Mutui variabili su tasso EURIBOR manipolato dal 2005 al 2009 – Come ottenere risarcimento?

Argomenti correlati: ,

Faccio parte dei malcapitati che hanno stipulato, anni addietro, (io precisamente nel 2008) dei mutui ipotecari, a tasso variabile, basati sull’Euribor, che sarebbe stato manipolato a vantaggio degli istituti di credito.

Ho saputo che finalmente è stata pubblicata la sentenza che dichiara illeciti quei tassi.

E’ vero?

Sapete dirmi qualcosa in più?

Siamo ancora in una fase ipotetica: comunque potrebbero esserci dei risarcimenti in vista per tutti coloro hanno stipulato contratti di mutuo a tasso variabile (su base Euribor) negli anni che vanno dal 2005 al 2009.

Il riferimento è ad una sentenza della Commissione Europea in verità datata 2013 (caso n. AT 39914 del 3 dicembre 2013).

Perché allora non fece notizia e invece se ne parla ora? Perché la sentenza è stata pubblicata solo adesso, dopo 5 anni.

Le circostanze previste a favore degli utenti delle banche sarebbero, in particolare, quelli che contemplavano tassi di mutui che si basavano sul Tasso interbancario di offerta in euro (Euribor).

In pratica un tasso calcolato sistematicamente e che si basa sulle oscillazioni medie di interesse finanziario in Euro registrato dalle maggiori banche appartenenti alla Comunità Europea.

Nel caso specifico era stato riscontrato un cartello tra le principali banche europee allo scopo di manipolare a proprio vantaggio il corso dell’Euribor.

La decisione della Commissione Europea, risalente al 2013 ma pubblicata solo ora, aveva quindi portato alla condanna di 4 tra le più note Banche europee, con l’accusa di aver manipolato il tasso di interesse che incideva poi sui mutui di milioni di cittadini europei, nel periodo che va dal 2005 al 2009.

Queste quattro banche sono state condannate a 1,7 miliardi di multa, ma ora stanno iniziando anche le cause a livello nazionale dei singoli cittadini.

Dunque la domanda è questa: la sentenza della Commissione Europea può avere effetto in Italia e, se si, in quali termini?

Per adesso, l’unico riferimento è quanto stabilito dal Tribunale di Nocera Inferiore: infatti, di fronte alla richiesta di nullità di un contratto di mutuo fondiario alla luce della pronuncia europea, è stato deciso di rimettere la causa in istruttoria perché un consulente tecnico proceda a scorporare le componenti passive pagate a titolo di componente Euribor.

Si attende di sapere come proseguirà la vicenda per capire se ci potrà essere un importante precedente nel nostro Paese.

27 Marzo 2018 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutui - qual è la differenza tra tasso Bce e tasso Euribor?
Ho letto che una delle novità contenute nel provvedimento anti-crisi, varato dal Governo agli inizi di dicembre, prevede dal primo gennaio 2009 l'obbligo per le banche italiane di offrire mutui agganciati al tasso Bce e non all'Euribor. Ma perché è nata l'esigenza di questo cambiamento? E, soprattutto, in che misura ciò si traduce in un vantaggio per i mutuatari? Vorrei inoltre capire qual è la differenza tra il tasso Bce e quello Euribor. Grazie per l'attenzione, Sergio Benvenuto - Roma ...

Sui nuovi mutui prima casa scatta la scelta: tasso Bce o rate agganciate all'Euribor
Una più completa pubblicità delle condizioni dei mutui mediante una nuova documentazione informativa circa le caratteristiche dei prodotti offerti dalle banche per l'acquisto della abitazione principale: è questo lo scopo dell'istruzione di vigilanza datata 30 dicembre 2008 e diramata dalla Banca d'Italia sul proprio sito internet (il testo è riportato qui in basso), in conseguenza dell'articolo 2, comma 5, del decreto legge 29 novembre 2008 numero 185. ...

Cosa si può dire di definitivo sul problema della scelta fra tasso fisso e tasso variabile per un mutuo casa? E' vero che i mutui a tasso variabile sono più rischiosi?
Devo acquistare casa ed ho bisogno di un mutuo: alcuni mi consigliano il tasso variabile, asserendo che a lungo termine è più conveniente di quello fisso, altri mi dicono che il tasso fisso è troppo rischioso per una famiglia. La stessa banca a cui mi sono rivolta per l'erogazione del mutuo, mi consiglia di scegliere un tasso variabile, confortata dal fatto, dice, che l'euribor è in discesa. Cosa si può dire di definitivo sul problema della scelta fra tasso fisso e tasso variabile per un mutuo casa? E' vero che i mutui a tasso variabile sono più rischiosi? Un grazie ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Mutui variabili su tasso EURIBOR manipolato dal 2005 al 2009 – Come ottenere risarcimento?