Ipoteca su nuda proprietà e ipoteca su usufrutto - Cosa accade in caso di espropriazione forzata dell'immobile?

La banca concede il mutuo per l'acquisto di un immobile di nuda proprietà (valore acquisto 80 mila euro, valore immobile 140 mila euro) senza chiedere all'usufruttuario di essere terzo datore di ipoteca.

Può quindi la banca mettere come ipoteca la nuda proprietà e non l'intera proprietà?

Evidentemente il creditore si ritiene garantito dalla sola ipoteca sulla nuda proprietà e non valuta utile estenderla all'eventuale usufrutto. Peraltro, l'ipoteca sull'usufrutto si estinguerebbe con la morte dell'usufruttuario, mentre l'ipoteca sulla nuda proprietà si estingue solo con l'estinzione dell'obbligazione.

Inoltre, in caso di omesso pagamento delle rate di rimborso del mutuo garantito da ipoteca sulla nuda proprietà dell'immobile acquistato, l'immobile può essere espropriato e l'usufruttuario (non debitore con diritto trascritto prima dell'insorgenza del credito) compensato con il valore dell'usufrutto calcolato al momento dell'espropriazione.

Nel caso specifico riportato, se, da un lato, l'esistenza di usufrutto non garantito da ipoteca potrebbe far perdere al creditore una parte del ricavato (quanto dovuto all'usufruttuario non debitore), la differenza fra importo richiesto per l'acquisto e valore commerciale dell'immobile assicura al creditore la capienza, nel ricavato di una eventuale vendita coattiva al netto del ristoro dovuto all'usufruttuario, dell'importo concesso a prestito.

25 marzo 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ipoteca

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Alternative al mutuo » L'ipotesi della nuda proprietà
Con la morsa della crisi che stringe sempre di più le famiglie del nostro, ridente, Paese, ottenere un mutuo è sempre più un ostacolo invalicabile. Inoltre, il mercato immobiliare non gode di stabilità. E' ora, quindi, di scoprire ed utilizzare valide alternative al mutuo prima casa: oggi parliamo della nuda ...
Pignoramento nuda proprietà e usufrutto - quando il debitore è nudo proprietario e quando il debitore è usufruttuario
Nel caso di pignoramento del diritto di proprietà ove risulti che il debitore è nudo proprietario si procede ugualmente alla vendita forzata del diritto di proprietà, il quale risulterà gravato del diritto reale di godimento. Oggetto della vendita forzata è, cioè, il medesimo diritto pignorato, con la particolarità che il ...
Agevolazioni prima casa » coniuge in regime di comunione - titolari di nuda proprietà ed altro
Coniuge in regime di comunione legale Nel caso in cui due coniugi, in regime di comunione legale, acquistino un appartamento da adibire ad abitazione principale, ma solo uno dei due possiede i requisiti soggettivi per fruire dell'agevolazione prima casa - in quanto, per esempio, l'altro ha già fruito dell'agevolazione in ...
Usufrutto e pignoramento
L'usufrutto è un diritto, quantificabile in valore e come tale pignorabile in caso di insolvenza debitoria. Il calcolo avviene sulla base del valore catastale dell'immobile e su tabelle attuariali. Se parliamo di usufrutto vitalizio, il suo valore si calcola applicando un determinato coefficiente (relativo all'età dell'usufruttuario) - che tiene anche ...
Cosa accade quando il creditore procedente espropria un bene che non è di proprietà del debitore
Quando un terzo fa valere il suo diritto di proprietà sull'immobile e lo sottrae a colui che l'ha comprato, ad esempio in seguito ad espropriazione coattiva e vendita giudiziale all'asta (aggiudicatario), si parla di evizione. Sia chiaro che il terzo non coincide con il debitore, dal momento che, per far ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca