Espatrio per lavoro in attesa di ottenere la cittadinanza italiana - Il passaporto temporaneo per superare gli intoppi burocratici nel caso ci sia urgenza di lasciare l'Italia

Domanda di Luca
10 novembre 2017 at 07:41

Sono di nazionalità italiana, nel febbraio 2016 ho sposato una donna filippina residente in italia con regolare carta di lungo soggiorno. La legge italiana prevede che solo allo scadere del secondo anno di matrimonio è possibile fare richiesta (obbligatoriamente on line) per la cittadinanza italiana al coniuge extracomunitario. Quindi a febbraio 2018 faremo questa richiesta. Abbiamo saputo che dopo aver fatto questa richiesta le prefetture impiegano quasi un altro anno per la convocazione al giuramento, e quindi la cosa slitterebbe al 2019. Io e mia moglie vorremmo trasferirci in Inghilterra per lavoro, la mia domanda é la seguente: basterebbe la ricevuta di richiesta di cittadinanza e il certificato di matrimonio per espatriare per motivi di lavoro? Esistono altri escamotage per superare questa burocrazia prefettizia?

Risposta di Ludmilla Karadzic
10 novembre 2017 at 08:36

A quanto ci sembra di capire, il problema nasce dall'esigenza di disporre di un passaporto italiano per il coniuge d'origine filippina, allo scopo di evitare l'obbligo del visto di ingresso in Inghilterra, dal momento che non sarebbe possibile ottenere, per tempo, una carta di identità attestante la cittadinanza italiana e valida per l'espatrio.

Se non abbiamo inteso male, un tentativo che può essere fatto presso la Prefettura, è quello di presentare istanza per un passaporto temporaneo, esibendo l'attestato di richiesta di cittadinanza italiana e il certificato di matrimonio: si tratta di un documento di espatrio di emergenza, con validità ridotta (pari o inferiore a 12 mesi), previsto in tutti i casi eccezionali nei quali sussista la necessità e l'urgenza di ottenere il passaporto, ma risulti temporaneamente impossibile il rilascio di quello ordinario.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Divorzio e nuovo matrimonio - Il divieto temporaneo di nuove nozze
La donna non può contrarre un nuovo matrimonio prima di trecento giorni dal divorzio. L'articolo 89 del codice civile prevede che la donna non possa contrarre un nuovo matrimonio se non dopo trecento giorni dallo scioglimento, dall'annullamento o dalla cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio. Questo divieto non si ...
Incentivo all'esodo per ex coniuge obbligato - Al coniuge divorziato beneficiario spetta il 40 per cento dell'importo riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro é coinciso con il matrimonio
Le somme corrisposte dal datore di lavoro, in aggiunta alle spettanze di fine rapporto, come incentivo alle dimissioni anticipate del dipendente (cosiddetti incentivi all'esodo) non hanno natura liberale né eccezionale, ma costituiscono reddito di lavoro dipendente, essendo predeterminate al fine di sollecitare e remunerare, mediante una vera e propria controprestazione, ...
Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali estende il bonus bebé anche ai familiari extracomunitari di cittadini UE - Per fruire del bonus bebé è sufficiente che siano in possesso di un permesso di soggiorno
Com'è noto, nell'ambito degli interventi normativi volti a sostenere i redditi delle famiglie la legge di stabilità per il 2015 ha previsto, per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017, un assegno annuo di importo pari a 960 euro (bonus bebé) da ...
Inps: rientro anticipato a lavoro in caso di malattia? » L'istituto chiarisce
L'Inps (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) chiarisce cosa deve fare il dipendente in caso di rientro sul posto di lavoro, dopo la malattia, per guarigione anticipata. Accade spesso che il dipendente, assente dal lavoro per malattia, qualora guarisca anticipatamente rispetto alla prognosi formulata dal medico curante, voglia far ritorno subito ...
Separazione » Non si può sostituire serratura in attesa della sentenza
Non si può sostituire la serratura della casa coniugale in attesa della sentenza di separazione » Sentenza Tribunale Pisa Ha diritto al risarcimento dei danni non patrimoniali il coniuge che non può entrare nella casa coniugale perché, a sua insaputa, l'altro ha cambiato la serratura alla porta d'ingresso. Per poter ...

Spunti di discussione dal forum

Debiti e cittadinanze
Da tempo vivo all'estero (emigrai da giovane a causa di debiti ereditati che non mi permettevano di vivere), dove sono sposato e ho cittadinanza, ma conservo tuttora la cittadinanza italiana. Se facessi ottenere la cittadinanza italiana a mia moglie, si troverebbe poi legalmente debitrice assieme a me verso il nostro…
Sono vedova extracomunitaria di cittadino italiano – Ho diritto all’eredità di mia suocera?
Sono straniera extracomunitaria, ero sposata in comune con uomo italiano da gennaio 2016, mio marito morto in incidente di auto a settembre 2017 e non ho cittadinanza italiana, ma permesso di soggiorno illimitato. La mia suocera italiana sta morendo, ed io vorrei sapere se posso ereditare la mia parte e…
Equitalia ed estero
Ho recentemente ricevuto una cartella da Equitalia per un totale assurdo di 150 mila euro riferiti al 2000: io vivo in Australia proprio dal 2000 e sono regolarmente iscritto all'AIRE dal 2005. Questa cartella mi e' stata notificata tramite raccomandata nel 2015 e sulla stessa viene scritto di precedenti notifiche…
Siamo stranieri che vorrebbero studiare in Italia e fruire di benefits riservati agli studenti – Qual è il nostro nucleo familiare?
Vivo a New York da sola nell'appartamento che appartiene a mio padre: pago l'affitto ogni mese e vorrei iscrivermi all'università di Trento, ma sto avendo dei dubbi per quanto riguarda l'ISEE-parificato e il nucleo familiare. Non sono a carico del padre per motivi fiscali (cioè non mi dichiara come a…
Nucleo familiare per modello ISEE e DSU corrente – Di quale nucleo familiare faccio parte?
Sono un cittadino italiano sposato con una donna peruviana con permesso di soggiorno, carta d' identità italiana, tessera sanitaria, cioè in regola. Abbiamo due figli minorenni con doppia cittadinanza (italo-peruviani). Matrimonio e atti di nascita sono regolarmente iscritti nell'attuale comune di residenza (Foligno). Siamo vissuti in Perù fino a settembre…

Briciole di pane

Altre info