Nuovo atto di precetto – Possono pignorare l’indennità di disoccupazione?

Ho ricevuto stamani un nuovo atto di precetto, si tratta di vari indebitamenti fatti dal mio ex marito, ci siamo separati nel 2011 e divorziati nel 2014.

Lui attualmente è residente all’estero ed io convivo nell’abitazione del mio nuovo compagno, non lavoro ho un piccolo sussidio di disoccupazione, cosa può succedermi?

Un primo creditore nel 2012 mi ha fatto decreto ingiuntivo e all’epoca lavoravo e mi avevano pignorato 1/6 dello stipendio, poi ho perso il lavoro e dei creditori più nulla.

Dopo anni di silenzi oggi torna l’incubo, sono preoccupata per l’abitazione del mio compagno e se dovessi trovare un nuovo lavoro automaticamente mi pignorano di nuovo?

L’indennità di disoccupazione ha natura previdenziale: l’articolo 38 comma 2 della Costituzione dispone, infatti, che i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.

Ora, l’articolo 545 del codice di procedura civile prevede, per le prestazioni di natura previdenziale, che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile, per crediti di natura ordinaria (banche, privati, finanziarie) nella misura del 20%.

Attualmente, l’importo dell’assegno sociale è pari a 448 euro: pertanto la sola parte dell’indennità di disoccupazione che eccede i 672 euro (importo dell’assegno sociale aumentato della metà) può essere pignorata nella misura di un quinto.

Non deve preoccuparsi per azioni esecutive sull’immobile di proprietà del suo compagno, ma di un eventuale pignoramento (di arredi) presso la residenza del debitore.

Se dovesse trovare un nuovo impiego, non è esclusa la possibilità di un pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro.

21 Giugno 2016 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Spese di giustizia da pagare - Possono pignorare la mia automobile?
Devo pagare delle spese giudiziarie per una causa di lavoro che ho perso, ma nel mentre ho perso anche il lavoro e non le posso pagare: l'unico bene che ho è l'auto, una mini cooper con ormai 300 mila chilometri. Volevo sapere se è considerata bene primario e quindi non pignorabile. ...

Atto di pignoramento al debitore - Possono pignorare l'auto della convivente?
Al mio convivente è stato pignorato un atto di pignoramento, lui è nullatenente e in casa non abbiamo nulla di valore a parte un tv 32 pollici: possono pignorare la mia auto? Sono molto in ansia per questa situazione. ...

Scadenza decreto ingiuntivo e precetto
Avendo subito tre pignoramenti dello stipendio circa 11 anni fa per il primo stanno procedendo a trattenermi un quinto mentre gli altri sono stati messi in coda. Oggi l'azienda per cui lavoro ha deciso di chiudere e di licenziare i dipendenti: naturalmente il primo credito non è stato ancora soddisfatto del tutto e non verrà ripagato neanche con il quinto del tfr. Ora, sono a chiedervi se dovessi trovare un nuovo lavoro tutti e tre i crediti essendo già passati più di 10 anni dal decreto ingiuntivo e dal precetto, prima di agire nel nuovo pignoramento devono fare un nuovo ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Nuovo atto di precetto – Possono pignorare l’indennità di disoccupazione?