - Non è assurdo?

Ho appena ricevuto una richiesta di pagamento per un debito (leasing) contratto credo nel 1993 da mio padre (deceduto), da parte di una società che ne è divenuta cessionaria (dopo 5 o sei passaggi tra società diverse) nel 2003.

La lettera ha come oggetto Comunicazione di ... e si chiude dicendo che ha valore formale di messa in mora, e che interrompe la prescrizione, intimandomi di prendere contatto con loro entro 10 giorni per la quantificazione della quota parte, degli interessi e bla bla.

Non so come procedere né a chi rivolgermi... a me sembra tutto molto assurdo.

Se all'epoca del decesso del genitore debitore lei era maggiorenne, allora può rispondere alla società che l'ha contattata di volere, come è suo diritto, prendere innanzitutto visione della lettera di cessione del credito, giusto per non correre il rischio di rimborsare il debito paterno a chi non è legittimato a pretenderlo.

Aggiungerà la richiesta di voler prendere visione dell'estratto conto cronologico della posizione debitoria per avere contezza dell'importo a debito attualizzato, nonché degli interessi legali e moratori applicati nel tempo.

Chiuderà, ricordando che la pretesa di un debito prescritto configura il reato di estorsione e che quindi, per sgombrare il campo da ogni possibile dubbio, le è necessario prendere visione degli attestati di spedizione (copia delle ricevute postali) delle comunicazioni precedenti inviate al debitore o ai suoi eredi che avrebbero comportato l'interruzione dei termini di prescrizione, dal momento che se la raccomandata ricevuta in data odierna fosse la sola missiva inviata al debitore o ai suo eredi, il debito sarebbe da considerarsi ampiamente prescritto.

Qualora, invece, all'epoca del decesso del genitore lei era minorenne e dal giorno della dipartita ad oggi sono trascorsi più di dieci anni, potrà ribattere semplicemente che essendo minorenne al momento del decesso del debitore, l'eredità fu necessariamente accettata con beneficio di inventario e la comunicazione inviata all'erede personalmente in data odierna giunge fuori tempo massimo per consentirle una consapevole accettazione/rinuncia dell'eredità.

15 aprile 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

comunicazione cessione credito
estratto conto cronologico
prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti
responsabilità patrimoniale dei soci

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Come avviene il recupero del credito scaduto per le forniture di energia elettrica e gas
Le procedure di recupero del credito scaduto sono sostanzialmente identiche per le forniture di energia elettrica e gas: all'invio di un sollecito (phone collection per importi medio-bassi o con raccomandata per importi superiori a 150 euro) segue l'inoltro della raccomandata di costituzione in mora con preavviso di sospensione della fornitura ...
Diffida e messa in mora del debitore
La raccomandata A/R di diffida serve ad avvertire un soggetto che, se mettesse in pratica o continuasse a praticare determinate azioni, illegittime o indesiderate, ci si rivolgerà all'autorità competente. Esempi pratici: - continuano ad arrivare solleciti di pagamento quando avete già provveduto o a cui non siete tenuti; - vi ...
Prescritto il credito esattoriale preteso con avviso di intimazione al pagamento inviato al debitore dopo cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale
Il principio, di carattere generale, secondo cui la scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo, o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l'effetto sostanziale della irrevocabilità del credito, ma non anche la cosiddetta conversione del termine di prescrizione breve, eventualmente previsto, in ...
Atto di precetto e di pignoramento - Interruzione e sospensione della prescrizione
L'atto di precetto, contenendo un'intimazione ad adempiere rivolta al debitore (con conseguente messa in mora di quest'ultimo), produce un effetto interruttivo della prescrizione del relativo diritto di credito a carattere istantaneo, sicché, verificatosi tale effetto, inizia a decorrere, dalla data della sua notifica, un nuovo periodo di prescrizione e (articoli ...
Effetti interruttivi della prescrizione - Possono emergere anche da una trattativa stragiudiziale fra creditore e debitore
Qualora ad un formale ed inequivoco atto di costituzione in mora faccia seguito una trattativa seria, articolata e specifica, diretta a risolvere stragiudizialmente la controversia, non vi è dubbio che il creditore persista nell'esercizio del suo diritto e che il debitore sia altrettanto inequivocabilmente avvertito della serietà dell'avversaria pretesa. Il ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca