Prestito alla ex compagna di mio figlio - Come rientrare?

In data 30/04/2015 ho effettuato un bonifico di € 10 mila sul conto corrente personale della compagna di mio figlio con la descrizione "Finanziamento per apertura negozio". Tengo a precisare che verbalmente ho sempre detto che la somma a lei versata mi doveva essere restituita entro la fine del 2019 non richiedendo nessun onere di interesse.

Nel luglio dello stesso anno, mio figlio ha interrotto la relazione, ed io non ho avanzato nessuna richiesta di rientro del mio credito, supponendo che agli inizi i guadagni dell'attività commerciale non potessero permettere il saldo del debito.

A fine anno 2017 vengo a sapere che la ex compagna di mio figlio, ad agosto 2017 ha chiuso il negozio per fallimento. Ho chiamato telefonicamente per avere delle delucidazioni e delle rassicurazioni su come intendeva saldare il suo debito. Ho ricevuto come risposta che non ha nessuna intenzione di restituire la somma da lei ricevuta adducendo come scusa che io ho dato quel denaro per un progetto di “vita comune” fra lei e mio figlio e di conseguenza di richiederli a mio figlio!

C'è un modo con cui posso rientrare della somma prestata ??

Il discorso della ex compagna di suo figlio non fa una piega: il presunto creditore (il padre del suo ex compagno) non ha uno straccio di contratto di prestito sottoscritto dalla debitrice, ma esclusivamente un bonifico bancario con una causale generica che può essere agevolmente interpretata come donazione al proprio figlio.

In situazioni come quella in cui si è fatto coinvolgere si lascia fare il mestiere di creditore alla banca che eroga il finanziamento, prestando semplicemente una fideiussione: in questo modo avrebbe comunque perso i diecimila euro, ma avrebbe avuto il diritto di avviare azione esecutiva, finalizzata a riscuotere parte o tutta la cifra, nei confronti della ex compagna di suo figlio, debitrice principale; evitando altresì di subire l'arroganza indisponente della debitrice.

Il suggerimento è quello di mettere una pietra sopra ai 10 mila euro.

10 maggio 2018 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contratti di prestito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Famiglia di fatto » Il proprietario dell'immobile non può cambiare la serratura per mandare via la compagna del comodatario
Novità sul riconoscimento della famiglia di fatto: il proprietario dell'immobile non può cambiare la serratura per mandare via la compagna del comodatario. Infatti, il proprietario della casa data in comodato a un parente non può cambiare la serratura mentre questo è in ospedale privando la sua compagna del possesso dell'immobile ...
La prescrizione per il diritto al mantenimento del figlio decorre dal riconoscimento o dalla dichiarazione di genitorialità
Il codice civile dispone che il figlio ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni. Il figlio ha, altresì, diritto di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti. L'obbligo ...
Non vi è accettazione tacita dell'eredità se il chiamato adempie ad un obbligo del defunto con denaro proprio e non con quello prelevato dall'asse ereditario
In tema di successioni per causa di morte, il pagamento del debito del defunto ad opera del chiamato all'eredità, a differenza di un mero adempimento dallo stesso eseguito con denaro proprio, configura un'accettazione tacita, non potendosi estinguere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. A tal ...
Cessa l'obbligo al mantenimento del figlio studente universitario fuori corso
Il dovere di mantenimento del figlio maggiorenne cessa ove il genitore onerato dia prova che il figlio abbia raggiunto l'autosufficienza economica oppure quando il genitore provi che il figlio, pur posto nelle condizioni di addivenire ad una autonomia economica, non ne abbia tratto profitto, sottraendosi volontariamente allo svolgimento di una ...
Mantenimento » Stop per il figlio trentenne universitario dotato di patrimonio personale
Stop al mantenimento per il figlio trentenne universitario dotato di patrimonio personale. Infatti, non sussiste l'obbligo paterno di sostentamento nei riguardi del figlio ultratrentenne universitario dotato di patrimonio personale. Inoltre, il trasferimento in una sede diversa dal luogo di residenza familiare del figlio per studiare toglie alla ex il diritto ...

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca