E' stato iscritto fermo amministrativo su un ciclomotore di mia proprietà ormai ridotto a rottame - Che faccio?

In data 9/1/2012 l'ex Equitalia provvedeva a notificarmi una cartella esattoriale dell'importo di € 64,61 per omesso pagamento della tassa di possesso del mio scooter: attualmente il debito ammonta ad 87,37 euro.

Successivamente, in data 18/05/2012, mi veniva notificata un'altra cartella dell'importo di € 1.042,97 relativa all'Irpef non versata per l'anno 2007.

In forza di tali cartelle, Equitalia, in data 01/02/2013, iscriveva il fermo amministrativo dello scooter che allo stato, dopo anni di sosta all'aperto, è ridotto praticamente ad un rottame sicché sarebbe opportuno demolirlo.

Il mio commercialista riusciva a compensare con un credito a mio favore dell'Irpef, la componente tributaria della seconda cartella notificatami, residuando così un debito composto esclusivamente da sanzioni, interessi e spese di notifica, che a tutt’oggi ammonta ad € 120,26.

Purtroppo, per problemi finanziari, non sono mai riuscito ad estinguere il debito, seppur non particolarmente elevato.

Mi chiedo: essendo trascorsi ormai più di 5 anni sia dalla notifica delle cartelle che dall'iscrizione del fermo amministrativo, senza che l'AdE abbia sollecitato il pagamento, è intervenuta o no la prescrizione sia delle somme a debito che del predetto fermo? In caso affermativo, come devo comportarmi con l'Agenzia delle Entrate?

Il creditore, attraverso l'emissione della cartella esattoriale e l'iscrizione del fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore inadempiente ha già ampiamente espresso la volontà di voler recuperare l'importo che gli è dovuto, e, quindi, non può più eccepirsi la prescrizione del diritto della Pubblica Amministrazione di esigere l'importo preteso in seguito alle accertate omissioni di pagamento della tassa di possesso del ciclomotore e dell'IRPEF 2007.

Peraltro, il comma 2 dell'articolo 6 del Decreto del Ministero delle Finanze 503/1998 (a cui rimanda l'articolo 86, comma 4 del dpr 602/1973) dispone che la cancellazione dell'iscrizione del fermo dei veicoli a motore del PRA viene effettuata a cura del contribuente previa esibizione del provvedimento di revoca del fermo e dietro versamento presso le casse dell'ACI sia delle spese di iscrizione che di quelle di cancellazione...

A questo punto, le alternative sono tre:

  1. pagare il debito ed ottenere il provvedimento di revoca del fermo amministrativo;
  2. chiedere la cancellazione d'ufficio dal PRA del veicolo in seguito al mancato pagamento della tassa di possesso per tre anni consecutivi (articolo 96, comma 1, del codice della strada);
  3. sperare che qualcuno, a cui serva qualche pezzo ancora integro del vecchio ciclomotore, decida di portarsi via la carcassa e denunciare il furto.

27 marzo 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale prescrizione e decadenza
fermo amministrativo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore – Se già iscritto si potrà ottenere la sospensione del provvedimento chiedendo la rateazione del debito e pagando la prima rata
Equitalia, ricevuta la richiesta di rateazione, può iscrivere ipoteca sull'immobile di proprietà del debitore o disporre il fermo amministrativo sul suo veicolo, solo nel caso di mancato accoglimento della richiesta, ovvero di decadenza dal beneficio della rateazione che si verifica se non pagano 5 rate anche non consecutive. Tuttavia, prosegue ...
Fermo amministrativo - quando la notifica del preavviso è omessa o viziata
Com'è noto, dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, se il debitore non ha provveduto a pagare, non ha ottenuto una rateizzazione o non è intervenuto un provvedimento di sospensione o annullamento del debito, Equitalia può attivare alcune procedure a garanzia del credito degli enti impositori. Fra queste, il ...
Fermo amministrativo su ciclomotore » Strappare i sigilli costituisce reato
Se, dopo aver subito il fermo amministrativo sul proprio ciclomotore, ci si appresta a strappare i sigilli, si commette un reato penale. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 37533/13, ha sancito che: È stato già definitivamente affermato da questa Suprema Corte con decisione delle ...
Il debitore professionista e il debitore imprenditore hanno il diritto di chiedere ed ottenere l'annullamento del preavviso di fermo amministrativo o la cancellazione del fermo amministrativo trascritto sul veicolo strumentale rispettivamente all'attività professionale e imprenditoriale svolta
Come tutti sappiamo, decorso inutilmente il termine di 60 giorni per il pagamento o l'impugnazione della cartella esattoriale, il concessionario della riscossione può disporre il fermo amministrativo del veicolo del debitore. E' quanto dispone l'articolo 86 del dpr 602/1973. La procedura di iscrizione del fermo amministrativo del veicolo di proprietà ...
Fermo amministrativo – la comunicazione deve indicare la CTP presso la quale è possibile fare ricorso
Secondo quanto affermato dalla Commissione tributaria provinciale di Torino, nella Sentenza 40 del 16/07/2008 la comunicazione del fermo amministrativo di un veicolo é sempre impugnabile: deve perciò contenere tutti gli elementi che permettano al contribuente di esercitare il proprio diritto di impugnazione. La causa sottoposta all'esame del giudice tributario verteva ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca