Piano di rientro verso creditore in fallimento - Mi conviene sospendere i rimborsi ed attendere una proposta a saldo stralcio del curatore fallimentare?

La mia srl romena ha un debito con una srl italiana per il quale ha concordato un piano di rientro che sta diligentemente onorando che prevede l'estinzione del debito a dicembre 2019.

Questo mese (marzo 2018) la srl italiana è stata dichiarata fallita. Mi è stato detto che in presenza di piani di rientro superiori ad un anno solitamente il curatore tende a preferire una rinegoziazione del debito con tempi più ristretti a fronte di una decurtazione dello stesso. Se cosi fosse, vi chiedo se conviene interrompere le rate mensili finché il curatore non mi avrà contattato pr rinegoziare il debito oppure se cosi facendo rischio di peggiorare la situazione.

La mia intenzione è di ripianare il debito ma se il curatore proponesse un buono sconto a fronte di un pagamento più veloce, la cosa mi interesserebbe molto. Però, se il curatore mi contatterà fra qualche mese (la srl italiana è fallita adesso), è evidente che più ritarda e meno sara probabile rinegoziare il debito. Ecco perchè mi interesserebbe congelarlo finché curatore mi contatta.

Cosa ne pensate?

Comprendo benissimo la situazione e mi rendo conto che lei non vorrebbe perdere un'occasione così propizia: anche io farei, in un contesto simile, le sue stesse riflessioni. Tuttavia, devo metterla in guardia: se va a leggere il contratto di accordo transattivo sottoscritto con il creditore, dovrebbe trovare una clausola (di rito) che chiaramente ricorda che il piano di rientro sottoscritto non costituisce novazione del credito. In altre parole vuol dire che, in caso di inadempimento nell'onorare il piano di rientro sottoscritto, il debito da rimborsare, che il curatore fallimentare della srl italiana potrebbe pretendere, a norma di legge, sarebbe quello originario antecedente all'accordo, ovviamente detratto quanto finora la srl rumena ha diligentemente corrisposto. E, inoltre, le scadenze pattuite con l'accordo sottoscritto non avrebbero più alcun valore legale. In pratica, cioè, il liquidatore della srl italiana potrebbe pretendere l'intero credito in una sola soluzione. Le chiedo: vale la pena esporsi ad un simile rischio?

Può anche decidere di adottare una strategia simile, purchè sia consapevole che con il curatore fallimentare dovrà cercare un accordo a saldo stralcio partendo dall'importo originario dovuto (detratte le rate pagate). Aspettando la proposta del curatore fallimentare, invece, potrà chiedere, in cambio della chiusura della posizione debitoria in un'unica soluzione, un taglio netto sull'importo residuo attualmente dovuto.

26 marzo 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

saldo stralcio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Centrale Rischi » E' illegittima la segnalazione dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca
E' illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca La segnalazione di una posizione in sofferenza presso la Centrale Rischi, infatti, richiede la valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente, e non può quindi scaturire dal mero ritardo nel pagamento del debito ...
Insinuazione al passivo per crediti erariali - Non è necessaria la preventiva notifica della cartella esattoriale al curatore
I crediti iscritti a ruolo ed azionati da società concessionarie per la riscossione seguono, nel caso di avvenuta dichiarazione di fallimento del debitore, l'iter procedurale prescritto dalla legge per gli altri crediti concorsuali, legittimandosi la domanda di ammissione al passivo, se del caso con riserva (ove vi siano contestazioni), sulla ...
Esdebitazione fallimentare - la liberazione dai debiti dell'imprenditore fallito
Va innanzitutto chiarito che un imprenditore, per poter essere considerato "fallibile", deve possedere almeno uno dei seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo superiore ad euro trecentomila; ...
L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare non può essere presentata dal soggetto fallito
L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare ha carattere d'impugnazione straordinaria, finalizzata a conseguire il risultato che l'esecuzione collettiva vada a vantaggio di coloro che risultano effet­tivamente creditori, e può quindi essere proposta, oltre che dal curatore e dai sog­getti titolari di diritti sui beni del fallito, soltanto ...
Recupero crediti - L'accordo a saldo stralcio non integra una transazione novativa
Spesso il debitore perfeziona con il creditore (banca, finanziaria o società di recupero crediti) un accordo transattivo a saldo stralcio che prevede un notevole abbattimento dell'importo originario dovuto (gravato dagli interessi di mora) ed un piano di rientro rateale. Capita, talvolta, che il debitore non riesca, comunque, a tener fede ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca