Multa per furgone aziendale circolante con parabrezza scheggiato - Deve pagare il conducente?

Salve a tutti, recentemente mi é stata notificata una multa risalente al 2014 che mi diedero direttamente sul posto e non é mai stata pagata dal mio datore di lavoro: mi fu contestato il vetro del furgone crepato (lo feci già presente più volte al mio capo ma non fu mai riparato) ed ovviamente ho dovuto dare i miei dati in quanto lo stavo guidando io in quella giornata. Ora, a distanza di 4 anni mi é arrivata la notifica che la multa non é stata pagata e quindi pagarla entro 30 giorni con tanto di interessi (pena il pignoramento dello stipendio, fermo veicolo ecc.) Chiedo se sia giusto che debba pagarla io nonostante sia stata una contravvenzione per la manutenzione del mezzo (che ovviamente non era compito mio in quanto dipendente) e non per un'errore mio (ad esempio divieto di sosta, semaforo rosso...)?

I veicoli a motore ed i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l'inquinamento. Nel regolamento sono stabilite le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali ed a quelle dei dispositivi di equipaggiamento cui devono corrispondere i veicoli, particolarmente per quanto riguarda i pneumatici e i sistemi equivalenti, la frenatura, i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, la limitazione della rumorosità e delle emissioni inquinanti.

Chiunque circola con un veicolo che presenti alterazioni nelle caratteristiche costruttive e funzionali prescritte, o è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335.

Questo è quanto dispone l'articolo 79 del codice della strada.

In particolare, poi, l'articolo 175 dello stesso codice al comma 2 lettera h, vieta la circolazione sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali di veicoli le cui condizioni di uso, equipaggiamento e gommatura possono costituire pericolo per la circolazione.

Ora, è fuori di dubbio che un parabrezza parzialmente scheggiato o incrinato possa costituire un pericolo per la circolazione, dal momento che qualora il dissesto si estendesse all'intero parabrezza, come è possibile durante la corsa, per effetto di vibrazioni o della pressione del vento, ciò comporterebbe, per il conducente, la riduzione improvvisa della visibilità, con tutte le disastrose conseguenza, anche per gli altri veicoli, che ne possono derivare.

Morale della favola: in qualità di conducente lei avrebbe dovuto rifiutarsi categoricamente di prendere strada con quel veicolo: per far valere, invece, l'eventuale costrizione indotta dal datore di lavoro ed il fatto di avere in più occasioni denunciato le precarie condizioni di stato del parabrezza, avrebbe dovuto pagare subito la sanzione amministrativa comminatale e chiedere successivamente il rimborso all'azienda.

Adesso, c'è poco, o meglio nulla, da fare per poter rimediare ad una multa, ingiusta nel senso che avrebbe dovuto essere accollata all'azienda.

5 ottobre 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Multe con auto aziendale elevata a dipendente » Spetta al datore di lavoro comunicare i dati del conducente
In caso di una o più multe elevate ad un dipendente, senza contestazione immediata, mentre risulta alla guida di un'autovettura aziendale, spetta al datore di lavoro l'obbligo della comunicazione dei dati del conducente. Risponde il datore di lavoro della mancata comunicazione dei dati del conducente se l'infrazione stradale è stata ...
La multa: pagare o proporre ricorso
La prima possibilità'è provvedere al pagamento dell'infrazione commessa (che è , tra l'altro, in misura ridotta) entro 30 gg dalla notifica, conservando poi le ricevute di pagamento per almeno 5 anni.  In taluni casi, però , è legittimo - in quanto consentito dalla legge- se non addirittura giusto, ricorrere. Il ricorso ...
Multa - Il ricorso inibisce la possibilità di ottenere lo sconto
In caso si pensi di aver subito una multa ingiustamente, ci sono due alternative. La prima è il ricorso al prefetto competente per territorio entro 60 giorni dalla data di contestazione o di notifica del verbale. Va presentato al comando dal quale dipende l'agente accertatore o inviato per raccomandata a/r. ...
La multa pagata in ritardo
Ho pagato una multa con un solo giorno di ritardo. E adesso, dopo quattro anni,  ricevo una cartella esattoriale. E' mai possibile che accada per un solo giorno di ritardo? Spero si possa fare qualcosa. Nell'attesa di un vostro riscontro, vi saluto con cordialità. Massimo Terenzi, La Spezia. I  destinatari ...
Comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni
Quando non c'è contestazione immediata della multa e l'infrazione commessa è sanzionata con la decurtazione dei punti patente, il verbale viene notificato  al proprietario del veicolo il quale ha l'obbligo,  entro 60 giorni dalla notifica, di comunicare  i dati dell'effettivo trasgressore per poter procedere nei suoi confronti. La mancata comunicazione dei ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca