Ho revocato una domiciliazione bancaria su un conto corrente ma i postini hanno continuato a pagare - Come tutelarmi?

Un paio di mesi fa, in seguito ad un contenzioso con Fastweb che mi aveva addebitato circa 60 euro per servizi mai forniti (sto ancora aspettando il trasloco della linea ADSL) ho disposto la revoca della domiciliazione bancaria precedentemente autorizzata.

Ieri, visualizzando l'estratto conto on line mi sono accorto che Poste Italiane aveva prelevato e trasferito a Fastweb altri 141 euro dal mio conto corrente, nonostante la revoca dell'addebito permanente. Ho subito un'altra rapina anche, e soprattutto, grazie alla incompetenza degli ex postini. Cosa posso fare?

Lei dovrebbe muoversi secondo due direttrici: la prima finalizzata a contestare a Fastweb la mancata attivazione del trasloco della linea ADSL e recuperare il primo addebito non dovuto di 60 euro, quando la domiciliazione bancaria in conto corrente non era stata ancora revocata; la seconda per chiedere il rimborso a Poste Italiane dell'importo di 141 euro indebitamente stornato in assenza di autorizzazione.

Quindi, dovrà inviare a Fastweb, con raccomandata AR, formale reclamo per chiedere di riattivare il servizio, di corrispondere gli indennizzi previsti dalla normativa vigente in caso di ritardo, nonché il rimborso di quanto prelevato dal conto corrente per una fornitura fatturata ma in realtà mai effettuata. Espletata questa formalità potrà avviare la procedura di conciliazione presso il CORECOM (COmitato REgionale per le COMunicazioni) della regione in cui risiede. Troverà qui l'elenco dei Corecom regionali per l'esperimento del tentativo di conciliazione obbligatorio nell'ambito delle controversie tra organismi di telecomunicazioni e utenti.

Anche per quanto riguarda il contenzioso instauratosi con Poste Italiane, dovrà innanzitutto presentare reclamo, sempre con raccomandata AR, per chiedere il rimborso dei 141 euro trasferiti senza autorizzazione a Fastweb, allegando copia dell'istanza di revoca della domiciliazione bancaria che avrà certamente conservato (o attestato della raccomandata Ar con cui disponeva la revoca).

Trascorsi 30 giorni dal reclamo, restando silente Poste Italiane e in assenza del rimborso in conto corrente dell'importo prelevato senza autorizzazione, potrà sottoporre la questione all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Si tratta di una procedura molto semplice, non richiede assistenza tecnico legale né presenza del ricorrente nel corso della discussione arbitrale; il ricorso si presenta inviando un dossier ove vengono descritti i fatti ed allegati i documenti di prova (l'istanza di revoca presentata a Poste Italiane, nella fattispecie) insieme al versamento di 20 euro che verranno restituiti dalla controparte in caso (qui, certo) di accoglimento del ricorso.

31 ottobre 2017 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente e libretto di deposito
tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente Bancoposta Click e carta di pagamento Postamat - I postini ne combinano un'altra
Bancoposta Click è un conto corrente online a zero spese, con piena operatività del servizio internet banking, che Poste Italiane ha offerto ai propri clienti dal 2008 al gennaio 2016. Con l'attività promozionale, sul sito web di Poste Italiane, il prodotto Bancoposta Click veniva pubblicizzato come particolarmente conveniente, in quanto ...
Conto corrente postale » Le nuove disposizioni dopo l'istruttoria dell'Antitrust
Conto corrente postale (BancoPosta): con la conclusione dell'indagine dell'Antitrust (Agcm), Poste Italiane ha deciso di adottare nuove regole a favore dei propri correntisti, per consentire tempi più rapidi e costi minori. Tra le nuove disposizioni è previsto il rispetto di tempo massimo di chiusura del conto corrente in 15 giorni. ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Consentire lo svuotamento del conto da parte di uno dei cointestatari può costare caro alla banca
In tema di responsabilità della banca rispetto alla abusiva gestione, da parte di uno dei cointestatari a danno dell'altro, di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, l'ABF ha attribuito rilievo, ai fini dell'obbigo di restituzione imposto alla banca delle somme prelevate, alla circostanza che il prelievo da un conto ...
Servizi postali e Iva » Tar respinge ricorso di Poste Italiane dopo sentenza Agcm
Servizi postali: l'Antitrust (Agcm), nel 2013, a proposito dell'esenzione dell'Iva da parte di Poste Italiane, aveva sancito che la società aveva abusato della propria posizione dominante, dando un ultimatum, alla stessa, di 180 giorni, entro i quali avrebbe dovuto applicare l'imposta nei servizi postali negoziati individualmente per non discriminare i ...
Conto corrente cointestato e diritto dell'erede di uno dei cointestatari ad accedere alla documentazione bancaria
Il Testo Unico Bancario (TUB) sancisce il diritto del cliente e di colui che gli succede a qualunque titolo a ottenere a proprie spese copia della documentazione inerente a singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni. Se si considera che l'erede (o il coerede) subentra nella stessa posizione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca