Subentro nella fornitura di acqua luce e gas (e fonia) con grado di parentela esistente fa cliente cessato moroso e cliente subentrante – Bisognerà saldare il debito del precedente utente moroso a cui è stata disattivata la fornitura?


Per i debiti pregressi, il gestore potrà rivalersi solo ed esclusivamente sul vecchio utente che li ha contratti

Nel 2016 mi è stato donato un immobile e mia madre ha mantenuto il diritto d’abitazione, che ad oggi ancora possiede: fino a poco tempo fa le utenze erano intestate a lei e ora che non vive più qui ho deciso di affittare l’immobile, quindi volevo procedere con le rispettive volture, ma il contatore della luce le è stato chiuso per una morosità che non vorrei pagare io e ho dovuto richiedere il subentro.

La mia domanda è la seguente: siccome c’è un grado di parentela, sono tenuta a ripagare tale debito? Come posso “discolparmi”? Se devo, lo pagherò io poiché non ho rapporti con mia madre, ma vorrei sapere prima se c’è un modo per tutelarmi. Vi ringrazio infinitamente.

Il subentro consiste nell’attivazione delle forniture delle utenze domestiche (acqua, luce e gas) da parte di un nuovo cliente, con qualsiasi venditore, in seguito alla cessazione del contratto del precedente cliente, per cui, eventualmente, c’è stata la disattivazione del contatore (per morosità o altro).

Il subentro si rende quindi necessario, nella fattispecie, dal momento che la precedente fornitura risulta essere stata disattivata e sarà quindi necessario riattivarla con aggravio di tempi e di costi.

Nel caso di subentro è, pertanto, chiaro che si tratta di due rapporti contrattuali distinti, con obbligazioni altrettanto distinte e imputabili quindi a soggetti diversi. Per i debiti pregressi, il gestore potrà rivalersi solo ed esclusivamente sul vecchio utente che li ha contratti.

E’ irrilevante che esista un rapporto di parentela fra intestatario delle utenze cessate e intestatario di quelle subentranti.

Peraltro, alla data in cui scriviamo ed alla luce di alcune novità giurisprudenziali e decisioni dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) anche nel caso di voltura, il nuovo intestatario delle utenze non ha nessun obbligo di accollarsi le morosità pregresse diel precedente utente. Il fornitore che pretendesse il pagamento dei debiti lasciati dal vecchio utente commetterebbe un illecito, indipendentemente da ciò che prevedono le condizioni generali di contratto.

Tuttavia, nella fattispecie, essendo stata disattivata la fornitura delle utenze, l’unica soluzione percorribile resta quella del subentro nei contratti di fornitura di luce, acqua e gas.

8 Ottobre 2022 · Giovanni Napoletano

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 148 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Subentro nella fornitura di acqua luce e gas (e fonia) con grado di parentela esistente fa cliente cessato moroso e cliente subentrante – Bisognerà saldare il debito del precedente utente moroso a cui è stata disattivata la fornitura?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.