Avviso di giacenza in luogo diverso dalla residenza del debitore – Comportamento del custode dello stabile in cui risiede il coniuge separato del debitore

Il creditore può chiedere all’ufficiale giudiziario di recarsi nei luoghi dove egli può notificare gli atti al debitore e “dimenticarsi” che è separato.

Tra questi può esservi l’ex domicilio del coniuge separato, che frequenta la casa per i figli ivi residenti, non vi è nessun altro elemento presuntivo del domicilio.

Può avvenire però che il custode accetti l’avviso di giacenza di un atto giudiziario indicante il nome del debitore “presso …….”, ovvero l’ex coniuge.

-In che modo si può intimare formalmente e rispettosamente al custode di non ritirare la corrispondenza, gli atti giudiziari e gli avvisi di giacenza, senza informarla delle proprie dinamiche familiari che non riguardano ne’ lei ne’ il condominio?

-Potrebbe il creditore avvantaggiarsi del fatto che il custode abbia eventualmente accettato il plico o ritirato l’avviso di giacenza e lo abbia inserito in casella?
-Infine, se il custode rifiuta il plico ma accetta l’avviso, ciò cosa potrebbe comportare?

Abbiamo già ripetuto, fino allo sfinimento, che il pignoramento presso la residenza del debitore è l’ultima risorsa a cui ricorre il creditore, solo quando è più che certo che l’azione esecutiva non si risolva nel raccattare quattro mobili ed elettrodomestici usati, che poi nessuno acquisterebbe all’asta se non ad un prezzo vile e che, a conti fatti, comporterebbe solo un ulteriore aggravio di spese legali che comunque il creditore è obbligato ad anticipare.

Nella malaugurata ipotesi che il creditore, con un insano gesto di disperazione e sotto l’effetto di alcool o droghe, procedesse comunque a chiedere un pignoramento presso l’abitazione del coniuge separato del debitore, qualsiasi notifica, effettuata nelle mani di chiunque (custode, coniuge separato, vicino di casa eccetera) sarebbe affetta da vizio insanabile.

Il coniuge separato impedirà l’ingresso all’ufficiale giudiziario, dichiarerà che quella non è la residenza né il domicilio del debitore, e al limite chiederà l’intervento della forza pubblica.

L’ufficiale giudiziario deve accertare con fatti e documenti che l’indirizzo indicato dal creditore corrisponda ad un domicilio o alla residenza del debitore, sia per la notifica dell’atto di pignoramento che per l’accesso finalizzato ad effettuare l’inventario dei beni pignorati.

Nessuno può presumere che l’abitazione del coniuge separato ove risiedono i figli del debitore, possa essere eletto a domicilio del debitore solo perché quest’ultimo vi si reca di tanto in tanto a far visita alla propria prole. Punto.

E con queste considerazioni l’argomento è chiuso. Qualsiasi ulteriore domanda sul tema verrà cestinata.

7 Gennaio 2018 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione consensuale - Il pignoramento mobiliare può essere effettuato presso la residenza del coniuge separato non debitore?
Qualora i coniugi siano in separazione dei beni e siano separati consensualmente, posto che hanno residenza e utenze in luoghi differenti, che è fissato un importo alimentare ma che un coniuge può avere accesso liberamente alla ex casa coniugale per visitare i figli ivi residenti, quale strumento può utilizzare il creditore per attivare una procedura di pignoramento mobiliare presso il coniuge non debitore (ove risiedono i figli maggiorenni e autonomi economicamente). ...

Pignoramento beni presso la residenza del debitore - Come si individua il luogo dove pignorare?
Il mio ex ragazzo che viveva con me, ha ancora la residenza qui da me: tempo fa, quando vivevamo insieme ha ricevuto un ingiunzione di pagamento, che non penso abbia pagato, preciso il fatto che non ho più nessun rapporto con lui. Da quello che so, se dovesse presentarsi l'ufficiale giudiziario puó rivalersi su di me e pignorare i miei beni, dato che lui risulta essere residente a casa mia? Se invece io vado in Comune, dichiaro che non vive più con me, li levo perciò la residenza, l'ufficiale giudiziario si potrebbe comunque rifare su di me? il Comune mi ...

Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza
La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato. Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, dimora, sono rilevanti solo nell'ipotesi in cui la notifica non sia stata effettuata nelle mani del destinatario. In pratica la notifica, effettuata direttamente nelle mani del destinatario, in particolare della cartella esattoriale relativa a sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, è legittima, anche se perfezionata in luogo diverso ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Avviso di giacenza in luogo diverso dalla residenza del debitore – Comportamento del custode dello stabile in cui risiede il coniuge separato del debitore