Mutuo non pagato per un immobile garantito da ipoteca su cui insistono usufrutto e nuda proprietà

Vivo una situazione un po’ complicata: ho un mutuo in corso per un immobile del valore di circa 80 mila euro il mutuo é di 54 mila euro. Io sono l’intestatario del mutuo ma ho solo la nuda proprietà, mio padre é garante e ha l’usufrutto, é pensionato con mille euro mese ed é l’usufruttuario ma non sta pagando le rate, la terza é scaduta. Io non ho più il lavoro e non posso dargli una mano.

Cosa potrebbe succedere in questo caso? Oltre chiedo al fatto che la banca gli pignorerà 1/5 della pensione?

Il mutuo è garantito da ipoteca: i soggetti praticamente obbligati sono il figlio, in quanto nudo proprietario e titolare del finanziamento nonché il padre, in qualità di usufruttuario del bene garantito da ipoteca.

Alla settima rata non pagata, la banca invierà al titolare del contratto di mutuo una comunicazione di decadenza del beneficio del termine (DBT). Ovvero, chiederà il rimborso del debito residuo in un’unica soluzione.

In mancanza, la casa sarà pignorata, venduta all’asta ed espropriata.

Potranno, in questo probabile scenario, verificarsi due ipotesi.

Analizziamo il caso più semplice: il ricavato dalla vendita all’asta risultera superiore al debito. La parte residua sarà assegnata a padre e figlio. In che proporzioni? Se un bene ha un valore X è possibile stabilire con tabelle attuariali, sulla base dell’età dell’usufruttuario, quale è ii valore del bene spettante all’usufruttuario e quale al nudo proprietario. Secondo queste proporzioni verrà ripartito quello che residuerà dal ricavato della vendita, una volta saldato il creditore con capitale, spese legali ed interessi.

Analizziamo adesso il caso più complicato, ma più probabile. Il ricavato della vendita non soddisferà il credito vantato dalla banca. Il creditore, dopo la vendita all’asta, avanzerà ancora X euro. Di questi X euro ne dovranno rispondere il figlio nudo proprietario con una quota XNP ed il padre usufruttuario per una quota XUS, determinate secondo le stesse modalità descritte nella prima ipotesi.

La banca allora escuterà il padre (ex usufruttuario) per recuperare la somma XUS, magari procedendo con il pignoramento del quinto della sua pensione.

Quindi la banca si rivolgerà al figlio (ex nudo proprietario) per ottenere il rimborso della somma da lui dovuta pari a XNP euro. Se questi non sarà in grado di onorare il proprio debito, il creditore si rivolgerà nuovamente al padre per ottenere da lui, in qualità di garante, anche la somma dovuta dal figlio, pari a XNP euro. Poiché non è possibile pignorare più di un quinto della pensione, si allungherà il periodo nel quale il padre si vedrà effettuare il prelievo su quanto erogato mensilmente dall’INPS per poter soddisfare, in qualità di garante, il debito del figlio.

15 Dicembre 2014 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ipoteca su nuda proprietà e ipoteca su usufrutto - Cosa accade in caso di espropriazione forzata dell'immobile?
La banca concede il mutuo per l'acquisto di un immobile di nuda proprietà (valore acquisto 80 mila euro, valore immobile 140 mila euro) senza chiedere all'usufruttuario di essere terzo datore di ipoteca. Può quindi la banca mettere come ipoteca la nuda proprietà e non l'intera proprietà? ...

Ipoteca di primo grado per mutuo e di secondo grado in garanzia su immobile di proprietà - Quali gli scenari ipotizzabili?
Ho una situazione molto difficile, vi spiego: mutuo originario di 80 mila euro su appartamento, con valore di 45 mila euro. Successivamente scopro per caso di avere un ipoteca giudiziale di secondo grado da parte di una banca, in quanto ero firmatario a garanzia di un prestito di mio zio, prestito mai pagato. I firmatari a garanzia siamo in 5 tra cui me e mia moglie, anch'essa intestataria al 50% sia dell immobile che del mutuo. Essendoci un'ipoteca di primo grado so che la banca dell ipoteca giudiziale non può agire, ma so anche che non pagando regolarmente il mutuo ...

Mutuo fondiario - Azione ordinaria di espropriazione di immobile garantito da ipoteca
Il mutuo, le quietanze, la contabilizzazione dei ratei di ammortamento sono titoli esecutivi. In tema di azione esecutiva sui beni ipotecati a garanzia di finanziamenti fondiari l'aggiudicatario o l'assegnatario possono subentrare, senza autorizzazione del giudice dell'esecuzione, nel contratto di finanziamento stipulato dal debitore espropriato, assumendosi gli obblighi relativi, purché entro quindici giorni dalla data dell'aggiudicazione o dell'assegnazione paghino alla banca le rate scadute, gli accessori e le spese. Il trasferimento del bene espropriato e il subentro nel contratto di finanziamento restano subordinati all'emanazione del decreto di trasferimento all'aggiudicatario il bene espropriato: in tal modo l'aggiudicatario si surroga al creditore pignorante. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Mutuo non pagato per un immobile garantito da ipoteca su cui insistono usufrutto e nuda proprietà