Phishing: mail fittizie per sottrarre denaro da postepay? - Ecco come difendersi

Ho ricevuto un e-mail da parte, in teoria, di poste italiane, dove venivo invitato a inserire le credenziali della postepay per un fantomatico disguido: mi sono accorto subito del tentativo di phishing e ho cestinato il messaggio.

Purtroppo, però, queste cose avvengono tutti i giorni e colpiscono anche persone meno attente.

Anche mia madre ha un conto alle poste ed una postepay.

Che consigli posso dargli per difendersi?

I messaggi di posta elettronica inviati da hacker, con nome e logo di Poste Italiane, aumentano a dismisura: migliaia le segnalazioni nelle ultime settimane.

Apparentemente potrebbero sembrare comunicazioni importanti da non sottovalutare ma l'imbroglio è ben mascherato.

Le informazioni sono false e l'azienda non ha nulla che vedere con i cyber-criminali che tentano di sottrarre dati e denaro agli utenti.

Le carte prepagate PostePay subiscono online la maggior parte delle truffe a causa delle nuove tecniche ideate dai cyber-criminali.

Il tentativo di frode di cui stiamo parlando è definito phishing, un termine ormai noto quasi a tutti data la continua diffusione.

Lo scopo del phishing è quello di ottenere i dati delle vittime così da poter accedere al loro conto, proprio per questo, sfrutta soprattutto le email per attaccare gli utenti.

L'espediente più utilizzato da questi malfattori è Poste Italiane, infatti, la maggior parte delle mail arrivano proprio a nome dell'azienda.

I messaggi inviati cercano di abbindolare l'utente con informazioni fittizie che nella maggior parte dei casi vertono su problemi legati alla carta.

E' importante ricordare alcuni dettagli efficaci per poter contrastare il phishing che, nonostante incuta timore ai clienti di Poste Italiane può facilmente essere evitato.

La truffa online sta preoccupando tantissimi utenti ma è fondamentale tenere a mente che può essere evitata non inserendo i propri dati in alcun sito.

I criminali, senza le credenziali, non hanno alcun potere.

Quindi il passaggio più importante è proprio questo, ma non solo, altri piccoli accorgimenti possono rivelarsi utili al fine di limitare il rischio di perdere i propri soldi.

Tra i consigli più rilevanti un primo, invita a visualizzare con attenzione la provenienza del messaggio ed ignorare quelli provenienti da mittenti sospetti.

Un altro, altrettanto utile consiglia di diffidare da tutte le mail di Poste Italiane che richiedono dati sensibili.

L'ultimo, il più importante, richiede agli utenti la massima attenzione e invita a non cliccare sui link presenti in queste mail.

29 agosto 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

phishing informatico e truffa online

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Frodi online » Postepay e la procedura di chargeback
Sempre più spesso capita di trovare sul proprio estratto conto della Postepay transazioni (ad esempio una ricarica) online mai richieste né effettuate. Dopo le varie segnalazioni alla polizia postale, il rimborso comunque non avviene. Cosa fare? Scopriamo la procedura di chargeback. Come abbiamo accennato, la prima cosa da fare in ...
Multe e cartelle pazze » Qualche consiglio su come difendersi
Come difendersi dalle multe pazze: nell'articolo, vi forniamo una serie di consigli utili per capire se c'è o meno una possibilità di opporsi alla famigerata cartella esattoriale derivante da multe non pagate. ...
Come evitare che la nostra carta Bancomat venga clonata - video Repubblica TV
I suggerimenti della polizia postale per difendersi. Svelati i trucchi dei truffatori. Bologna, sgominate due bande di romeni e bulgari: arrestate 11 persone. Nei loro appartamenti trovate, oltre all'apparecchiatura tecnica, centinaia di carte clonate e decine di migliaia di euro appena prelevati. Guarda il video di Fabio Tonacci ...
Truffe elettroniche
Secondo uno studio della Crif, la principale tra le società di informazione creditizie che operano in Italia, sono circa 17 mila le truffe elettroniche ogni anno, truffe che colpiscono tutti i ceti sociali e le transazioni, per un valore di circa 80 milioni di euro. Per fare una domanda sulle ...
Come difendersi dal furto di identità
Le Aziende (banche, società emittenti carte di credito, fornitori quali ENEL, ACEA, ecc.) non telefonano mai, non mandano email né propri rappresentanti a casa dei Clienti per chiedere dati personali o riservati come il numero del conto, il codice fiscale, il numero della carta di credito, le modalità di pagamento ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca