Precisazioni in merito a proposta di saldo stralcio giudicata troppo bassa dal creditore

Mi riferisco a questa discussione: in merito allo stato patrimoniale, abbiamo una casa di proprietà con mutuo (residuo 30 anni) ed un reddito da dipendente del garante (mia moglie) dove è già in essere una cessione del quinto.

Inoltre abbiamo dovuto interrompere il pagamento di un altro finanziamento con una banca (con cui abbiamo stipulato anche il mutuo).

Allora sarà necessario adottare la massima cautela nella trattativa e non bisognerà assolutamente dare al creditore l'impressione di non voler nemmeno esaminare le sue proposte di composizione bonaria, in via stragiudiziale, del contenzioso.

Infatti, la cessione del quinto in corso sullo stipendio del garante dei finanziamenti non rappresenta alcun ostacolo ad ottenere un eventuale pignoramento del 20% della retribuzione mensile.

Ed in prospettiva, quando con il passare degli anni si formerà la necessaria capienza, il creditore potrà iscrivere ipoteca per un importo, che nel frattempo, a causa degli interessi e delle spese legali, sarà diventato consistente e tale da giustificare anche un esproprio.

Insomma, non vi trovate nelle condizioni ideali per poter snobbare gli inviti del creditore a raggiungere un accordo transattivo a saldo stralcio.

17 settembre 2015 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
accordo transattivo a saldo stralcio
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...
Mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali
Il caso si riferisce ad una coppia di coniugi cointestatari di mutuo ipotecario laddove, nella sentenza di omologa della separazione consensuale si legge che ... resta a carico del marito l'onere relativo al pagamento della rata del mutuo. Il marito che, in forza dell'accordo di separazione, era divenuto "debitore unico" ...
Contratti di prestito – rinnovo della cessione del quinto
Il lavoratore dipendente che ha in corso una cessione del quinto può chiederne il rinnovo della cessione prima della data di scadenza. Questa è una caratteristica della cessione del quinto che può risultare molto importante. Procedere al rinnovo della cessione significa erogare un nuovo finanziamento che viene in parte utilizzato ...
Cessione del quinto dello stipendio - Vessatoria la clausola intesa a vincolare l'intero TFR a garanzia del finanziamento e non solo l'importo relativo al debito residuo
La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è una forma di credito ai consumatori non destinata in modo specifico all'acquisto di determinati beni o servizi. Il finanziamento può avere una durata massima di 120 mesi; il debitore si obbliga al rimborso del finanziamento attraverso la cessione volontaria al ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca