Fallimento e cartella esattoriale per debito Inps

Persona fisica fallita quasi 20 anni fa, debiti Inps per i quali viene emessa una cartella esattoriale, datata 10/12/2009, non pagata.

Ora arriva da Esatri una intimazione di pagamento, con avviso che, in caso di mancato pagamento entro cinque giorni, si procederà con esecuzione forzata.

La domanda:

Se è stato dichiarato il fallimento, i debiti, compresi quelli verso gli istituti previdenziali, fanno parte del passivo e quindi, secondo la loro caratteristica, non dovrebbero venire liquidati con i fondi recuperati dal curatore fallimentare?

Difficilmente accade che il fallimento riesca a soddisfare completamente i creditori concorsuali che, dopo la chiusura del fallimento, possono ancora esigere i crediti residui dall’imprenditore già fallito.

Per evitare siffatte situazioni, prima della riforma introdotta nel 2006 era previsto l’istituto della riabilitazione, ormai abrogato. La riabilitazione del fallito è stata in parte sostituita dall’istituto della esdebitazione, con per il quale “il fallito persona fisica è ammesso al beneficio della liberazione dai debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali” purchè ricorrano determinate condizioni.

In altre parole l’esdebitazione oggi, e la riabilitazione ieri, consentivano – sotto determinate condizioni – la liberazione del fallito dai debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali, che non potevano e non possono intraprendere nuove azioni nei confronti del debitore stesso per il soddisfacimento di quella parte di passivo rimasta insoluta.

Ora, se la persona fisica, fallita 20 anni fa, non ha ottenuto la riabilitazione, l’INPS è legittimata ad esigere il credito.

13 Aprile 2012 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

In caso di fallimento del datore di lavoro il Fondo di garanzia INPS paga il TFR solo se c'è stata insinuazione al passivo
Nel febbraio 2017 la ditta (SaS) presso cui lavoro chiude, senza pagarmi le ultime 8 buste paga nè il TFR: per accedere al fondo di garanzia INPS, mi rivolgo ad un avvocato che avvia le pratiche (pignoramento, decreto ingiuntivo) necessarie. Nel frattempo il datore viene dichiarato fallito con chiusura anticipata del fallimento per assenza di attivo; la nostra richiesta di insinuazione - tardiva - nel passivo del fallimento infatti non viene accolta in quanto il fallimento è stato immediatamente chiuso. L'INPS accoglie la mia domanda ma, ahimè, nel ricorso per decreto ingiuntivo l'avvocato erroneamente fa riferimento solo alle mensilità non ...

Rateazione cartella esattoriale – la dilazione del debito INPS
Per effetto della circolare numero 106 del 3/08/2010 (in esecuzione delle determinazioni del CdA numero 250 del 18/12/2009 e numero 106 del 7/05/2010), l'Inps ha voluto modificare l'istituto delle "dilazioni", per uniformare la propria disciplina a quella che regolamenta tutte le "entrate" per le quali è previsto l'obbligo della riscossione mediante cartelle esattoriali (ex decreto legislativo 46/99), e con l'obiettivo di semplificare le procedure di accesso e di gestione delle domande. Il rinnovato istituto delle dilazioni, i cui effetti decorrono dal 3 agosto 2010, ha apportato le seguenti modifiche: 1. L'eliminazione dell'obbligo di integrale versamento delle trattenute previdenziali ed assistenziali ...

Fallimento del datore di lavoro » Se giudice dispone il pagamento del Tfr ai dipendenti dall'Inps quest'ultimo non può contestarlo
In caso di fallimento del datore di lavoro, qualora il giudice delegato del fallimento abbia disposto il pagamento, ai dipendenti, del Tfr da parte dell'Inps, quest'ultimo non può contestare tale decisione. L'esecutività dello stato passivo che abbia accertato in sede fallimentare l'esistenza e l'ammontare di un credito per TFR in favore del dipendente dell'imprenditore dichiarato fallito importa, ai sensi dell'art. 2 l. n. 297/1982, il subentro dell'INPS nel debito del datore di lavoro insolvente, senza che l'istituto previdenziale possa in alcun modo contestarne l'assoggettabilità alla procedura concorsuale e l'accertamento ivi operato, al quale resta vincolato sotto il profilo dell'an e ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fallimento e cartella esattoriale per debito Inps