Pignoramento esattoriale del conto corrente per un debito inesistente e quindi revocato – Ma la banca mi ha preso comunque 100 euro per le spese di procedura

A dicembre ho subito un pignoramento sul conto corrente per una multa non pagata ma che in realtà era stata pagata: appena visto il pignoramento ho inviato la ricevuta di pagamento all’agenzia di riscossione (che mi ha notificato solamente la comunicazione del pignoramento, pochi giorni prima che questo avvenisse) per chiedere l’annullamento del prelievo ed in pochi giorni mi hanno avvisato del riaccredito. Il problema è che la banca si è preso 100 euro per le spese di pignoramento e mi hanno comunicato che non sono tenuti a riaccreditarmele. E’ normale tutto ciò o c’è qualche norma che mi permetta di richiedere quei soldi. La banca era tenuta ad avvisarmi del pignoramento? Grazie.

Del pignoramento del conto corrente era tenuta ad avvisarla, come sembra essere avvenuto, l’Agenzia delle Entrate Riscossione: la banca è solo il terzo pignorato, tenuto per legge ad eseguire il pignoramento.

Tuttavia, la banca, dopo che è stata disposta la revoca del pignoramento da parte di Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER), non avrebbe dovuto applicare, al saldo del correntista ingiustamente sottoposto ad azione esecutiva, la trattenuta di 100 euro giustificata unilateralmente, e illegittimamente, come spesa di procedura per l’azione disposta da ADER, ma avrebbe dovuto, semmai, pretendere la somma dal creditore procedente che ha operato in errore. A nostro parere si tratta di appropriazione indebita, per una spesa che la banca avrebbe dovuto regolare con ADER, e che ha preferito, per ovvi motivi, porre direttamente a carico del correntista incolpevole.

Per far valere il suo sacrosanto diritto alle restituzione del maltolto, deve innanzitutto presentare un reclamo scritto alla banca, eccependo l’indebita appropriazione di 100 euro e chiedendone il riaccredito. Il reclamo va inoltrato con raccomandata AR.

Trascorsi trenta giorni dalla data in cui le risulterà essere pervenuto il reclamo al destinatario, in assenza di risposta o qualora la risposta persistesse nel negare il dovere della controparte alla restituzione dei 100 euro al correntista, dovrà presentare un ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Si tratta di una procedura semplice, che va perfezionata online, semplicemente attraverso una descrizione del problema, senza alcuna assistenza tecnico legale, con un anticipo, per diritti di segretaria, di soli 20 euro che saranno rimborsati qualora il ricorso venisse (come dovrebbe essere) accolto.

Potrà seguire qui le istruzioni per sottoporre il ricorso all’ABF. Ma, tenga presente chè è motivo di improcedibilità l’omesso, preventivo, reclamo alla banca.

13 Febbraio 2019 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento saldo conto corrente - La procedura esattoriale
A seguito della risposta qui ricevuta specifico che il conto corrente è stato pignorato da Equitalia per cartelle esattoriali con la nuova procedura (quindi niente Giudice ma prelievo diretto) e che a parte non avere nella disponibilità il saldo del giorno del pignoramento possiamo operare senza nessun problema. Infatti sono stati fatti dal 31/10 (giorno del pignoramento) diversi pagamenti e accrediti. parlavo dei 60 gg perchè leggendo l'atto dice "ordina alla banca nel termine di 60 giorni dalla notifica del presente atto le somme per le quali il diritto alla percezione del debitore sia maturato anteriormente alla data di tale ...

Pignoramento conto corrente - Come farà la banca a recuperare il suo credito? (ulteriori precisazioni)
In riferimento a questa domanda voi scrivete In caso di persistente inadempimento da parte del debitore, il creditore potrà adire il giudice per avviare azione esecutiva o cautelare (pignoramento conto corrente, pignoramento stipendio/pensione, ipoteca su immobile, espropriazione immobiliare). Il problema è che la firma di garanzia era stata fatta da mio padre che è deceduto 9 anni fa. I suoi eredi, che non hanno mai ricevuto comunicazioni dalla banca in tutti questi anni, saranno chiamati a rispondere nel caso io non riesca a pagare le rate (sono nullatenente) anche se il conto è chiuso? Grazie ancora ...

Rimborso spese mediche accreditate in conto corrente e pignoramento del conto corrente intestato al lavoratore dipendente
So che il conto corrente del lavoratore dipendente sul quale viene accreditato solamente lo stipendio non può essere pignorato da Agenzia delle Entrate Riscossione se la giacenza è inferiore a certi limiti. Nel caso che invece ricevessi sullo stesso conto dei rimborsi delle spese sanitarie questo mi esporrebbe al pignoramento dell'intero conto in quanto trattasi di somme diverse dalla retribuzione? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento esattoriale del conto corrente per un debito inesistente e quindi revocato – Ma la banca mi ha preso comunque 100 euro per le spese di procedura