Mio fratello ha sperperato i soldi di mia madre e adesso non vuole nemmeno contribuire alle spese funebri - Come obbligarlo?

Alla morte di mio padre (2012) ho accettato per legittima la mia quota ereditaria così come mio fratello e mia madre. Io ho una mia famiglia e vivo con essa da prima del decesso di mio padre.

Contrariamente, mio fratello invece è sempre vissuto con i genitori ed è dal 2008 che non lavora più.

Nel 2016, ho scoperto per caso che stavano arrivando cartelle di Equitalia, a nome di mio padre, per contravvenzioni stradali, bolli auto non pagati, canoni tv, etc. più debiti verso privati di bollette gas, acqua luce, telefono, assicurazioni, etc. etc. tutte post morte.

Questo, derivante dal fatto che mio fratello dal momento che mio padre è mancato non ha pagato assolutamente nulla, seppur godeva in toto della pensione di mia mamma, e di una discreta somma dai miei genitori accantonata durante la loro vita lavorativa e che è stata letteralmente dilapidata da lui.

Certo del fatto che lui fosse onesto, perché mio fratello, e che post successione avesse provveduto a volturare tutto a suo nome, tra cui anche l'auto che mi aveva assicurato aver fatto, aggiustandosi tramite agenzia amica e che non era necessaria la mia presenza per il passaggio, ma non è stato così.

Sottolineo che nella cifra accantonata dai genitori vi era anche la mia quota ereditaria che non ritirai il momento in cui ne avrei avuto diritto per lasciarla a disposizione di eventuale assistenza futura a mia madre, ma lui l'ha sperperata.

Ad oggi sono intervenuto con le risorse finanziarie della famiglia (lavoriamo io e mia moglie) pagando debiti intestati a mio padre conosciuti per oltre 20.000 euro, speriamo non ne arrivino più.

Ora, mia madre si è ammalata ed è una malata terminale con ancora poche settimane di vita. Io è da inizio 2017 che dò assistenza totale sia fisica che economica. Adesso, lei è ricoverata presso una casa di riposo di cui pago parte della retta con la pensione ed il resto di nostra tasca.

Mio fratello, appena lei è andata in ospedale per la malattia, seppur Lei disabile al 100% riconosciuta, ha abbandonato il domicilio fiscale ed è andato a vivere presso amici fregandosene totalmente del problema e lasciando tutto a mio carico compresa la gestione e manutenzione dell'abitazione dove entrambi vivevano.

Ora, presto ci sarà il funerale e alla domanda di come affrontare il problema, lui mi ha risposto che non gli interessa, e che se voglio ci devo pensare io, e di conseguenza così sarà il relativo atto di successione. Lui non intenderà pagare.

Dalla settimana scorsa oltretutto, stanno anche arrivando cartelle Equitalia intestate a mia mamma per irpef non versata. Cosa che avrebbe sempre dovuto gestire lui avendo avuto incarico della gestione della pensione di mia mamma per il suo nucleo famigliare.

In ultimo, nella cassetta della posta giacciono decine di avvisi di atti giudiziari intestati a mio fratello che neanche va a ritirare e che vanno a sommarsi a molti altri che ho trovato nei cassetti di casa. So di certo che ci sono anche avvisi di Equitalia ma non solo, come finanziarie che sollecitano i pagamenti per qualche decine di migliaia di euro datati 2007/2008.

Trovato anche sparsi moduli di richiesta di finanziamenti compilati con vari tentativi di falsificazione della firma di mia mamma. Speriamo nessuno abbia accettato un modulo senza la presenza della persona firmataria.

Legalmente non so come agire. Intendendo comunque rientrare in possesso almeno delle cifre spese, quelle future (funerale +successione), della quota di denaro mio da lui sperperato e salvaguardare gli immobili oggetto dell'eredità passata (padre) e futura (madre).

Salvaguardare i beni costituiti con mia moglie da eventuali coinvolgimenti per l'aver accettato l'eredità ed in ultimo cosa fare per gestire mio fratello, visto che sono l'unico parente che ha.

Mi sembra di capire che lei non abbia alcuna intenzione di rinunciare esplicitamente ai cespiti immobiliari lasciati da sua madre: dovrà però prudentemente accettare l'eredità con beneficio di inventario, se non vuole coinvolgere in questa storia i beni familiari (di moglie e figli).

Per i debiti lasciati da suo padre e da sua madre dovrà risponderne nella misura del 50% avendo sempre cura, tuttavia, di indicare al creditore dei suoi genitori l'altro obbligato per quota ereditaria (cioè suo fratello): altrimenti rischia di essere chiamato a ripianare integralmente le pretese (tributarie e non).

Le spese funebri dovrà accollarsele lei (a meno di non lasciare su madre in balia dei necrofori comunali) e poi, nel caso, agire giudizialmente nei confronti del fratello per la restituzione della metà dei costi sostenuti: non c'è altra strada. Le spese di successione potrà anche evitarle, per il momento, se non è in possesso di alcun bene appartenente a sua madre, potendo accettare con beneficio di inventario nel termine decennale decorrente dal decesso (a meno che un creditore non la costringa ad optare prima dei dieci anni).

Per non compromettere l'eventuale accettazione dell'eredità quando si sarà reso conto della consistenza dei debiti lasciati da sua madre, avrà anche l'onere di vigilare sulle richieste di rimborso per i presunti prestiti ad ella erogati, ma in realtà ottenuti con firma apocrifa: non sarebbe la prima volta che impiegati conniventi eroghino finanziamenti in assenza di firma apposta personalmente dal richiedente. Ove si verificasse una tale evenienza non le resterebbe altra scelta, volendo tutelare il patrimonio accettato con beneficio di inventario, di denunciare suo fratello all'autorità giudiziaria al fine di poter efficacemente disconoscere il debito.

Per quanto attiene, infine, i soldi sperperati da suo fratello temo ci sia poco da fare: il denaro è un bene fungibile e sarebbe difficile dimostrare che le risorse non siano state impiegate per spese personali o di assistenza effettuata da sua madre nel suo precipuo interesse.

31 ottobre 2017 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione eredità con beneficio inventario
eredità e successione
ripartizione spese funerarie

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Miserie umane ed eredità - spese del funerale e crediti alimentari
Padre, madre e fratelli coltelli. Muoiono i genitori, uno dei fratelli paga i funerali, poi si rivolge al tribunale per ottenere dall'altro la metà delle spese sostenute. Secondo il ricorrente, infatti, è pacifico che le spese funerarie siano da ricomprendersi fra i pesi ereditari e, pertanto, il coerede che le ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Anche alle madri lavoratrici autonome o imprenditrici i benefici previsti per le madri lavoratrici dipendenti
Come sappiamo, al fine di sostenere la genitorialità , promuovendo una cultura di maggiore condivisione dei compiti di cura dei figli all'interno della coppia e per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, il padre lavoratore dipendente, entro i cinque mesi dalla nascita del figlio, ha l'obbligo di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca