Pignoramento del conto corrente su cui vengono accreditati lo stipendio già decurtato e l’indennità di accompagnamento – Come evitarlo


Per ingenti debiti esattoriali AdER ha pignorato il mio stipendio per un decimo dell’importo, da poco tempo mi sono stati pignorati conti correnti presso banca e presso la posta dove ho intrattenuto rapporti diversi anni fa: come potrei fare per scampare al pericolo di doppio pignoramento ( resso datore di lavoro e presso conto corrente) e come posso evitare un ingiusto pignoramento della mia indennità disabili la quale ho letto che è impignorabile presso INPS ma che potrebbe esserlo sul conto corrente? Potrei aprire altri conti, ma non so quanto AdER impiegherebbe a rintracciarli costringendomi a ripetere l’operazione? Potrei almeno salvare l’indennità di accompagno facendomela pagare in contante? Per favore, potreste suggerirmi la strategia migliore?

Per tentare di evitare il doppio pignoramento presso il datore di lavoro e presso la banca dove si detiene il conto corrente su cui viene accreditato lo stipendio, nonché per evitare il pignoramento dell’indennità di accompagnamento una volta confluita sul conto corrente, bisogna affidarsi ad un avvocato e presentare ricorso al giudice dell’esecuzione del tribunale territorialmente competente.

L’unica strategia pratica da adottare, è quella di prelevare gli accrediti di stipendio e indennità di accompagnamento appena vengono accreditati sul conto corrente, lasciando il saldo pressoché pari a zero e pagando le utenze con bollettino postale e senza la disposizione di addebiti automatici.

21 Giugno 2022 · Chiara Nicolai



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento del conto corrente su cui vengono accreditati lo stipendio già decurtato e l’indennità di accompagnamento – Come evitarlo