Phishing e truffe via e-mail - Occhio al rimborso Enel da 85 euro

Ho ricevuto un e-mail da un indirizzo, che sembrerebbe quello di Enel, dove vengo informato di un fantomatico rimborso da 85 euro che non ho riscosso: a prima impressione mi è sembrato un tentativo di phishing.

E' una truffa nota? Sapete qualcosa?

Negli ultimi giorni diverse persone stanno ricevendo un messaggio email-truffa da un indirizzo che ricorda quello della vera Enel e una grafica che ne riproduce il logo.: il messaggio avvisa la vittima di un presunto rimborso non riscosso da 85 euro che sta per scadere.

Per riavere questo denaro la vittima deve cliccare su un link che porta a un sito esterno (anche questo costruito in modo da somigliare il più possibile a quello ufficiale di Enel)- nel quale bisogna inserire i propri dati personali e quelli della propria carta di credito.

Così facendo, però, si consegnano queste informazioni a dei truffatori che potranno utilizzarli per fare acquisti, svuotando il conto corrente delle vittime.

È stata la stessa Enel a mettere in guardia dal raggiro, specificando che ne il Gruppo Enel ne società incaricate hanno inviato mail che informano il cliente di un credito da riscuotere per la sua fornitura e che invitano a collegarsi al link presente nella mail. Le procedure aziendali non prevedono in alcun caso la richiesta di fornire o verificare dati bancari e/o codici personali attraverso link esterni.

Il consiglio, dunque, è quello di non cliccare sul link e, in ogni caso, di non inserire mai i dati della propria carta di credito, prepagata o account PayPal.

Enel spiega che, chi avesse dubbi sull'autenticità di una richiesta, può rivolgersi al numero verde 800.900.860.

19 luglio 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

phishing informatico e truffa
tutela consumatore - truffe

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il phishing
Il phishing è una truffa on-line nata per sottrarre con l'inganno numeri di carte di credito, password, informazioni personali o di carattere finanziario. Attuata quasi sempre tramite posta elettronica si basa sull'invio da parte del truffatore (phisher) di e-mail che sembrano provenire da siti web autentici i quali richiedono all'ingenuo ...
Fantomatici Registri informatici e/o elenchi aziende
E' un tentativo di truffa ormai datato, ma qualcuno ci prova ancora. A tutte le aziende, ma in particolar modo a quelle avviate da pochissimo tempo, viene recapitata per posta cartacea una comunicazione come la seguente: Con la quale si invita a pagare una discreta cifretta, ben € 390,43, per ...
Phishing » Quando l'istituto di credito deve il risarcimento al proprio cliente?
Il famigerato phishing: molti italiani cadono, spesso, in questa trappola. Ma in sostanza, cos'è il phishing? E ancora, quando avviene, l'istituto di credito è responsabile? In quali casi deve il risarcimento danni al proprio correntista? Con la tecnica fraudolenta del phishing i cyber-criminali riescono ad acquisire i dati dei conti ...
Come proteggersi dal phishing
E' importante essere prudenti nel fornire dati riservati ed è necessario essere sicuri dell'identità di chi li sta chiedendo. Il phishing è una frode informatica attuata da truffatori che inviano false e-mail apparentemente provenienti da una banca o da un'altra azienda della quale utilizzano il logo, il nome e l'impostazione ...
Phishing » Le responsabilità della Banca sono limitate
Phishing informatico: nei casi di attacchi su conti correnti online; non sempre corrisponde una tutela del cliente da parte dell'istituto di credito. Le banche, infatti, non risarciscono così facilmente per questo tipo di truffe, poiché richiedono al proprio cliente un minimo di accuratezza e prevenzione. Cadere nella trappola non è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca