Pignoramento conto corrente per versamento stipendio

Il mio conto corrente è stato bloccato un anno fa, periodo in cui ero titolare di una ditta: oggi sono un operaia, l’azienda per cui lavoro mi paga lo stipendio tramite assegni che io cambio in cassa senza conto corrente. Questa operazione per motivi di tracciabilità non mi è più permessa dalla banca. Posso aprire un conto corrente? Che magari venga pignorato e non bloccato come successo in passato? Magari un conto online?

Evidentemente c’è un lato positivo nel fatto che lo stipendio non possa essere più erogato con un assegno pagato allo sportello (che equivale a versare lo stipendio in contanti): l’importo deve aver superato i mille euro.

Conviene innanzitutto informarsi sul vecchio conto corrente: anche se al tempo il pignoramento risultò infruttuoso, il giudice dovrebbe averne preso atto o comunque dovrebbe aver disposto l’assegnazione del saldo prelevato, benché inferiore alla somma azionata dal creditore procedente, con conseguente “liberazione” del rapporto intercorrente fra cliente debitore e banca custode. E, quindi, dovrebbe ancora poterne disporre, a meno che la banca non abbia unilateralmente deciso di chiuderlo.

Peraltro, in caso di azione esecutiva ex articolo 543 del codice di procedura civile (citazione in giudizio di debitore e della banca presso la quale il debitore dispone di un conto corrente) per crediti di natura non esattoriale, qualora non sia disponibile la somma indicata dal precetto, aumentata della metà, si verifica sempre un blocco dell’operatività che va dal momento in cui alla banca viene notificato l’atto di pignoramento a quello in cui il giudice decreta l’assegnazione delle somme prelevate dal saldo, benché inferiori a quelle per cui il creditore procedente ha agito. E la situazione non cambia se il conto corrente è esclusivamente online oppure concesso da una banca tradizionale con agenzie distribuite sul territorio, oltre alla possibilità di gestire il conto corrente da remoto con applicazioni web.

Per crediti esattoriali (pignoramento verso terzi ex articolo 72 bis DPR 602/1973), invece, il prelievo dal saldo, anche se infruttuoso, si risolve nello spazio di qualche minuto ed il cliente recupera, quasi in modo trasparente, l’operatività del conto corrente, anche se si ritrova, poi, un saldo alleggerito.

4 Aprile 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti e pignoramento del conto corrente dove viene accreditato lo stipendio
Sono una ex artigiana, ho contratto dei debiti Inps, Inail e derivati dell'emissione di fatture non regolari: ora sono dipendente a tempo determinato, il conto banco Posta mi è stato pignorato. L'intenzione è quella di regolarizzare (cessione del quinto, ristrutturazione del debito o simili) una volta avuto il contratto a tempo indeterminato. Nel frattempo come posso percepire lo stipendio? Posso aprire un nuovo c/c, magari online? Posso star sicura che mi verrà pignorato solo un quinto e non bloccato tutto il conto corrente? ...

Pignoramento conto corrente accredito dello stipendio e consegna mano breve dell'importo al debitore
A un parente è stato bloccato il conto corrente sul quale riceve l'accredito dello stipendio: la Banca gli ha comunicato che può riceverlo solo se si reca in banca. Possibile? Se il conto è bloccato come può arrivare lo stipendio? Presumo che vi sia stato anche il pignoramento dello stipendio poiché gli è stato comunicato dall'avvocato che può essere pignorato solo un importo minimo di circa 30 euro. Io spero che possa continuare a ricevere lo stipendio, ma da quanto credo di aver capito leggendo altre risposte non credo che se il conto viene bloccato non vi può confluire alcun ...

Conto corrente in rosso dove non posso far accreditare lo stipendio e un altro in odore di pignoramento - Come farò a riscuotere la busta paga?
Ho letto che le banche possono rifiutare l'apertura di un conto corrente se il richiedente è segnalato in crif per avere sconfinato oltre il fido concesso. Premetto che a me è successo, in quanto verso in una situazione economica molto difficile, e a tutt'oggi non riesco più a coprire il fido bancario di 2.500 euro, e inoltre sono sotto di altri 100 euro, che altro non sono che interessi che la banca continua ad addebitare perché rifiuta di chiudere il conto. Ora chiedo, siccome temo un blocco di un altro conto corrente online per un debito consistente che non sono ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento conto corrente per versamento stipendio