Pignoramento beni presso la residenza del debitore – Come si individua il luogo dove pignorare?


Pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni


Il mio ex ragazzo che viveva con me, ha ancora la residenza qui da me: tempo fa, quando vivevamo insieme ha ricevuto un ingiunzione di pagamento, che non penso abbia pagato, preciso il fatto che non ho più nessun rapporto con lui. Da quello che so, se dovesse presentarsi l’ufficiale giudiziario puó rivalersi su di me e pignorare i miei beni, dato che lui risulta essere residente a casa mia? Se invece io vado in Comune, dichiaro che non vive più con me, li levo perciò la residenza, l’ufficiale giudiziario si potrebbe comunque rifare su di me? il Comune mi lascerebbe in questo caso una carta con la mia dichiarazione da poter far vedere all’ufficiale giudiziario in caso si presentasse? O tutto ció non servirebbe a niente?

Dispiace sempre quando finisce un amore: detto questo, lei sa, per fortuna, che nell’ordinamento giuridico di questo paese vige il principio legale di presunzione di proprietà. Per dirla in soldoni, fino a prova contraria (e affermare la prova contraria comporta sempre estenuanti giri delle sette chiese che, per quanto possibile, è sempre meglio evitare) tutto ciò che si trova in casa, durante il pignoramento presso la residenza del debitore, si presume essere di proprietà del debitore.

Per chiarire i suoi dubbi conviene, allora, fare un rapido accenno a come si avvia il pignoramento presso la residenza del debitore: il creditore, con un titolo esecutivo (un decreto ingiuntivo, una sentenza, un assegno non pagato), o con una cartella esattoriale scaduta, ingiunge al debitore di pagare entro, di solito, 5 giorni. Se il debitore non adempie, il creditore si reca dall’ufficiale giudiziario e chiede (dopo aver mostrato il titolo esecutivo e il precetto rimasto inadempiuto) ad esempio, il pignoramento presso la residenza (ma potrebbe chiedere il pignoramento di un immobile, di uno stipendio, di un conto corrente). L’ufficiale giudiziario, quindi, consulta gli archivi anagrafici, vede dove ha la residenza il debitore e va a trovarlo.

Questo per dire che se lei fa cancellare dallo stato di famiglia il suo ex per irreperibilità, non c’è alcun bisogno di ulteriore documentazione da mostrare all’ufficiale giudiziario. Ove, nel caso improbabile, l’ufficiale giudiziario si presentasse proprio mentre passa l’aggiornamento degli archivi anagrafici, basterà mostrargli la richiesta di cancellazione per irreperibilità.

Tutto qui.

13 Dicembre 2017 · Ludmilla Karadzic





Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Pignoramento beni presso la residenza del debitore – Come si individua il luogo dove pignorare?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.