Morosità non colpevole di bollette relative alla fornitura di energia elettrica

Lo zio intestatario del vecchio contratto Enel è morto lasciando delle bollette scoperte: io, la nipote, non erede, ho fatto un nuovo contratto con Eni che non mi vuole far partire l’erogazione finché non sistemo la morosità con Enel che è proprietaria dei contatori e fanno ostruzionismo al mio nuovo contratto.

Vorrei capire se ho io l’obbligo di pagare bollette di mio zio deceduto nonostante non figuro come erede? E se no come fare a procedere per farmi attivare il servizio?

Come è noto, il subentro, a differenza della voltura, comporta l’attivazione della fornitura da parte di un nuovo cliente e con qualsiasi venditore in seguito alla cessazione del contratto da parte del cliente precedente, anche riconducibile a decesso di quest’ultimo.

Nel caso di subentro è chiaro che si è di fronte a due contratti differenti, e quindi il nuovo utente non dovrà rispondere dei debiti del vecchio utente. Si tratta, infatti, di due rapporti contrattuali distinti, con obbligazioni altrettanto distinte e imputabili quindi a soggetti diversi. Per i debiti pregressi, il vecchio fornitore potrà agire solo ed esclusivamente sul vecchio utente che li ha contratti, o nei confronti degli eredi del cliente moroso deceduto.

Anche la giurisprudenza e l’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato (Antitrust) hanno chiarito che il nuovo venditore non potrà mai rifiutarsi di attivare la fornitura a chi chiede il subentro, motivando il diniego con le morosità lasciate dal vecchio contraente. E ne consegue che il nuovo venditore non potrà, come nel caso di cui ci occupiamo, pretendere il pagamento delle pendenze lasciate dal precedente utente al precedente venditore, non attivando la fornitura di erogazione di energia.

Detto questo, e considerato che lei non risulta essere erede dello zio deceduto intestatario del vecchio contratto di fornitura, non le resta che procedere con il reclamo da indirizzare ad ENI, con raccomandata AR, in cui lamenterà la mancata attivazione della fornitura nei tempi massimi previsti dalla legge.

Effettuato il reclamo, il cliente non allacciato potrà poi procedere a richiedere un equo indennizzo appena siano decorsi 40 giorni dalla data di ricevimento del reclamo da parte dell’ENI, qualora persista l’atteggiamento di chiusura all’erogazione della fornitura, in caso di mancata risposta o di risposta ritenuta non soddisfacente.

Ricordiamo, infatti, che la richiesta di attivazione presentata al venditore deve essere da questi trasmessa entro 2 giorni lavorativi al distributore, il quale deve attivare la fornitura entro 5 giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta.

Se l’attivazione della fornitura viene effettuata oltre il tempo previsto, il cliente domestico ha diritto a ricevere un indennizzo automatico di 35 euro per attivazioni realizzate entro il doppio del tempo previsto, di 70 euro entro il triplo del tempo previsto, di 105 euro oltre il triplo del tempo previsto.

28 Settembre 2016 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Morosità bollette fornitura energia elettrica
Sono stato cliente ENEL Energia fino a due anni fa, a causa di bollette da me considerate davvero troppo alte, ho chiesto una rateizzazione per una bolletta di oltre 400 euro, e poi sono passato al ENI Gas e Luce: sto parlando di fornitura di energia elettrica. Negli ultimi due mesi sono stato letteralmente preso d'assedio al telefono da società di recupero crediti ed anche da ENI gas e luce: tutti mi chiedono di pagare una misteriosa fattura di 213 euro: premetto che la rateizzazione fatta con ENEL Energia di 4 rate ne ho pagata solo una: ENEL Energia non ...

Richiesta pagamento da società di recupero crediti per bollette relative a fornitura di energia elettrica mai ricevute
L'altro giorno mi ha telefonato una addetta di una società di recupero crediti richiedendomi il pagamento di due bollette per energia elettrica risalenti al 2015, per conto della società che in allora mi forniva l'energia. Proprio l'anno scorso, a mia insaputa, l'azienda fornitrice ha dirottato il mio contratto sull'ENEL senza darmene alcuna comunicazione. Il contratto era stato effettuato telefonicamente con la registrazione della conversazione telefonica. Io avevo chiesto l'addebito dei consumi su conto corrente bancario e rilasciato tutti gli estremi per l'attivazione di questa forma di pagamento. La ditta non ha mai provveduto in tal senso e, ogni tanto ricevevo ...

Cmor - Corrispettivo di MORosità per le forniture di energia elettrica
Ho letto che, in base ad una sentenza del TAR Lombardia risalente al 2013, il Cmor non sarebbe stato più indicato in fattura ma io lo ritrovo in bolletta Enel. Il problema è che Edison (fornitore precedente di Energia Elettrica) richiede quanto devo loro anche per conto proprio con continue telefonate e messaggi telefonici. Come posso fare a capire cosa e come pagare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Morosità non colpevole di bollette relative alla fornitura di energia elettrica