La compagnia che si finge ENEL e ti addebita 130 euro in conto corrente - Conoscete Switch Power?

Qualche settimana fa sono stata contattata telefonicamente, presso la mia abitazione, da un'operatore, il quale affermava di lavorare per "Enel Energia Mercato Libero".

Il ragazzo mi ha proposto di migliorare il mio attuale contratto di fornitura energetica, che era in scadenza, con una ottima riduzione mensile.

Inoltre, sapeva costo attuale e in che fascia rientrava il contratto che avevo stipulato con ENEL.

In più, durante la registrazione il ragazzo non ha chiesto nessun dato sensibile perchè erano già in loro possesso: questa per me ulteriore dimostrazione di essere in contatto effettivo con il mio fornitore.

Così, mi ha confermato l'invio della proposta di Enel Energia Mercato Libero via email-

Ho risposto che prima di decidere avrei atteso il ricevimento della sua email per analizzarne il contenuto.

Qualche giorno dopo, con mia grande sorpresa, ho notato sul mio conto corrente l'addebito di € 130,00 da parte di Switch Power srl, per servizi che non ho mai richiesto e che non ho mai autorizzato.

Che devo fare per riavere i soldi?

Come devo muovermi?

Se davvero, e non ho alcun motivo di dubitarne, lei non ha mai sottoscritto e trasmesso a chicchessia un modulo di autorizzazione all'addebito, allora le suggerisco di presentare un reclamo scritto (con raccomandata AR) alla banca presso la quale intrattiene il rapporto di conto corrente oggetto del prelievo in questione, intimandola a ricostituire il saldo comprensivo dei 130 euro, non avendo mai autorizzato l'addebito di tale somma e disconoscendo, fin d'ora, la firma apposta in qualsiasi documento che attestasse il contrario.

Trascorsi 30 giorni dalla data in cui le risulterà pervenuto il reclamo alla controparte, qualora i soldi illegittimamente prelevati non fossero stati riaccreditati in conto corrente, procederà con un ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario.

Il ricorso potrà essere trasmesso anche on line, utilizzando il form disponibile sul sito dell'Arbitro, consiste in una semplice memoria in cui vengono riepilogati i fatti (con gli allegati attestanti l'inoltro del reclamo alla controparte), prevede il solo esborso di 20 euro per i diritti di segreteria (che saranno restituiti in caso di accoglimento della domanda di risarcimento), non necessita di supporto legale.

Ulteriori info sulla procedura da seguire può trovarle qui.

17 marzo 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ricorso arbitro bancario finanziario
tutela consumatore gas acqua luce - situazioni particolari

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pubblicità ingannevole » Lo spot fraudolento di Enel Energia
L'Antitrust (Agcm) con il bollettino del 23 Settembre 2013 ha dichiarato di aver inflitto alla società di Enel Energia una sanzione di centomila euro: il motivo è rappresentato dalla pubblicità dell'offerta Tutto compreso gas, ritenuta ingannevole. Le pratiche commerciali scorrette sono un brutto vizio da cui non si salva proprio ...
Consumi presunti in bollette luce e gas - L'antitrust castiga ACEA, ENEL, ENI ed EDISON
Per migliaia di clienti di ACEA, ENEL, ENI ed EDISON, la fatturazione di gas ed energia elettrica è avvenuta in assenza di dati di misura reale e per estesi periodi di consumo: sono stati utilizzati algoritmi di calcolo che hanno determinato stime errate, con la conseguente, reiterata emissione di fatture ...
Fatture energia elettrica e gas: arrivano i cacciatori di bollette » Eni, Enel, Edison e Sorgenia si affidano a società di recupero crediti
Le società erogatrici di energia non riescono più a riscuotere le somme delle fatture inviate ai consumatori, così, entrano in scena i cacciatori di bollette: scopriamo chi sono. Dall'inizio della crisi, ormai circa 10 anni fa, molte famiglie e aziende italiane sono in difficoltà. Chi ha perso il proprio lavoro, ...
Il fornitore di acqua luce e gas non può procedere al distacco se nel frattempo il cliente moroso ha saldato il debito
Il contratto di utenza di energia elettrica è inquadrabile nello schema del contratto di fornitura e pertanto la clausola contrattuale che prevede la facoltà del fornitore di sospendere l'erogazione di energia elettrica nel caso di ritardato pagamento, anche di una sola bolletta, rappresenta una specificazione contrattuale e costituisce quindi una ...
Enel: stalking ad un consumatore per il pagamento di una bolletta » Non c'è danno esistenziale
La società Enel pressa ingiustamente un consumatore per una bolletta: ciò nonostante non si configura un danno esistenziale. Nonostante gli elementi portati dal consumatore, come la sindrome ansiosa-depressiva da lui sofferta, non si può ritenere provato il danno ipoteticamente legato alla condotta aziendale. Questo, in breve, l'orientamento espresso dalla Corte ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca