L'addetto al recupero crediti minaccia un'azione giudiziale - Sarà vero?

Ho chiesto ed ottenuto, tempo fa, un prestito da una finanziaria: fino a pochi mesi fa ho sempre pagato con la massima puntualità. Dopodiché ho perso il lavoro. Al che ho sottoscritto un piano di rientro che, ahimè, non sono riuscito a rispettare non avendo più un euro.

Dopo innumerevoli solleciti (posta elettronica, posta cartacea, telefonate ed addirittura sms), quest'oggi mi chiama un signore (dell'Ufficio recupero crediti) dotato di un sarcasmo imbarazzante, il quale mi dice che mi arriverà a casa un avviso che mi indicherà l'attivazione dei procedimenti legali (Giudice di Pace).

Io gli ho ricordato che più volte ho detto e risposto ai vari solleciti che pagherò quando riprenderò a lavorare e che riconosco il debito nei confronti della Società. Egli mi ha risposto che ora è troppo tardi e che si attiveranno secondo l'iter giuridico.

Devo crederci? Come devo comportarmi?

Supponiamo che la minaccia dell'addetto al recupero crediti sia reale e che lei non abbia conti in banca gravidi di euro e nemmeno immobili al sole da ipotecare. L'addetto passerà la sua pratica ad un fantomatico ufficio legale il quale, procurandosi un decreto ingiuntivo dal Giudice di pace, le notificherà un atto di precetto.

A questo punto la società di recupero crediti avrà speso qualche centinaio di euro in contributi unificati, spese di notifica e carte bollate e si troverà al punto di prima.

Le sembra un comportamento razionale per un soggetto economico?

Lei chiede come comportarsi: ha, forse, qualche altra opzione? Può cioè scegliere di pagare il debito senza farne altri? Se no, non le resta che attendere tempi migliori senza preoccuparsi, più di tanto, dello stizzito sarcasmo dell'operatore del contact center, che, ahimè, ha visto andare in fumo l'ennesima, agognata, provvigione ...

4 agosto 2015 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

recupero crediti
recupero crediti – abusi e molestie al debitore o ai suoi familiari
visite domiciliari sms e contatti telefonici indesiderati dell'agente di recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartelle esattoriali originate da multe » Si al ricorso per sollecito di pagamento
Chiunque riceva solleciti di pagamento per cartelle esattoriali originate da multe per il codice della strada non pagate può ancora presentare ricorso presso il giudice di pace e sperare nell'annullamento dell'intero debito maturato verso la pubblica amministrazione. Il ricorso, infatti, può essere proposto non solo nei confronti della cartella di ...
Recupero crediti scorretto » Antitrust sospende Ge.Ri. S.r.l.
Recupero crediti con pratiche scorrette: l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) sospende la società GE.RI. Le agenzie di recupero crediti GE.RI ed ELLIOT facevano pervenire ai consumatori pressanti solleciti di pagamento di presunti crediti, talvolta con la minaccia di azioni legali e addirittura l'annuncio di una visita da ...
La black list delle società di recupero crediti sanzionate per pratiche ingannevoli o aggressive
Pratica aggressiva consistente in finte citazioni in giudizio, per tentare di recuperare, attraverso studi legali, presunti crediti acquisiti dalla società di telecomunicazioni LTS, con l'indicazione fittizia della data della prima udienza; e senza che segua alcuna iscrizione della causa a ruolo, presso sedi di Giudici di Pace sistematicamente diverse da ...
Citazione del debitore presso una sede giudiziale incompetente - Società di recupero crediti sanzionata dall'Antitrust
E' considerata aggressiva una pratica commerciale che, nella fattispecie concreta, tenuto conto di tutte le caratteristiche e circostanze del caso, mediante molestie, coercizione, compreso il ricorso alla forza fisica o indebito condizionamento, limita o è idonea a limitare considerevolmente la libertà di scelta o di comportamento del consumatore medio in ...
Diffida e messa in mora del debitore
La raccomandata A/R di diffida serve ad avvertire un soggetto che, se mettesse in pratica o continuasse a praticare determinate azioni, illegittime o indesiderate, ci si rivolgerà all'autorità competente. Esempi pratici: - continuano ad arrivare solleciti di pagamento quando avete già provveduto o a cui non siete tenuti; - vi ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca