Padre con figlio debitore – Come possono essere salvati i beni che questo figlio dovrà avere alla morte del padre?

Famiglia di 5 persone, madre, padre e 3 figli: uno dei tre figli ha debiti con banche finanziarie ed enti di riscossione. a sua volta questo soggetto indebitato ha tre figli che sono ovviamente i nipoti di suo padre. Può il padre donare i suoi bene ai tre nipoti o i creditori del figlio possono impugnare la donazione?

Come possono essere salvati i beni che questo figlio dovrà avere alla morte del padre?

I creditori non possono impugnare la donazione perché il donatario non è un debitore e può liberamente disporre dei propri beni. Tuttavia, al decesso del donatario i creditori possono chiedere al giudice, in nome e per conto del debitore, di procedere alla riduzione delle donazioni effettuate in vita dal de cuius.

L’unico modo per evitare che il debitore erede non paghi i suoi creditori è quello di azzerare il patrimonio che sarà lasciato agli eredi dal defunto con alienazioni e non attraverso donazioni, oppure donare (o lasciare in eredità con testamento) al debitore il diritto di abitazione su un immobile della massa ereditaria (si legga a tale proposito questo articolo).

19 Luglio 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ho debiti e mio padre mi ha escluso dall'eredità con testamento - I miei creditori possono richiedere la riduzione dell'eredità in mia vece?
Al fine di salvare la mia quota di eredità da eventuali creditori che ho, mio padre mi ha escluso dal suo testamento, lasciando i suoi beni a mia sorella, a mia madre, a mia figlia (sua nipote) che dovrà però prendersi carico del mio mantenimento. Così facendo, ovviamente, viene lesa la mia quota di legittima. La mia domanda è pertanto la seguente: solo io, il delegittimato, posso agire giudizialmente per chiedere la riduzione della legittima o possono eventualmente farlo anche i miei creditori? ...

Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. Deve, infatti, ritenersi che il coniuge comproprietario dell'immobile, già in regime di comunione legale dei beni con il de cuius, in ragione della maggior quota e soprattutto nella sua veste di titolare del diritto di abitazione ex articolo 540, secondo comma, e dell'uso dei mobili che l'arredano, possa ottenere ex ...

Mio padre indebitato e nullatenente vive con me - Possono pignorare i beni presenti a casa mia?
Mio padre libero professionista, ha problemi con il fisco derivanti da tasse sul lavoro non pagate (Irpef, IVA ed altro): l'ammontare di tutto verte sui 30 mila euro, debiti assunti per il sostentamento della famiglia. Mia madre casalinga guadagna qualcosa con qualche lavoretto in nero, mio fratello lavora a tempo indeterminato presso un'azienda e io spero che il lavoro che sto facendo (stage per ora) si mantenga. La casa in cui vivo è intestata a me tramite donazione da parte di mia nonna e mio padre è solo residente, le uniche cose a lui intestate sono l'utenza della rete elettrica ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Padre con figlio debitore – Come possono essere salvati i beni che questo figlio dovrà avere alla morte del padre?