Problema con casa in affitto

Domanda di ccatucci
22 settembre 2014 at 13:30

Abbiamo preso in affitto una casa di campagna dotata di fossa biologica (non ci sono fognature in zona): la casa insiste su un appezzamento di terreno di circa 1000 mq.

Lo scarico del pozzo nero, non essendoci terreno a sufficienza, riaffiora e per di più in caso di sovrabbondanza tracima sul terreno del vicino. Questi ha dichiarato di voler fare un esposto al comune per segnalare il problema. Dato che è probabile che un sopralluogo potrebbe portare ad una inagibilità dell'immobile, in tal caso cosa potremmo fare? Ci possiamo rivalere, oltre che con l'annullamento del contratto, sui proprietari, che tra le altre cose non ci avevano segnalato questo ed altri problemi dell'immobile?

Il contratto è un 4+4 e risiediamo qui dal 15 Giugno di quest'anno.

Possiamo nel caso venisse tolta l'abitabilità, chiedere un risarcimento danni oppure che ci procurino un'immobile di uguali attributi (superficie e numero stanze, giardino con superficie minima, dato che abbiamo degli animali e la casa la abbiamo affittata proprio per questo motivo)?

Aggiungiamo che il giardino era interamente circondato da abeti che fornivano ombra e riparo dal vento, e che, anche qui si tratta come per il pozzo nero di questione annosa) i vicini hanno imposto la potatura degli stessi, potatura eseguita da una persona non del settore che ha imbruttito oltre a praticamente privarci di ombra e riparo, e che a nostro giudizio tale operazione andava fatta prima di affittare la casa (in queste condizioni ce ne saremmo ben guardati dal prenderla).

Risposta di Genny Manfredi
22 settembre 2014 at 15:05

Il certificato di abitabilità assolve ad una duplice funzione: da un lato, attesta l'idoneità dell'immobile ad essere adibito ad uso abitativo, una volta che abbia avuto esito positivo la valutazione della sua conformità agli standard minimi di stabilità , sicurezza ed igiene degli edifici; dall'altra, garantisce l'idoneità dell'immobile ad assolvere una determinata funzione economico sociale e, quindi, soddisfare in concreto i bisogni che hanno indotto il conduttore a concludere il contratto di locazione.

L'assenza di certificazione di abitabilità dell'immobile locato o la sua revoca in conseguenza ad eventi sopravvenuti alla stipula del contratto di locazione, costituisce senz'altro valido motivo per la sua risoluzione (recesso anticipato) e per procedere, eventualmente, ad un'azione di risarcimento danni nei confronti del locatore.

Per il momento, le suggerirei di notificare (con raccomandata A/R) al proprietario dell'immobile gli eventi che si sono verificati e l'intenzione del vicino in merito all'esposto sulla carenza di condizioni igienico sanitarie che è venuta a determinarsi in conseguenza alla scarsa funzionalità del pozzo assorbente a dispersione. Nonché della vostra eventuale volontà di esercitare il diritto di recesso, con ristoro dei danni, se la situazione non verrà ripristinata a quella preesistente la stipula del contratto di locazione.

Non siamo a conoscenza di articoli del codice civile che possano imporre al locatore l'obbligo di surrogare la cosa locata con altra equivalente, una volta che il conduttore abbia esercitato il diritto di recesso. E, comunque, vale anche la pena, forse, ricordare che, per le condizioni in cui versa la giustizia civile nel nostro paese, le cause per il risarcimento dei danni possono durare anche decenni.


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Altre discussioni simili nel forum

contratto di locazione e diritto di recesso
risarcimento danni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

I più importanti interventi di manutenzione e modernizzazione - dal camino esterno al giardino d'inverno
Camino esterno Considerazioni estetiche e la possibilità di fumi molesti richiedono una deliberazione al riguardo. Inoltre vanno date tutte le garanzie in relazione alla sicurezza del tetto. Installazione Climatizzatori L'installazione di una climatizzatore sul muro esterno comune richiede una approvazione che tiene conto dell'aspetto estetico della facciata della casa. Copertura ...
Alberi e siepi in un Condominio
Distanze per gli alberi - Devono essere osservate le seguente distanze dal confine: tre metri per gli alberi di alto fusto (noci - castagni - querce - pini - cipressi - olmi - pioppi - platani e simili); un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto (fusto ...
Agevolazioni fiscali prima casa - Immobile di lusso se realizzato in aree destinate dagli strumenti urbanistici a ville o parco privato
Per stabilire se un'abitazione sia di lusso e, quindi, sia esclusa dai benefici per l'acquisto della prima casa, occorre far riferimento alle norme vigenti, secondo le quali è sufficiente ad attribuire la qualifica di lusso alle abitazioni la circostanza che siano state realizzate in aree destinate dagli strumenti urbanistici a ...
Separazione personale tra coniugi » Ex casa coniugale in affitto: ora chi paga il contratto di locazione?
Separazione personale tra due coniugi: in caso di contratto di locazione per l'ex casa coniugale, il padrone di casa da chi deve pretendere il pagamento dell'affitto? Chiariamo la questione nell'articolo seguente. Come sappiamo, nella fattispecie di una separazione personale tra due coniugi, durante la controversia in tribunale, viene decisa anche ...
Separazione personale e debiti per l'ex coniuge non assegnatario » Si rischia il pignoramento della casa coniugale?
Dopo la separazione personale, di norma, l'ex abitazione coniugale viene assegnata all'ex coniuge a cui viene affidata la prole. Ma se l'altro coniuge è sommerso dai debiti, si rischia comunque il pignoramento da parte dei creditori, per metà, dell'ex casa coniugale? Per evitare questa fattispecie è sufficiente trascrivere il il ...

Spunti di discussione dal forum

Denuncia proprietario per affitto in nero – Cosa rischio io?
A causa di condizioni economiche non favorevoli, ed al fine di risparmiare un bel po', ho accettato di prendere in affitto un appartamento, senza che io o il proprietario registrassimo il contratto, praticamente, in nero: ora, però, più volte mi è stato aumentato il canone, con preavviso minimo, ed io…
Pagamento imposte per terreno tenuto in possesso ma non intestato
Detenevo in possesso un terreno da oltre 50 anni: detto terreno al catasto terreni risultava però intestato ad altra persona. Ho donato detto terreno a mio figlio dichiarando il possesso ultraventennale dello stesso nell'atto di donazione. Dopo un anno dall'atto di donazione l'intestatario del terreno oggi mi chiede le tasse…
Casa affittata invasa dai tarli – Posso annullare contratto?
Ho da poco stipulato un contratto d'affitto (4+4) per un immobile nel centro di Monza: ho visitato, in precedenza, la casa parecchie volte. Vivendoci, però, per qualche giorno, mi sono accorto che la casa è infestata, pesantemente, da una miriade di tarli. Oltre a danneggiare i mobili, (in maggior parte…
Mutuo contratto in Polonia
Nel 2007 io e mia moglie abbiamo contratto un mutuo per acquistare un appartamento in Polonia. E' stato un grave errore e abbiamo faticato molto fino all'inizio di quest'anno per pagare le rate anche per i valori di cambio, il mutuo è in franchi svizzeri. Ora abbiamo deciso di non…
Affitto ramo di azienda – Ma il contraente non aveva titolo per locare
Un mese fa io e mia moglie abbiamo preso in affitto un ramo di azienda che consiste in un bar: mancavano dei documenti, li abbiamo fatti richiedere al comune, dopo un mese ho chiamato il comune e ho avuto l'amara notizia, ossia che l'attività è una concessione comunale, intestata ad…

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti