Non riesco a pagare, ho perso il lavoro ed una società di recupero crediti minaccia di pignorarmi casa

Io ho sempre lavorato e per fortuna avevo un buon stipendio, ma ho perso il lavoro da tempo e sopravvivo con 900 euro al mese che riesco ad alzare.

Per fortuna casa era di proprietà, ma alcune vecchie rate di vari prestiti non riesco a saldarli e sono in ritardo , la domanda è .....

Possono togliermi casa come mi minacciano, cosa posso fare ?

La COMPAS e AGOS mi dicono che posso prendere i bollettini vecchi e pagarli quando ho soldi , ma sono tempestato di telefonate con minacce sulla mia casa, come devo comportarmi?

Purtroppo, quando il creditore è un privato, una banca o una finanziaria, in teoria, è possibile iscrivere ipoteca e poi espropriare l'immobile anche di valore consistente, nonostante si agisca per un credito esiguo.

C'è da aggiungere, nel caso specifico, che lei non ha, attualmente, un lavoro stabile che consenta il pignoramento dello stipendio e, dunque, non lascia alcuna alternativa a creditore e giudice.

Comunque, tutto dipende dalla determinazione del singolo creditore [A] e dalla valutazione dei rischi e dei benefici (futuri) in rapporto all'obbligo (presente) di dover comunque anticipare spese correnti certe, pari o superiori al credito per il recupero del quale si decide di procedere.

E' evidente che anche il creditore [A] corre i suoi rischi: una volta avviata l'azione esecutiva, un'altro creditore [B] potrebbe iscrivere ipoteca prima del creditore [A], per un importo che copre l'intero valore commerciale dell'immobile.

Oppure, il debitore potrebbe, nel frattempo, costituire sull'immobile di proprietà, prima dell'iscrizione di ipoteca e del pignoramento avviato dal creditore [A], un diritto di abitazione o di usufrutto a favore di terzi, rendendo il bene difficilmente collocabile sul mercato, anche attraverso una vendita all'asta.

Al creditore [A] rimarrebbe l'opzione di esercitare una azione revocatoria degli atti perfezionati dal debitore con il creditore [B] o con i terzi, se riesce a provarne la dissimulazione. Ma, in questo caso, la strada del recupero delle spese legali e del credito vantato si farebbe sempre più impervia.

Personalmente non credo che la società di recupero crediti sia realmente intenzionata a portare a termine la minaccia con una qualsiasi azione esecutiva. Ma, il suggerimento, nel dubbio, è quello di cercare di raggiungere un accordo.

In alternativa, se proprio si vogliono andare a "vedere le carte" in mano al creditore, qualora si sospetti un bluff e si è, tuttavia, disposti a sostenere un eventuale ulteriore aggravio del debito, si può attendere e rimborsare il dovuto solo in sede di conversione del pignoramento.

29 luglio 2014 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Esattore nel recupero crediti - un lavoro come un altro
Non lavoro ormai da anni, è difficile per me tirare avanti e, a parte un possibile part time a tempo indeterminato in un negozio (del quale sarei comunque sicuro) ho appena ricevuto da un mio parente l'invito ad unirmi a lui per fare recupero crediti per un paio di agenzie ...
Recupero crediti » Pratiche aggressive ed ingannevoli
Recupero crediti: il nuovo incubo dei consumatori, tra persecuzioni telefoniche e lettere di minacce . Ma è lecito quello che fanno queste società? Di seguito vi proponiamo uno schema delle pratiche più scorrette adottate da queste aziende di recupero. Ad esempio, può accadere che nonostante la disdetta inoltrata regolarmente la ...
Siete indebitati e le società di recupero crediti vi perseguitano? Ecco come comportarsi
Ci riferiremo, tanto per fissare le idee, a debiti derivanti da acquisti effettuati avvalendosi di contratti di finanziamento per il così detto credito al consumo. La finanziaria, che non riesce a recuperare le somme erogate, non agisce direttamente contro il debitore. In genere non è organizzata, nè ha le competenze, ...
Minacce dagli esattori di recupero crediti – La giurisprudenza conferma che si tratta di reato di estorsione
Non serve la prova di una percentuale pattuita sulla somma da riscuotere. La fattispecie più lieve ex articolo 393 Cp va esclusa se i toni dell'intimidazione sono tali da andare oltre ogni ragionevole intento di far valere un diritto in modo arbitrario. Scatta il reato di estorsione per chi terrorizza ...
Debiti e società di recupero crediti – consigli da seguire se si decide di pagare 
Gentile debitore, se proprio ha intenzione di pagare, segua questi consigli: innanzitutto lei deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca