Genitori divorziati - Cosa rischia mia madre se ospita mio padre debitore e nullatenente?

Mio padre debitore di Equitalia e banche, ora nullatenente ha bisogno di residenza e alloggio per rinnovare patente ed altri documenti.

Mia madre divorziata sarebbe disposta a dare anagraficamente la residenza e alloggio anagrafe a mio padre.

La casa di mia madre e i beni a lei intestati possono essere pretesi dai creditori quali banche e stato?

Per quanto riguarda invece la mia auto di proprietà e il conto in banca possono essere oggetto di pignoramento?

E' necessario premettere che difficilmente Agenzia delle entrate-riscossione (che ha preso il posto di Equitalia a partire dal primo luglio 2017) procede al pignoramento presso il domicilio o la residenza del debitore, se non è ragionevolmente convinta di realizzare un ricco bottino. La procedura, infatti, ha dei costi che devono essere anticipati dal creditore procedente e devono essere recuperati, almeno quelli, con l'espropriazione e la vendita dei beni (che non siano mobili vecchi) pignorati al debitore. In pratica, se sua madre possiede gioielli custoditi in casa, quadri d'autore, mobili d'antiquariato, arredi di pregio, impianti tecnologici d'avanguardia è sconsigliabile dare l'assenso all'anagrafe per la formazione di una nuova famiglia anagrafica (quella di suo padre) presso l'appartamento in cui ella vive.

Infatti, in caso di pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore vige, nel nostro ordinamento, la presunzione legale di proprietà: tutto quello che si trova nella casa in cui il debitore domicilia, o risiede, è considerato essere di proprietà del debitore stesso.

A parte i danni derivanti al convivente da questa tipologia di azione esecutiva, chiunque (parente o meno) che non abbia prestato garanzia in favore del debitore, non ha null'altro da temere. Possono essere pignorati solo immobili, conti correnti e veicoli intestati (o cointestati) al debitore (o al suo garante).

3 ottobre 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

In mezzo ad una strada per i debiti di mio padre
Trovandomi nel bel mezzo di una procedura di pignoramento immobiliare complicata da tortuose vicende familiari frammiste a quelle aziendali del comproprietario, avviata tramite citofonata e successivo deposito di lettera nella mia cassetta postale, devo esporre il mio caso per chiedere lumi agli esperti del forum. In sostanza, la casa con ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Pignoramento del conto corrente cointestato - quando uno solo dei cointestatari è debitore
Molto spesso la banca, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto cointestato al debitore sottoposto ad esecuzione. Ma, il pignoramento sulle somme depositate in un conto corrente bancario cointestato al debitore e ad una persona estranea all'obbligazione, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca