Nel termine familiari fino al secondo grado di parentela deve intendersi compresa anche la propria moglie?

Ho ceduto una licenza commerciale per un accorpamento: secondo la legge non posso riaprire la stessa attività dello stesso settore merceologico per tre anni.

Sul testo c'è scritto: "... l'imprenditore cedente ed i suoi familiari fino al 2° grado di parentela devono impegnarsi, sotto la propria responsabilità, contestualmente alla revoca dell'autorizzazione, a non attivare per almeno tre anni ..."

Ora, premesso che tra moglie e marito NON esiste nessun rapporto di parentela, il funzionario mi contesta la parola "FAMILIARI" da intendersi come "componenti dello stesso stato di famiglia", invece io ritengo che, essendo scritto "FINO AL 2° GRADO..." sia da intendersi 1° e 2° grado.

Quindi, mia moglie (non parente di nessun grado) può riaprire un'attività dello stesso settore merceologico?

Il termine familiari comprende il coniuge, i parenti e gli affini: in ambito fiscale si distinguono poi i familiari conviventi e non del contribuente e viene coniato anche il termine altri familiari, con il quale ci si riferisce ai familiari (eventualmente anche non presenti nello stato di famiglia) quali possono essere il coniuge legalmente ed effettivamente separato, i discendenti dei figli, i genitori (compresi quelli adottivi), i generi e le nuore, al suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle (anche unilaterali), i nonni e le nonne.

Il termine familiari fino al 2° grado di parentela individua, pertanto, un sottoinsieme ben definito, comprendente il coniuge (anche quello legalmente ed effettivamente separato, ma non divorziato) nonché figli e genitori, fratelli e sorelle, nipoti in linea retta e nonni (tutti parenti entro il secondo grado).

Concludendo, secondo la legge, lei potrà riavviare un esercizio commerciale appartenente al medesimo settore merceologico della licenza ceduta, prima che siano decorsi tre anni, solo intestandola a terzi, oppure ad un parente almeno di terzo grado quale un nipote in linea collaterale (figlio cioè di fratelli o sorelle), un bisnipote (figlio di nipote in linea retta) o un bisnonno nonché ad affini come suoceri, nuora e genero (affini di primo grado), cognate e cognati (affini di secondo grado).

22 aprile 2017 · Ornella De Bellis

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Grado di parentela » Ecco come calcolarlo
La parentela è il vincolo che unisce le persone che discendono dalla stessa persona o, come il codice civile afferma, dallo stesso stipite. Vediamo come calcolarlo correttamente all'interno dell'articolo. Le persone che discendono da uno stesso stipite sono parenti fra loro. Il Codice civile stabilisce che la parentela sorge sia ...
IRAP - Cosa deve intendersi per attività non autonomamente organizzata
L'IRAP coinvolge una capacità produttiva "impersonale ed aggiuntiva" rispetto a quella propria del professionista (determinata dalla sua cultura e preparazione professionale) e colpisce un reddito che contenga una parte aggiuntiva di profitto, derivante da una struttura organizzativa "esterna", cioè da un complesso di fattori che, per numero, importanza e valore ...
Azione revocatoria - La parentela fra debitore ed acquirente è condizione per esercitarla
Il curatore fallimentare che intenda promuovere l'azione revocatoria ordinaria, per dimostrare che l'atto di disposizione, sul patrimonio effettuato dal debitore fallito, sia pregiudizievole per il recupero del credito, ha l'onere di provare tre circostanze: la consistenza del credito vantato dai creditori ammessi al passivo nei confronti del fallito; la preesistenza ...
Testamento olografo » Perchè deve essere autografo?
Per far diventare valido un testamento olografo è necessario che lo stesso sia interamente autografo, cioè che sia stato scritto a mano dal testatore. Non è legittimo, quindi, ed olografo un testamento che, sebbene firmato dal testatore, sia stato scritto a mano di altre persone, diverse dallo stesso, anche se ...
Separazione » No all'assegno divorzile se ex moglie si può permettere il mercedes
No all'assegno divorzile se l'ex coniuge si può permettere un'auto di lusso in leasing. L'uso di una vettura di grossa cilindrata è indicativo di una situazione di benessere. Infatti, non spetta l'assegno divorzile all'ex coniuge che acquisisca in leasing un'autovettura di lusso. L'uso di un'auto di grossa cilindrata dimostra l'insussistenza ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca