Precisazioni in merito a proposta di saldo stralcio giudicata troppo bassa dal creditore

Mi riferisco a questa discussione: in merito allo stato patrimoniale, abbiamo una casa di proprietà con mutuo (residuo 30 anni) ed un reddito da dipendente del garante (mia moglie) dove è già in essere una cessione del quinto.

Inoltre abbiamo dovuto interrompere il pagamento di un altro finanziamento con una banca (con cui abbiamo stipulato anche il mutuo).

Allora sarà necessario adottare la massima cautela nella trattativa e non bisognerà assolutamente dare al creditore l’impressione di non voler nemmeno esaminare le sue proposte di composizione bonaria, in via stragiudiziale, del contenzioso.

Infatti, la cessione del quinto in corso sullo stipendio del garante dei finanziamenti non rappresenta alcun ostacolo ad ottenere un eventuale pignoramento del 20% della retribuzione mensile.

Ed in prospettiva, quando con il passare degli anni si formerà la necessaria capienza, il creditore potrà iscrivere ipoteca per un importo, che nel frattempo, a causa degli interessi e delle spese legali, sarà diventato consistente e tale da giustificare anche un esproprio.

Insomma, non vi trovate nelle condizioni ideali per poter snobbare gli inviti del creditore a raggiungere un accordo transattivo a saldo stralcio.

17 Settembre 2015 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Proposta di saldo stralcio giudicata troppo bassa dal creditore
Ho ricevuto una visita da un incaricato di una società di recupero crediti per un finanziamento. E' la prima volta che si recano di persona, in passato ho solo ricevuto telefonate. Mi è stato proposto un piano di rientro a 10 anni con firma di cambiali ma ho rifiutato. Chiedendo soldi a qualche parente sono riuscito a fare verbalmente una proposta di saldo e stralcio all'incaricato della società, il quale però dice che è troppo bassa. La cifra proposta è il 14% del debito residuo, ma il 10% dell'importo che chiede la società di recupero crediti. La persona però mi ...

Proposta di saldo stralcio rifiutata dal creditore - Non accetta meno del 70% del debito residuo
Ho un debito residuo di circa 25 mila euro per un finanziamento fatto con BCC: da oltre un anno e mezzo non pago le rate e non ho un reddito sufficiente per riprendere il piano di ammortamento. Ho proposto alla banca un saldo e stralcio a 10 mila euro e mi è stato rifiutato. Non accettano a meno del 70%, quindi oltre 17 mila euro. Detto che realmente ho toccato il fondo e non ho altre disponibilità, né beni mobili né beni immobili, avete qualche consiglio per farmi trovare un accordo con la Banca? Non voglio firmare cambiali, voglio solo ...

Proposta di saldo a stralcio avanzata dal debitore - Ho casa e stipendio e vorrei chiudere la posizione
Mi riferisco a questa discussione: sono 3 anni che mi inviano lettere perché pagassi il mio debito di 9400 euro e devo dire che sono stanco. Dal 2012 gli interessi di mora applicati su 200 euro di rata ogni mese ammontano a circa 85 euro. Ora la situazione patrimoniale è un mio appartamento dove grava un mutuo di 80.000 euro con ipoteca 140.000 euro. In più ho uno stipendio in azienda privata a tempo indeterminato. Questo è il mio patrimonio però ho deciso di chiedere un saldo a stralcio dopo 3 anni su 9400 euro quando posso offrire? Loro mi ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Precisazioni in merito a proposta di saldo stralcio giudicata troppo bassa dal creditore