Essendo un professionista, posso non pagare il mio fornitore per vizi della cosa venduta?

Ho installato presso un mio cliente degli infissi: mi sono accorto che la merce, inviata da un mio fornitore, presenta gravi difetti, non si riesce a chiudere , vetro camera sporco all'interno. Segnalato subito il tutto tramite pec all'azienda, con richiesta urgente di uscita loro tecnico. In risposta mi hanno detto di contattare il loro rappresentante. Detto fatto, si presenta e conferma verbalmente il grosso errore da parte dell'azienda produttrice. Il mio cliente inizia a tempestare di telefonate sia il sottoscritto che la ditta produttrice, scrive cattive recensioni e non intende pagare sino a quando il problema non viene risolto. Io posso non pagare la riba in scadenza? E se si come posso contestarla?

Il compratore decade dal diritto alla garanzia, se non denunzia i vizi al venditore entro otto giorni dalla scoperta. Se il vizio è apparente il termine decorre dalla consegna; se invece è occulto decorre dalla scoperta.

Quindi la merce ricevuta va, purtroppo, pagata e va fatto valere il diritto di garanzia se era stato contrattualmente concordato il pagamento alla consegna della merce.

Potrà, in seguito, eventualmente esperire azione giudiziale di riduzione del prezzo oppure di risoluzione del contratto, chiedendo la restituzione di quanto eventualmente già ricevuto in esecuzione del contratto (anche l'anticipo).

23 novembre 2017 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

vizi della merce venduta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Vizi della cosa venduta - Lo scontrino fiscale è prova dell'avvenuto acquisto
A fronte dell'acquisto al dettaglio di beni di consumo, acquisto che normalmente avviene verbalmente e attraverso lo scambio reale della cosa e del prezzo, non si può esigere dall'acquirente consumatore prova più specifica e dettagliata dell'acquisto che la produzione dello scontrino fiscale rilasciato dal negoziante: documento che è da ritenere ...
Vizi della cosa venduta e tutela del consumatore
In tema di compravendita, all'acquirente (creditore) sarà sufficiente denunciare la presenza di vizi o di difetti che rendano il bene consegnato inidoneo all'uso al quale è destinato o che ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore, essendo a carico del venditore (debitore) l'onere di dimostrare di avere consegnato una cosa ...
Garanzia per i vizi della cosa venduta - Se la consegna della merce è successiva alla conclusione del contratto l'acquirente può eccepirne comunque i vizi anche se aveva già visionato la merce presso il venditore
Il codice civile, all'articolo 1491 (esclusione della garanzia) dispone che non è dovuta la garanzia se al momento del contratto il compratore conosceva i vizi della cosa e ugualmente la garanzia non è dovuta, se i vizi erano facilmente riconoscibili, salvo, in questo caso, che il venditore abbia dichiarato che ...
Garanzia per i vizi della merce venduta » Il termine è di otto giorni
L'acquirente è obbligato a pagare interamente la merce acquistata anche se questa è scadente e lo ha dimostrato. Ciò per il fatto di non averlo denunciato entro 8 giorni dalla scoperta. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, che con la pronuncia 12384 del 21 Maggio 2013, ha sancito che: ...
Cosa venduta - Differenze fra garanzia per i vizi e garanzia di buon funzionamento
La disciplina della garanzia per vizi della cosa venduta pone il venditore in una situazione non tanto di obbligazione, quanto di soggezione rispetto all'iniziativa del compratore, intesa alla modifica del contratto od al suo annullamento: il compratore non dispone di un'azione di esatto adempimento per ottenere dal venditore l'eliminazione dei ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca