Età di pensionamento e anzianità di contribuzione per addetti a lavori usuranti e per lavoratori precoci

Ho iniziato a lavorare intorno ai diciotto anni, con contributi previdenziali regolarmente versati, in una cava di marmo: vorrei sapere a che età potrò andare in pensione, perché con il passare degli anni gli acciacchi aumentano, le forze diminuiscono e non ce la faccio proprio più.

Non vorrei andare in pensione con quota 100 perchè ci perdo troppo.

Si definiscono lavori usuranti i lavori svolti all’interno di gallerie, cave e miniere e in ambiti sotterranei; i lavori in cassoni ad aria compressa e quelli svolti in spazi particolarmente ristretti (ad esempio nell’ambito delle costruzioni navali o all’interno di pozzetti e intercapedini); i lavori di conduzione di mezzi pesanti con almeno 9 posti destinati al servizio di trasporto pubblico; i lavori in catena di produzione nell’ambito di processi produttivi in serie, caratterizzati dalla ripetizione costante del ciclo lavorativo; lavori svolti dai palombari;le mansioni che comportano l’esposizione ad alte temperature e quelle relative alla lavorazione del vetro cavo; le mansioni di asportazione dell’amianto, quando siano svolte con carattere di continuità e prevalenza.

Per chi ha svolto lavori usuranti non opera lo scatto relativo all’innalzamento dell’aspettativa di vita per la pensione di vecchiaia, che matura aancora a 66 anni e 7 mesi. Ma c’è di più: i lavoratori che hanno svolto lavori usuranti possono ottenere il diritto alla pensione anticipata accumulando, tra età e contributi, una quota pari a 97,6. Tale quota deve essere raggiunta con un’età di almeno 61 anni e 7 mesi e con un’anzianità contributiva almeno pari a 35 anni e a condizione che il lavoro usurante sia stato svolto per un periodo pari ad almeno la metà della vita lavorativa dell’interessato.

Ancora, se il lavoratore ha svolto lavoro usurante ed ha versato almeno un anno di contributi entro il diciannovesimo anno di età, può fruire della pensione anticipata riservata ai lavoratori precoci, con il solo requisito di 41 anni di contributi.

4 Ottobre 2019 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

TFS in presenza di cessione del quinto e di un prestito delega - Come funziona nel caso di pensionamento anticipato (quota 100) del debitore?
Sto per andare in pensione anticipata con quota 100 e ho ancora da pagare 8 anni di cessione del quinto dello stipendio e 4 anni di prestito delega. Il Trattamento di Fine Servizio (TFS) me lo danno o la trattengono per pagare le cessioni di cui sopra? Come funziona? ...

Contribuzione per lavori di ristrutturazione delle parti comuni in edificio bifamiliare
Ho acquistato appartamento in bifamiliare con due proprietà, senza regolamento condominiale e senza amministratore: dopo l'acquisto ho constatato gravità deterioramento parti comuni (muri portanti , ecc.). Ho chiesto all'altra proprietà di contribuire pro-quota (50% dato che sono appartamenti di uguale metratura) nelle spese di ristrutturazione (importo circa euro 30 mila) Dall'Incontro ho avuto la netta impressione che vogliano "scappare" ovvero prendere tempo e non pagare (eseguendo ad esempio Preliminare Vendita Trascritto). Cosa posso fare per cautelarmi? Pensavo di fare ricorso o domanda in Tribunale tale per cui la Trascrizione nei RR.II. indurrebbe il Notaio a NON STIPULARE. ...

Prossimità al pensionamento - Criterio legittimo di individuazione dei lavoratori da licenziare in procedura collettiva di riduzione del personale
La determinazione negoziale dei criteri di scelta dei lavoratori da licenziare, che si traduce in un accordo sindacale concluso dai lavoratori attraverso le associazioni sindacali che li rappresentano, deve rispettare non solo il principio di non discriminazione, ma anche il principio di razionalità, alla stregua del quale i criteri concordati devono avere i caratteri dell'obiettività e della generalità e devono essere coerenti col fine dell'istituto della mobilità dei lavoratori. In materia di licenziamenti collettivi per riduzione di personale, la legge ha introdotto un significativo elemento innovativo consistente nel passaggio dal controllo giurisdizionale ad un controllo dell'iniziativa imprenditoriale, concernente il ridimensionamento ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Età di pensionamento e anzianità di contribuzione per addetti a lavori usuranti e per lavoratori precoci