Bonifico bancario dal debitore al familiare - E' possibile la revocatoria ordinaria promossa dal creditore?

Ho perso una causa civile e sono stato condannato al risarcimento del danno da reato: la citazione in causa è del marzo 2012 mentre la sentenza di condanna è del marzo 2016.

Nel 2013 da un conto corrente a me intestato ho trasferito ad un mio familiare delle somme e poco dopo ho chiuso quel conto corrente. La domanda è: il creditore può proporre azione revocatoria sui trasferimenti da conto corrente da me effettuati nel 2013?

La giurisprudenza consolidata riconduce alla donazione diretta l'elargizione, per spirito di liberalità (cioè senza l'obbligazione derivante da un contratto stipulato fra le parti) di somme di danaro, purché di importo non modico, mediante assegni circolari o bancari, nonché bonifici bancari.

In soldoni, una delle conclusioni più rilevanti per il debitore è che se svuota il proprio conto corrente con un bonifico a favore di un altro soggetto, senza che tale trasferimento sia giustificato da una obbligazione, e cioè nell'ipotesi che il trasferimento di danaro avvenga per puro spirito di liberalità, può configurarsi fra disponente e beneficiario del bonifico una donazione diretta.

La donazione diretta, se non è di modico valore, deve essere formalizzata, per legge, attraverso un atto pubblico: altrimenti può essere impugnata per nullità da chi vi abbia interesse. E quindi, se viene formalizzato l'atto pubblico di donazione, questo può essere oggetto di azione di revocazione su iniziativa del creditore (articolo 2901 codice civile); se non c'è atto pubblico, il creditore può surrogarsi al suo debitore (articolo 2900 codice civile) e chiedere la declaratoria di nullità della donazione per difetto della forma scritta.

Nel suo caso, pertanto, il creditore ha la possibilità di agire semplicemente eccependo la nullità della donazione (ammesso che ne abbia contezza), senza la necessità di esperire azione revocatoria.

Difficile invocare la prescrizione quinquennale della disposizione se la causa di risarcimento è stata incardinata nel 2012 e la donazione effettuata nel 2013, quando, cioè, si era già concretizzato il rischio di una condanna.

In effetti il danneggiato procedente, non avendo il danneggiante reso pubblico l'atto di donazione (come la legge impone) non è stato messo in grado di impugnarlo. Senza contare sulla circostanza che un atto, in quanto nullo, non fa decorrere termini di prescrizione.

10 settembre 2018 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

donazione
revocatoria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Se il debitore dispone un bonifico per svuotare il conto corrente, la banca non lo esegue ed un creditore pignora il saldo, la banca non è tenuta a risarcire il danno
Brutte notizie per i debitori che, nel tentativo di evitare il pignoramento del proprio conto corrente dispongono un bonifico in favore di un soggetto fiduciario. Infatti, qualora la banca non esegue e il creditore pignora successivamente il saldo di conto corrente del debitore, la banca non è tenuta nemmeno a ...
Il creditore non può pignorare i versamenti del debitore finalizzati a ridurre lo scoperto in conto corrente
In tema di pignoramento del conto corrente, il creditore può direttamente pignorare somme che siano nella diretta disponibilità del proprio debitore, ma non può pignorare i singoli versamenti effettuati dal debitore prima e dopo il pignoramento e finalizzati a ridurre lo scoperto di conto corrente. In pratica se il conto ...
Pignoramento del conto corrente cointestato - Cosa può fare il cointestatario non debitore per tutelare i propri diritti
In un conto corrente cointestato si produce la piena confusione del patrimonio dei cointestatari, senza possibilità di distinguere, da parte della banca, il patrimonio personale di ciascuno di essi, neppure per quote ideali. In presenza di un provvedimento dell'Autorità Giudiziaria, come il pignoramento del conto corrente, in seguito ad azione ...
L'ABF ci ripensa » In caso di conto corrente cointestato e pignoramento dell'intero saldo su azione esecutiva promossa verso uno dei cointestatari, il correntista non debitore deve rivolgersi al giudice dell'esecuzione per liberare la propria quota
Il collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario, con la decisione 8227/15, ha in parte modificato l'orientamento precedentemente assunto dai collegi di Milano e Napoli (fra le altre vedasi la decisione 740/13) in tema di pignoramento di un conto corrente cointestato in seguito all'azione esecutiva promossa dal creditore nei confronti di ...
L'azione revocatoria di atti del debitore può essere esperita anche in base ad un credito presunto e non ancora accertato
Anche il credito eventuale, nella veste di credito contestato o litigioso, è idoneo a determinare l'insorgere della qualità di creditore che abilita all'esperimento dell'azione revocatoria ordinaria avverso l'atto di disposizione compiuto dal debitore. È questa la ragione per la quale il giudizio promosso con l'azione revocatoria non è soggetto a ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca