Internet gratis grazie alla pubblicità? - Ecco Wibi: startup del Wifi

Ho sentito dire che un'azienda promette internet gratis, grazie alla visualizzazione di alcuni minuti di pubblicità giornalieri: la startup si chiamerebbe Wibi.

E' vero?

Come funziona?

E' nata una nuova idea di startup del wifi: nasce in Calabria e investe su connessioni internet gratuite in cambio di pubblicità: si chiama Wibi, e punta a coprire tutto il territorio Italiano dal 2019.

Si sa, qualsiasi cosa su internet si può trovare gratis o quasi.

Ma l'unica per cui siamo ancora disposti a pagare è proprio l'accesso a internet stesso.

E se anche questo diventasse gratis, per sempre?

Forse si può.

Dov’è la fregatura?

Nessun trucco: con l'offerta base, Wibi offre la possibilità di avere internet gratis con velocità 10 megabit, a fronte di un costo di attivazione – una tantum – di 180 euro e della visione di 4 minuti di pubblicità al giorno.

Al momento sono attivi solo in provincia di Crotone, ma mirano a essere presenti nelle principali città italiane entro il 2019.

Per il momento l'azienda conta circa circa 800 clienti, ma il numero di richieste che rice ogni giorno è anche eccessivo rispetto alle possibilità attuali.

Ogni tecnico riesce a fare tre oquattro attivazioni al giorno, e considerando che gli addetti, pero ora, sono tre, si riescono fare una decina di attivazioni giornaliere quando va bene.

Nel frattempo, arrivano richieste di privati che chiamano addirittura dal Trentino-Alto Adige o da altre zone montane.

Dall'azienda, credono che l'investimento cresca a dismisura e la copertura diventerà nazionale entro il 2019.

Staremo a vedere.

13 agosto 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cattivi pagatori e schedatura nei SIC – Informazioni da Tribunali e Uffici di Pubblicità Immobiliare
Si tratta di informazioni pubbliche, ossia messe a disposizione di tutti i soggetti interessati dalle fonti stesse da cui provengono (Tribunali e Uffici di Pubblicità Immobiliare - le ex Conservatorie), che riguardano il valore patrimoniale degli immobili posseduti da persone fisiche e giuridiche e permettono di valutare eventuali situazioni di ...
Pubblicità ingannevole » Agcm multa 7 società di valutazione auto
Pubblicità ingannevole: l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust o Agcm) ha sanzionato per pratiche commerciali aggressive e scorrette sette diverse società di valutazione auto. Sanzioni per complessivi 735mila euro a 7 società che pubblicizzavano sul web un servizio apparentemente gratuito di valutazione delle auto, salvo chiedere successivamente il ...
Pubblicità comparativa » Prodotti non omogenei? E' concorrenza sleale
In tema di pubblicità comparativa, vi è concorrenza sleale se il video dello spot, anche pubblicato sul web, mette a confronto due prodotti non omogenei tra loro in quanto appartenenti a categorie differenti. Parola del Tribunale di Milano. Pubblicità comparativa: Prodotti non omogenei? E' concorrenza sleale » Di cosa si ...
Accesso ad internet - da giugno 2017 il cliente avrà diritto al rimborso se la velocità effettiva di navigazione risulterà inferiore a quella pubblicizzata dal provider
A partire dal giugno 2017, saranno vietate le tariffe roaming nell'Unione Europea (e nei Paesi dello Spazio economico Europeo - SEE) per le chiamate, per l'invio di messaggi di testo e per l'utilizzo di internet tramite dispositivi mobili. Intanto, a partire dal 30 aprile 2016, le maggiorazioni del roaming per ...
Utilizzo personale della navigazione in internet e della posta elettronica aziendale durante l'orario di lavoro - Illegittimo il licenziamento del dipendente se la sua condotta non ha arrecato danno all'attività produttiva
L'uso improprio di strumenti di lavoro aziendali e nella specie del personal computer in dotazione, delle reti informatiche aziendali e della casella di posta elettronica, non giustificano il licenziamento disciplinare, qualora non emerga che l'utilizzo personale della posta elettronica e della navigazione in internet abbiano determinato una significativa sottrazione di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca