Rifiuto della banca per un accordo transattivo a saldo stralcio del debito ed espropriazione della casa di proprietà

Domanda di Fab
25 gennaio 2016 at 14:47

Dal 2010 ho in essere un contenzioso con la banca: avevo un debito di 11 mila euro e mi han fatto decreto ingiuntivo e pignoramento. Ho raggiunto un accordo per le rate ma la banca è andata avanti lo stesso fregandosene dei miei versamenti. Di fatto mi ritrovo tra interessi e spese a dover restituire ancora 8 mila euro nonostante ne abbia versati 7 mila. Il creditore ha chiesto la riscossione coattiva tramite pignoramento della casa di proprietà.

Mi sono affidato ad una avvocato e dopo un anno di proposte di stralcio, non ho mai ricevuto una risposta, mai una. Ora mi ritrovo con la lettera del geometra che vuole fare la perizia con la forza: il mio avvocato non sa piu come aiutarmi.

Cosa posso fare? Come posso obbligare la banca ad accettare uno stralcio o comunque una cifra equa per il pagamento?

Risposta di Simone di Saintjust
25 gennaio 2016 at 15:09

L'accordo a saldo stralcio con il creditore presuppone che quest'ultimo non abbia ancora avviato il ricorso ed ottenuto il decreto ingiuntivo dal giudice.

Una volta notificato il decreto ingiuntivo, in assenza di opposizione, il creditore può procedere con l'espropriazione forzata dei beni del debitore fino al soddisfacimento della somma portata dal titolo esecutivo.

E' evidente che, in questa fase, al creditore non conviene addivenire ad un accordo bonario, specie, come nella situazione a commento, se il debitore possiede beni pignorabili come la casa, uno stipendio o un conto corrente.

Deve purtroppo rassegnarsi a pagare la cifra residua (8 mila euro) prima che le tolgano l'immobile ed estinguere, così, con la conversione del pignoramento, la procedura di espropriazione. A tale proposito va precisato che in mancanza di un preciso accordo sottoscritto (nero su bianco e non verbale) con la banca, le rate versate costituiscono un atto unilaterale che comporta la mera compensazione di quanto corrisposto con l'importo indicato nel decreto ingiuntivo.

Per finire, se proprio non ce la fa a pagare, le conviene, considerato come si son messe purtroppo le cose, far effettuare il sopralluogo al tecnico incaricato dal giudice per la valutazione dell'immobile da vendere all'asta. Frapponendo ostacoli non ottiene alcun effetto se non quello di far lievitare ulteriormente le spese legali che saranno comunque poste a suo carico e portate in diminizione al ricavato dalla vendita.


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
accordo transattivo a saldo stralcio
casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio
decreto ingiuntivo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...
Agevolazioni prima casa » Separazione consensuale e attribuzione della proprietà al coniuge dopo il quinquennio: il beneficio resta
Il coniuge cui viene attribuita la proprietà della casa coniugale, in sede di separazione personale, non perde il diritto alle agevolazioni prima casa anche se è già proprietario di un'altro immobile. L'attribuzione al coniuge della proprietà della casa coniugale, infatti, in adempimento di una condizione inserita nell'atto di separazione consensuale ...
ISEE: l'immobile ora pesa di più » Ecco perché avere una casa di proprietà può essere un handicap
Isee: chi ha casa di proprietà sarà considerato benestante La prossima volta che presenterete il modello Isee per poter usufruire di qualche detrazione, potreste risultare, per lo stato, molto più ricchi, anche senza aver guadagnato un solo euro in più. È l'effetto del restyling dell'Isee che, come accennato in altri ...

Spunti di discussione dal forum

Atto di pignoramento della mia casa per un debito non pagato – Cosa posso fare?
Possiedo una casa di valore più o meno 100 mila euro, su cui grava un mutuo residuo non ancora finito di pagare di 20 mila euro, con rate regolari e tutte pagate fino ad ora. Il problema è con un finanziamento che presi con la banca di credito cooperativa di…
Per stipulare un accordo a saldo stralcio
C'è un debito iniziale del 2008 con Fiditalia di 12 mila euro che ha raggiunto i 18 mila con more e tasse (almeno da quello che dicono). Non ho mai ricevuto alcuna comunicazione cartacea. Nel 2013 abbiamo iniziato a pagare con cambiali verso Justitia Futura (debito ceduto a questa società)…
Debito e trattativa bancaria sostenibile – Posso proporre un saldo stralcio?
A causa di una attività chiusa più di dieci anni fa e non andata bene, una sentenza di primo grado mi condanna a 70 mila euro più interessi di risarcimento alla banca. Per evitare un pignoramento a vita che decurterebbe un quinto da un magro stipendio, già tra l'altro pignorato…
Ho chiesto un saldo stralcio alla banca e per tutta risposta hanno segnalato il credito in sofferenza in Centrale Rischi – Perché?
Avevo un debito rimanente verso una banca di euro 1800: non potendo più pagare, ho chiesto alla stessa, con una lettera a mezzo fax, la possibilità di un saldo e stralcio per importo di euro 600. La società creditrice mi ha scritto con lettera semplice in adempimento all'obbligo imposto dalla…
Debito con INPS per vecchi affitti INPDAP da rimborsare per sentenza – Possono pignorare un mio immobile conferito in un fondo patrimoniale?
Alla separazione mi hanno assegnato la casa con due minori in affitto con INPDAP: siamo finiti in tribunale e il giudice ha deciso che l'occupazione dei 5 anni pregressi la dovessi pagare io. Ora INPDAP è in mano a gestione patrimonio inps che mi chiede, come da sentenza, 36 mila…

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti