Debitore gravato da pignoramento dello stipendio e nuovo lavoro


Se cambio lavoro per chiusura attività del vecchio (pignoramento presso terzi) avrò già subito il quinto pignorato qualsiasi lavoro nuovo faccia e a qualsiasi somma anche bassa di stipendi o(non c’è un minimo vitale da lasciare?) o ci sarà un nuovo precetto e pignoramento su di me o sulla ditta nuova nel caso in cui la finanziaria non fosse stata soddisfatta dal quinto del tfr? E nel caso avrò modo di fare un accordo senza avere il cappio del pignoramento addosso a vita? Cioè sono pignorata in automatico o un nuovo giudice dovrà fare una nuova sentenza semmai?

Con la pronuncia 70/2016, la Consulta ha ricordato che non si può ritenere costituzionalmente illegittima la norma che prevede l’impignorabilità assoluta del minimo vitale solo per le pensioni, escludendo gli stipendi e i salari più esigui da tale beneficio.

Dunque, il cosiddetto minimo vitale è applicabile esclusivamente al pignoramento della pensione e non al pignoramento dello stipendio.

Essendo il nuovo datore di lavoro terzo pignorato, in quanto soggetto giuridico o persona fisica, diverso dal precedente, il creditore insoddisfatto dovrà procedere con nuovo precetto e nuovo atto di pignoramento, mentre il titolo esecutivo (decreto ingiuntivo, assegno o cambiale impagata, sentenza) resta il medesimo.

11 Gennaio 2019 · Giorgio Martini



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debitore gravato da pignoramento dello stipendio e nuovo lavoro