Raccomandata per interruzione dei termini di prescrizione a soggetto giuridico senza indicazione di partita iva

Ho lavorato con l'azienda ALFA fino al 2011 e ad oggi devo ancora percepire il TFR: ho inviato una raccomandata un mese prima dei 5 anni per avanzare richiesta del TFR. Ho indirizzato la richiesta alla ditta ALFA, senza specificare la partita iva. Siccome fino al 2002 esisteva un'altra ditta ALFA (stesso indirizzo e stesso amministratore ma con partita IVA diversa) e dove io ho lavorato fino al 2002, mi hanno rigettato la richiesta perché, secondo loro, dalla ditta ALFA, io mi sarei licenziata nel 2002. Adesso sono passati 5 anni anche dalla Nuova ditta Alfa e quindi avrei perso tutto.
Comportamento lecito?

A quanto ci è dato capire, in mancanza dell'unico elemento distintivo (il numero di partita IVA) fra due soggetti giuridici, il destinatario della comunicazione di interruzione dei termini di prescrizione del pagamento del TFR (prescrizione evidentemente ritenuta quinquennale da chi ci scrive) è stato individuato in quello con il quale ogni pretesa del richiedente risultava essere estinta per legge.

L'escamotage interpretativo adottato dal debitore avrebbe poi comportato la scadenza dei termini di prescrizione per il creditore anche nei confronti del soggetto giuridico nei confronti del quale il diritto alla corresponsione del trattamento di fine rapporto non risultava ancora prescritto al momento di invio della raccomandata.

A nostro parere, l'associazione effettuata dal debitore è assolutamente arbitraria ed in mala fede, essendo manifesta la volontà del creditore di interrompere i termini di prescrizione con il soggetto giuridico (fra i due) con il quale il diritto alla corresponsione del TFR risultava ancora esercitabile. Inoltre la prescrizione del diritto alla corresponsione del TFR è decennale (il che, pertanto, le consentirebbe di inviare una nuova richiesta interruttiva dei termini di prescrizione al soggetto obbligato, integrandone anche la partita IVA).

Naturalmente, visto come si sono messe le cose (non traspare alcuna volontà del datore di lavoro obbligato a corrispondere il TFR dovuto), le conviene affidarsi ad un avvocato, cosa che avrebbe dovuto già fare da tempo.

19 settembre 2016 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

recupero del TFR

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bollo auto – termini di prescrizione per accertamenti e radiazione d'ufficio
Il termine entro cui va in prescrizione il diritto dell'amministrazione al recupero delle tasse automobilistiche non corrisposte é il terzo anno successivo a quello in cui doveva avvenire il versamento. La tassa automobilistica dal 01/01/1999 é stata attribuita alle Regioni, le quali però possono modificarla molto limitatamente e non possono ...
Nulla la cartella esattoriale motivata solo con l'indicazione di omesso o carente versamento
L'agenzia delle Entrate ricorre per cassazione avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio numero 808/40 /09 del 28 dicembre 2009, che accoglieva l`appello di un contribuente avverso la sentenza di primo grado, dichiarando la nullità di cartella esattoriale relativa ai redditi IRPEF 2001. I giudici di Cassazione, con ...
Non interrompe la prescrizione l'atto di costituzione in mora notificato con raccomandata a soggetto estraneo al debitore
Un atto di costituzione in mora del debitore, per produrre i suoi effetti e, in particolare, l'effetto interruttivo della prescrizione del credito preteso, deve essere diretto al suo legittimo destinatario, ma non è soggetto a particolari modalità di trasmissione, né alla normativa sulla notificazione degli atti giudiziari. Pertanto, nel caso ...
Assegno non trasferibile pagato a soggetto diverso dal beneficiario
Come è noto, la legge assegni precisa che la banca che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario risponde del pagamento. Per giurisprudenza consolidata, ove la banca girataria per incasso di assegno, munito di clausola di intrasferibilità, abbia eseguito il pagamento nei confronti di un soggetto non ...
Verbale di multa - L'omessa indicazione dei termini di impugnazione e della giurisdizione competente non inficia la validità dell'atto, ma consente la riammissione in termini per il ricorso
In materia di sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada, la proposizione di tempestiva e rituale opposizione sana la nullità della notifica del processo verbale di accertamento per raggiungimento dello scopo. Infatti, la proposizione tempestiva e rituale dell'opposizione presuppone che il verbale sia comunque pervenuto nella sua veste cartacea ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca