Professione esattore – recupero crediti domiciliare o via phone collection?

Argomenti correlati:

Dopo alcuni mesi ho due prospettive lavorative nell’ambito del recupero crediti stragiudiziale: la collaborazione, per entrambe le società, sarebbe come esattore stragiudiziale domiciliare.

In una delle due società però mi è stato detto che il recupero sarebbe prevalentemente telefonico e che il domiciliare sarebbe molto ridotto. Le prospettive economiche riguardano essenzialmente le provvigioni offerte sul recuperato. Il 15% al di sotto di una determinata cifra, il 10% se la somma supera questo limite.

Nell’altra società invece, molto più grande e importante, ci sarebbe anche un fisso mensile (non ancora stabilito) oltre a bonus e provvigioni. Mi trovo ad una scelta, o lavorare in ambito domiciliare con un fisso, anche basso, oppure lavorare come esattore telefonico con provvigioni sul recuperato ma senza dovermi spostare ogni giorno.

C’è qualcuno che sa darmi qualche informazione riguardo a questo tipo di collaborazione? E’ vero che in questo ambito si lavora solo con provvigioni e partita IVA senza alcun fisso mensile?

Per quanto riguarda il recupero crediti domiciliare, se la società aderisce all’UNIREC (Unione Nazionale Imprese di REcupero Crediti), vengono per prassi assunti soggetti che abbiano almeno conseguito la qualifica di negoziatore di crediti problematici (NCP), dal momento che l’esattore deve conoscere la normativa sulla privacy (e non solo) da rispettare quando effettua una visita presso il domicilio del debitore.

Inoltre, la società che conferisce il mandato all’esattore deve comunicarne il nominativo alla questura: infatti, per svolgere la propria attività, le imprese specializzate nel recupero stragiudiziale dei crediti devono possedere la licenza di cui al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS), che è rilasciata dal Questore e vale per tutto il territorio nazionale. In particolare, l’articolo 115 del TULPS (Regio Decreto 773/1931) dispone, fra l’altro, che il titolare della licenza è, comunque, tenuto a comunicare preventivamente all’ufficio competente al rilascio della stessa, l’elenco dei propri agenti, indicandone il rispettivo ambito territoriale, ed a tenere a disposizione degli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza il registro delle operazioni. In pratica, gli agenti esattoriali che operano all’esterno delle sedi societarie, sono tenuti ad esibire copia della licenza ad ogni richiesta degli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza ed a fornire, alle persone (i debitori) con cui trattano, compiuta informazione della propria qualità e sull’agenzia per la quale operano.

Tornando a noi, va detto che di norma, l’esattore domiciliare è un lavoratore autonomo con partita iva (solo provvigioni sul recuperato e rimborso spese, talvolta, forfetario), mentre l’attività di recupero crediti telefonico (phone collection) viene di solito inquadrata in un rapporto di lavoro dipendente, generalmente regolato con contratti di lavoro a progetto (un fisso mensile minimo e provvigioni sul recuperato).

Il suggerimento, per chi non ha esperienze pregresse nel campo del recupero crediti, è quello di cominciare con la phone collection per poi eventualmente cimentarsi nell’attività più complessa di recupero domiciliare, che presuppone l’interazione diretta con il debitore (non priva di rischi).

11 Agosto 2017 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Professione recupero crediti domiciliare - Qualche consiglio?
Mi hanno proposto l'attività di recupero crediti domiciliare, che vedo tra l'altro anche come possibilità di aiutare, se fatta in un certo modo. Leggevo di diffidare da chi chiede l'apertura della partita Iva. Perché? La società in questione mi ha detto che inizialmente non è necessario, ma ovviamente superati i limiti di legge poi va aperta. Mi hanno chiesto di firmare una delega per far verificare dal loro studio legale la mia posizione al casellario e una messa a garanzia di tot euro per gli eventuali anticipi in contanti da parte dei clienti a tutela in caso di furto da ...

Attività di recupero crediti e phone collection
Gli addetti al recupero crediti sono operatori di frontiera a cui è richiesta una particolare conoscenza del mercato in cui sono chiamati ad operare, dei soggetti che lo compongono, della natura e della genesi dei debiti. Gli addetti al recupero crediti, inoltre, devono disporre di abilità comunicative orientate a trattare la realtà, rimuovere pregiudizi, suscitare motivazioni e conseguenti comportamenti che determinino il rientro del credito, eventualmente senza scalfire la fidelizzazione del cliente. ...

Comunicazione di visita domiciliare da parte di addetto al recupero crediti
Vi riporto il testo di un sms inviato al mio cellulare: come da missiva già inviatale, le confermo visita domiciliare nei giorni dal 22 al 29 aprile p.v.. Per info, tel. 081.. / cell. 393... Francesca. La mia domanda è? E' lecito tutto ciò? Ho chiamato e la signora Francesca, quando ho parlato di avvocati e per educazione di darmi un giorno preciso della visita, è stata molto sbrigativa e mi ha liquidato con un buonasera chiudendo la comunicazione. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Professione esattore – recupero crediti domiciliare o via phone collection?