La compagnia che si finge ENEL e ti addebita 130 euro in conto corrente – Conoscete Switch Power?

Qualche settimana fa sono stata contattata telefonicamente, presso la mia abitazione, da un’operatore, il quale affermava di lavorare per “Enel Energia Mercato Libero”.

Il ragazzo mi ha proposto di migliorare il mio attuale contratto di fornitura energetica, che era in scadenza, con una ottima riduzione mensile.

Inoltre, sapeva costo attuale e in che fascia rientrava il contratto che avevo stipulato con ENEL.

In più, durante la registrazione il ragazzo non ha chiesto nessun dato sensibile perchè erano già in loro possesso: questa per me ulteriore dimostrazione di essere in contatto effettivo con il mio fornitore.

Così, mi ha confermato l’invio della proposta di Enel Energia Mercato Libero via email-

Ho risposto che prima di decidere avrei atteso il ricevimento della sua email per analizzarne il contenuto.

Qualche giorno dopo, con mia grande sorpresa, ho notato sul mio conto corrente l’addebito di € 130,00 da parte di Switch Power srl, per servizi che non ho mai richiesto e che non ho mai autorizzato.

Che devo fare per riavere i soldi?

Come devo muovermi?

Se davvero, e non ho alcun motivo di dubitarne, lei non ha mai sottoscritto e trasmesso a chicchessia un modulo di autorizzazione all’addebito, allora le suggerisco di presentare un reclamo scritto (con raccomandata AR) alla banca presso la quale intrattiene il rapporto di conto corrente oggetto del prelievo in questione, intimandola a ricostituire il saldo comprensivo dei 130 euro, non avendo mai autorizzato l’addebito di tale somma e disconoscendo, fin d’ora, la firma apposta in qualsiasi documento che attestasse il contrario.

Trascorsi 30 giorni dalla data in cui le risulterà pervenuto il reclamo alla controparte, qualora i soldi illegittimamente prelevati non fossero stati riaccreditati in conto corrente, procederà con un ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario.

Il ricorso potrà essere trasmesso anche on line, utilizzando il form disponibile sul sito dell’Arbitro, consiste in una semplice memoria in cui vengono riepilogati i fatti (con gli allegati attestanti l’inoltro del reclamo alla controparte), prevede il solo esborso di 20 euro per i diritti di segreteria (che saranno restituiti in caso di accoglimento della domanda di risarcimento), non necessita di supporto legale.

Ulteriori info sulla procedura da seguire può trovarle qui.

17 Marzo 2018 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Switch power e addebiti in conto corrente non richiesti - Riavrò i miei soldi?
In merito a questa domanda, sulla "truffa" perpetrata da Switch Power con l'acquisizione dell'IBAN e l'addebito dei 130 euro sul conto corrente, non ho ricevuto risposte positive dalla mia banca. Sembra che i soldi siano prelevati dalla compagnia in modo legittimo. Ma io non ho mai richiesto ne dato il consenso per stipulare alcun abbonamento. Cosa devo fare, denunciarli? ...

Contratto Enel
Un mio parente ha affittato una sua attività a gennaio e ha chiuso il suo contratto con Enel energia (pagando tutto). Adesso gli è arrivato un conguaglio che parte da agosto 2007 fino a dicembre 2008 di 1500 euro circa: possibile che gli arrivi dopo 4 anni? Premetto che sto mio parente ha sempre pagato tutto e tutto puntualmente!Aggiungo che ha una causa(che si concluderà a dicembre) in corso sempre con Enel energia. Perché un paio di anni fa per sbalzi di corrente gli si sono bruciati alcuni macchinari: può essere che si vogliono rifare di ciò (dato che la ...

Attivazione di forniture non richieste di energia elettrica alle famiglie - Sanzionate Switch Power e Union
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (anche nota come AGCM e Antitrust) ha concluso tre procedimenti istruttori per pratiche commerciali scorrette adottate dalle società Switch Power s.r.l. e Union s.r.l., attive nella fornitura di energia elettrica, nonché dall'impresa individuale Prima Consulenza, che forniva presunti servizi di manutenzione e consulenza nel settore energetico, irrogando sanzioni per un valore complessivo pari a 900.000 euro. I tre professionisti concludevano contratti a distanza, mediante teleselling, in assenza di consenso da parte dei consumatori, sulla base di informazioni ingannevoli o omissive in ordine alla identità della società e alla natura dei servizi offerti, nonché ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic La compagnia che si finge ENEL e ti addebita 130 euro in conto corrente – Conoscete Switch Power?