Nel caso i soci della Sas non fossero d’accordo

Come posso obbligare i soci della sas a sostituirmi visto che è venuto a mancare il rapporto di fiducia che si consolidava nel fatto che io lavorassi all’interno dell’azienda. Adesso non lavoro più.

Può provare a comunicare formalmente all’erogante, agli altri coobbligati ed al beneficiario la sua intenzione di recedere per quel che attiene le obbligazioni assunte in futuro.

Questo le darà qualche “chance” in sede giudiziale, qualora le cose si mettessero male, di rispondere solo per l’eventuale debito che il fideiussore sarebbe chiamato a coprire, a far data della sua comunicazione, nei confronti del beneficiario.

4 Giugno 2012 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

i soci della sas non sono daccordo
Può provare a comunicare formalmente all'erogante, agli altri coobbligati ed al beneficiario la sua intenzione di recedere per quel che attiene le obbligazioni assunte in futuro. Questo le darà qualche "chance" in sede giudiziale, qualora le cose si mettessero male, di rispondere solo per l'eventuale debito che il fideiussore sarebbe chiamato a coprire, a far data della sua comunicazione, nei confronti del beneficiario. ...

Cambiali firmate da soci accomandatari a nome della sas - Cosa rischiano i soci accomandanti in caso di inadempimento?
Due soci accomandatari hanno firmato CON IL TIMBRO DELLA SAS alcune cambiali con scadenze mensili dal 2013 ad agosto 2015. Queste cambiali non sono state presentate. Nel frattempo il socio accomandatario ha fatto un accordo con il creditore e sta facendo dei bonifici mensili. Visto che tra poco il socio accomandatario smetterà di pagare, i soci accomandanti rischiano qualcosa? ...

Rifiuto della banca per un accordo transattivo a saldo stralcio del debito ed espropriazione della casa di proprietà
Dal 2010 ho in essere un contenzioso con la banca: avevo un debito di 11 mila euro e mi han fatto decreto ingiuntivo e pignoramento. Ho raggiunto un accordo per le rate ma la banca è andata avanti lo stesso fregandosene dei miei versamenti. Di fatto mi ritrovo tra interessi e spese a dover restituire ancora 8 mila euro nonostante ne abbia versati 7 mila. Il creditore ha chiesto la riscossione coattiva tramite pignoramento della casa di proprietà. Mi sono affidato ad una avvocato e dopo un anno di proposte di stralcio, non ho mai ricevuto una risposta, mai una. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Nel caso i soci della Sas non fossero d’accordo