Lettera di autorizzazione all’esazione dei crediti

Un recupero credito (Sorec) mi ha spedito tramite email dopo mia richiesta (dove chiedevo raccomandata) la lettera di acquisizione debito, e c’è scritto “19/12/2018, con la presente Vi autorizziamo ad esigere per conto dello Scrivente, ma senza conferimento di alcun potere di rappresentanza, il pagamento degli importi a carico del seguente debitore: ecc ecc “. C’è pure scritto pratica ex Iustitia futura che aveva acquisito il credito il 4/11/2014.

Possono esigere il debito da me? non mi hanno mai mandato una raccomandata. Forse ne ricordo una di molti anni fa di Iustita futura, ma da Dicembre 2018 data in cui sorec ha preso il debito non mi è mai arrivato nulla a casa. come posso procedere? Chi mi garantisce che poi non mi chiedano ancora altri soldi e che mi cancellano dal CRIF?

L’accertamento circa la legittimità della pretesa di riscuotere il credito ceduto pro soluto o pro solvendo (in questo ultimo caso il mandatario SOREC riscuote su autorizzazione del mandante IUSTITIA FUTURA, ricavando una provvigione per il servizio reso) si acquisisce con copia della lettera di cessione o di mandato. Se vogliamo, tale documento dovrebbe essere autenticato: di solito, però, ci si accontenta di una copia semplice dando per scontato che non si tratti di un documento artefatto con Photoshop aut similia.

Una garanzia sull’autenticità del mandato si può ricavare dal fatto che comunque i pagamenti devono essere effettuati in favore del mandante (Iustitia Futura). Certo, per ricostruire la filiera completa lei avrebbe bisogno di copia della lettera di cessione dal creditore originario che le erogò il prestito a IUSTITIA FUTURA (da chiedere alla finanziaria che le erogò il prestito o alla cessionaria IUSTITIA FUTURA, non certo a SOREC).

Comunque sia tale documentazione può essere inviata al debitore in qualsiasi modo, non è necessaria una raccomandata AR. La cancellazione dall CRIF è automatica e scatta tre anni dopo la regolarizzazione della posizione (se il creditore segnalante aggiorna i dati) o dopo cinque anni dalla prima segnalazione (se tale scadenza cade prima del triennio successivo alla regolarizzazione). Qualora ciò non accada, il debitore deve richiedere personalmente la cancellazione alla CRIF esibendo la quietanza liberatoria (e le comunicazioni di cessione del credito o di mandato a riscuotere).

14 Maggio 2019 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Recupero crediti per un debito di più di dieci anni fa (secondo me)
Sono stato contattato da IFIS banca per un debito di più di 10 anni (fa secondo me): si tratta di un finanziamento per una palestra che se non ricordo male era sui 500/600 euro! Alla ragazza ho chiesto "scusi ma non va in prescrizione, visto che forse sono passati 10 anni?" la sua risposta è stata "ci risulta che ha ricevuto una raccomandata tempo fa" io non ricordo nessuna raccomandata e non so nemmeno come abbiano avuto il mio numero di cellulare che ho cambiato da 2 anni. Mi ha chiesto 855 euro e ha detto che l'unica cosa che ...

Lettera da società di recupero crediti per un prestito che non posso più pagare causa licenziamento
Anni fa presi un finanziamento con Unicredit, nel novembre 2014 ho perso il lavoro, ma ho continuato a pagare regolarmente fino a settembre 2015 quando ho finito i soldi della liquidazione: da lì è subentrata un'assicurazione che ha coperto le rate per circa un anno. Ovviamente sono stato contattato da varie società di recupero crediti, sempre ignorate: ieri mi è stata recapitata una lettera (non raccomandata) da una società (doBank) incaricata da Unicredit alla riscossione del debito. In questa lettera mi viene chiesto di chiamare i loro incaricati per avere un incontro per, cito il testo scritto, scongiurare soluzione alternativa ...

Lettera di autorizzazione all'esazione dei crediti
L'accertamento circa la legittimità della pretesa di riscuotere il credito ceduto pro soluto o pro solvendo (in questo ultimo caso il mandatario SOREC riscuote su autorizzazione del mandante IUSTITIA FUTURA, ricavando una provvigione per il servizio reso) si acquisisce con copia della lettera di cessione o di mandato. Se vogliamo, tale documento dovrebbe essere autenticato: di solito, però, ci si accontenta di una copia semplice dando per scontato che non si tratti di un documento artefatto con Photoshop aut similia. Una garanzia sull'autenticità del mandato si può ricavare dal fatto che comunque i pagamenti devono essere effettuati in favore del ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Lettera di autorizzazione all’esazione dei crediti