Bancoposta Click e carta Postamat - I postini ne combinano un'altra

Bancoposta Click è un conto corrente online a zero spese, con piena operatività del servizio internet banking, che Poste Italiane ha offerto ai propri clienti dal 2008 al gennaio 2016.

Con l’attività promozionale, sul sito web di Poste Italiane, il prodotto Bancoposta Click veniva pubblicizzato come particolarmente conveniente, in quanto alcuni servizi previsti dal contratto venivano garantiti come gratuiti per sempre, compresa la Carta di pagamento Postamat.

Tuttavia, nell’agosto 2016 Poste Italiane informava gli intestatari di un conto corrente Bancoposta Click che, a partire da novembre 2016 avrebbe provveduto a introdurre il pagamento di un canone annuo di 12 euro per la carta Postamat, sino a quel momento gratuita.

Nella comunicazione, Poste Italiane riconosceva al cliente, in caso di non accettazione della modifica unilaterale, soltanto il diritto di recedere dal contratto senza penalità e senza spese di chiusura prima della data prevista dell’applicazione della modifica. Ma, nel foglio informativo relativo al Conto Corrente Bancoposta Click, invece, era indicato il diritto del consumatore di poter esercitare due distinte facoltà di recesso in caso di modifica contrattuale: una dal contratto di conto corrente e l’altra dalla carta di pagamento Postamat. Anche nel contratto quadro di Bancoposta Click, relativo ai servizi di pagamento, era chiaramente indicato che il recesso dalla carta Postamat non avrebbe determinato l’estinzione del rapporto di conto corrente Bancoposta Click, come, peraltro, previsto dalla normativa di settore.

Inoltre, nella modifica unilaterale veniva evidenziato che Poste Italiane avrebbe messo a disposizione di ciascun intestatario del conto corrente Bancoposta Click la carta di prelievo e pagamento Postamat e che solo con tale carta sarebbe stato possibile accedere alle funzionalità del conto corrente Bancoposta Click, e che non sarebbe stato consentito, a seguito della modifica contrattuale, la restituzione della carta Postamat da parte di alcuno dei cointestatari del conto corrente.

Pertanto, in caso di conto cointestato Bancoposta Click, i due o più correntisti che disponevano ciascuno di una carta Postamat, avrebbero dovuto sostenere tutti un costo annuo di 12 euro per ciascuna carta Postamat. Tale situazione avrebbe avuto effetto sul conto corrente Bancoposta Click moltiplicandone, di fatto, le spese (nel caso di due cointestatari da zero a 24 euro). Per di più, allo scopo di ridurre i costi da sostenere per la carta di pagamento Postamat, nessuno dei cointestatari avrebbe potuto restituire la carta senza determinare il recesso anche dal conto corrente Bancoposta Click.

A seguito dell’avvio del procedimento a carico per pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette, da parte dell’Antitrust su segnalazione delle associazioni di consumatori e di numerosi clienti, Poste Italiane si è impegnata a rimborsare il costo del canone della carta Postamat a tutti i clienti che hanno aperto il conto tra il 1° gennaio 2010 ed il 30 giugno 2014, ad assicurare ai clienti che hanno esercitato il diritto di recesso la possibilità di aprire un nuovo conto in cui la carta di debito sarà offerta gratuitamente e senza limiti temporali e a comunicare ai correntisti che hanno aperto il conto nel periodo 2008-2009 e nel periodo 1° luglio 2014-31 dicembre 2015 (laddove non era più prevista, né pubblicizzata, la gratuità della carta Postamat) la possibilità di mantenere aperto il proprio conto BancoPosta Click, con piena operatività del servizio internet banking, rinunciando all’uso della carta Postamat e al relativo addebito.

Sulla base di tali impegni, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha deliberato la chiusura del procedimento senza emettere accertare infrazioni al codice del consumo.

5 Novembre 2017 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Conto corrente postale » Le nuove disposizioni dopo l'istruttoria dell'Antitrust
Conto corrente postale (BancoPosta): con la conclusione dell'indagine dell'Antitrust (Agcm), Poste Italiane ha deciso di adottare nuove regole a favore dei propri correntisti, per consentire tempi più rapidi e costi minori. Tra le nuove disposizioni è previsto il rispetto di tempo massimo di chiusura del conto corrente in 15 giorni. Ma vediamo i provvedimenti più nel dettaglio. Innanzitutto, come accennato, l'impegno è di chiudere la pratica entro 15 giorni, a partire da quando il correntista avrà consegnato tutta la documentazione richiesta. Nel caso via sia collegato un deposito titoli con fondi di Sicav estere Poste Italiane non potrà essere ritenuta ...

Conto corrente di base - Il conto corrente con canone annuale onnicomprensivo senza ulteriori costi a carico del cliente consumatore che può essere aperto anche da protestati e cattivi pagatori
A partire dal primo gennaio 2020, le banche e Poste Italiane sono tenute a offrire al cliente consumatore un conto corrente cosiddetto di base: il conto corrente di base include, a fronte di un canone annuale onnicomprensivo, il numero di operazioni annue effettuabili senza addebito di ulteriori spese definito con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, sentita la Banca d'Italia. Il decreto individua, per uno o più profili di clientela ai quali il conto di base è destinato, un numero di operazioni sufficiente a coprire l'uso personale da parte del cliente consumatore. Le operazioni e i servizi inclusi nel ...

Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai sensi del codice civile (art. 1855) e, pertanto, l'estinzione del conto corrente costituisce, per la banca, un atto dovuto. Tuttavia, è legittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente se le parti hanno espressamente pattuito, ad esempio, nell'ambito di un contratto di mutuo, che l'operazione deve essere regolata ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bancoposta click e carta postamat - i postini ne combinano un'altra. Clicca qui.

Stai leggendo Bancoposta Click e carta Postamat - I postini ne combinano un'altra Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 5 Novembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 5 Novembre 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)