L’addetto al recupero crediti minaccia un’azione giudiziale – Sarà vero?

Ho chiesto ed ottenuto, tempo fa, un prestito da una finanziaria: fino a pochi mesi fa ho sempre pagato con la massima puntualità. Dopodiché ho perso il lavoro. Al che ho sottoscritto un piano di rientro che, ahimè, non sono riuscito a rispettare non avendo più un euro.

Dopo innumerevoli solleciti (posta elettronica, posta cartacea, telefonate ed addirittura sms), quest’oggi mi chiama un signore (dell’Ufficio recupero crediti) dotato di un sarcasmo imbarazzante, il quale mi dice che mi arriverà a casa un avviso che mi indicherà l’attivazione dei procedimenti legali (Giudice di Pace).

Io gli ho ricordato che più volte ho detto e risposto ai vari solleciti che pagherò quando riprenderò a lavorare e che riconosco il debito nei confronti della Società. Egli mi ha risposto che ora è troppo tardi e che si attiveranno secondo l’iter giuridico.

Devo crederci? Come devo comportarmi?

Supponiamo che la minaccia dell’addetto al recupero crediti sia reale e che lei non abbia conti in banca gravidi di euro e nemmeno immobili al sole da ipotecare. L’addetto passerà la sua pratica ad un fantomatico ufficio legale il quale, procurandosi un decreto ingiuntivo dal Giudice di pace, le notificherà un atto di precetto.

A questo punto la società di recupero crediti avrà speso qualche centinaio di euro in contributi unificati, spese di notifica e carte bollate e si troverà al punto di prima.

Le sembra un comportamento razionale per un soggetto economico?

Lei chiede come comportarsi: ha, forse, qualche altra opzione? Può cioè scegliere di pagare il debito senza farne altri? Se no, non le resta che attendere tempi migliori senza preoccuparsi, più di tanto, dello stizzito sarcasmo dell’operatore del contact center, che, ahimè, ha visto andare in fumo l’ennesima, agognata, provvigione …

4 Agosto 2015 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Visite domiciliari non autorizzate di addetti al recupero crediti
Da qualche ho interrotto tutti i pagamenti alla finanziariacreditrice per un prestito personale e due carte revolving, non più sostenibili, per una serie di spese sopraggiunte che ho dovuto, e mio malgrado dovrò continuare ad affrontare. Ero preparato all'assalto del recupero crediti, ma probabilmente non lo si è mai abbastanza. Vivo in un appartamento con la mia compagna e le mie due figlie minorenni. La mia compagna non è al corrente della mia situazione debitoria ne tanto meno di quella di insolvenza, vorrei che le cose restassero tali. Ho dirottato la posta in arrivo presso una casella postale e diffidato ...

Messaggio sms recupero crediti che minaccia visita domiciliare e/o sul luogo di lavoro - Reagire come?
È un periodo che mi trovo in grosse difficoltà economiche é sono spesso contattato da società di recupero credito non sempre rispondo una di queste mi ha mandato un SMS dicendomi che se non saldo con la massima urgenza il debito tramite vaglia postale intestato alla finanziaria che ha erogato il credito, seguirà visita domicilio e sul posto di lavoro di un esattore. Ma possono inviare questi messaggi? ...

Non riesco a pagare, ho perso il lavoro ed una società di recupero crediti minaccia di pignorarmi casa
Io ho sempre lavorato e per fortuna avevo un buon stipendio, ma ho perso il lavoro da tempo e sopravvivo con 900 euro al mese che riesco ad alzare. Per fortuna casa era di proprietà, ma alcune vecchie rate di vari prestiti non riesco a saldarli e sono in ritardo , la domanda è ..... Possono togliermi casa come mi minacciano, cosa posso fare ? La COMPAS e AGOS mi dicono che posso prendere i bollettini vecchi e pagarli quando ho soldi , ma sono tempestato di telefonate con minacce sulla mia casa, come devo comportarmi? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic L’addetto al recupero crediti minaccia un’azione giudiziale – Sarà vero?