Ho revocato una domiciliazione bancaria su un conto corrente ma i postini hanno continuato a pagare – Come tutelarmi?

Un paio di mesi fa, in seguito ad un contenzioso con Fastweb che mi aveva addebitato circa 60 euro per servizi mai forniti (sto ancora aspettando il trasloco della linea ADSL) ho disposto la revoca della domiciliazione bancaria precedentemente autorizzata.

Ieri, visualizzando l’estratto conto on line mi sono accorto che Poste Italiane aveva prelevato e trasferito a Fastweb altri 141 euro dal mio conto corrente, nonostante la revoca dell’addebito permanente. Ho subito un’altra rapina anche, e soprattutto, grazie alla incompetenza degli ex postini. Cosa posso fare?

Lei dovrebbe muoversi secondo due direttrici: la prima finalizzata a contestare a Fastweb la mancata attivazione del trasloco della linea ADSL e recuperare il primo addebito non dovuto di 60 euro, quando la domiciliazione bancaria in conto corrente non era stata ancora revocata; la seconda per chiedere il rimborso a Poste Italiane dell’importo di 141 euro indebitamente stornato in assenza di autorizzazione.

Quindi, dovrà inviare a Fastweb, con raccomandata AR, formale reclamo per chiedere di riattivare il servizio, di corrispondere gli indennizzi previsti dalla normativa vigente in caso di ritardo, nonché il rimborso di quanto prelevato dal conto corrente per una fornitura fatturata ma in realtà mai effettuata. Espletata questa formalità potrà avviare la procedura di conciliazione presso il CORECOM (COmitato REgionale per le COMunicazioni) della regione in cui risiede. Troverà qui l’elenco dei Corecom regionali per l’esperimento del tentativo di conciliazione obbligatorio nell’ambito delle controversie tra organismi di telecomunicazioni e utenti.

Anche per quanto riguarda il contenzioso instauratosi con Poste Italiane, dovrà innanzitutto presentare reclamo, sempre con raccomandata AR, per chiedere il rimborso dei 141 euro trasferiti senza autorizzazione a Fastweb, allegando copia dell’istanza di revoca della domiciliazione bancaria che avrà certamente conservato (o attestato della raccomandata Ar con cui disponeva la revoca).

Trascorsi 30 giorni dal reclamo, restando silente Poste Italiane e in assenza del rimborso in conto corrente dell’importo prelevato senza autorizzazione, potrà sottoporre la questione all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Si tratta di una procedura molto semplice, non richiede assistenza tecnico legale né presenza del ricorrente nel corso della discussione arbitrale; il ricorso si presenta inviando un dossier ove vengono descritti i fatti ed allegati i documenti di prova (l’istanza di revoca presentata a Poste Italiane, nella fattispecie) insieme al versamento di 20 euro che verranno restituiti dalla controparte in caso (qui, certo) di accoglimento del ricorso.

31 Ottobre 2017 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Antitrust multa operatori telefonia mobile - Negavano domiciliazione bancaria a chi aveva Iban esteri
Mia moglie, essendo rumena, è titolare di un conto corrente estero: qualche mese fa, ha tentato di acquistare uno smartphone con abbonamento wind, ma non lo ha potuto fare poiché il conto corrente non possedeva iban italiano. E' lecita questa pratica? ...

Recupero crediti da parte di FASTWEB - Pagare anche se non mi hanno inviato alcuna documentazione?
Volevo sapere se devo pagare FASTWEB per bollette insolute del 2013/2014: mi hanno chiamato dal recupero crediti Per pagare queste bollette e in tutto si tratta di 218 euro. Mi conviene pagare? Non mi hanno mandato niente di scritto tramite email o raccomandata. FASTWEB può fare dei pignoramenti alla persona debitrice? ...

Conto corrente Bancoposta Click e carta di pagamento Postamat - I postini ne combinano un'altra
Bancoposta Click è un conto corrente online a zero spese, con piena operatività del servizio internet banking, che Poste Italiane ha offerto ai propri clienti dal 2008 al gennaio 2016. Con l'attività promozionale, sul sito web di Poste Italiane, il prodotto Bancoposta Click veniva pubblicizzato come particolarmente conveniente, in quanto alcuni servizi previsti dal contratto venivano garantiti come gratuiti per sempre, compresa la Carta di pagamento Postamat. Tuttavia, nell'agosto 2016 Poste Italiane informava gli intestatari di un conto corrente Bancoposta Click che, a partire da novembre 2016 avrebbe provveduto a introdurre il pagamento di un canone annuo di 12 euro ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ho revocato una domiciliazione bancaria su un conto corrente ma i postini hanno continuato a pagare – Come tutelarmi?