Fallimento e cartella esattoriale per debito Inps

Persona fisica fallita quasi 20 anni fa, debiti Inps per i quali viene emessa una cartella esattoriale, datata 10/12/2009, non pagata.

Ora arriva da Esatri una intimazione di pagamento, con avviso che, in caso di mancato pagamento entro cinque giorni, si procederà con esecuzione forzata.

La domanda:

Se è stato dichiarato il fallimento, i debiti, compresi quelli verso gli istituti previdenziali, fanno parte del passivo e quindi, secondo la loro caratteristica, non dovrebbero venire liquidati con i fondi recuperati dal curatore fallimentare?

Difficilmente accade che il fallimento riesca a soddisfare completamente i creditori concorsuali che, dopo la chiusura del fallimento, possono ancora esigere i crediti residui dall'imprenditore già fallito.

Per evitare siffatte situazioni, prima della riforma introdotta nel 2006 era previsto l'istituto della riabilitazione, ormai abrogato. La riabilitazione del fallito è stata in parte sostituita dall'istituto della esdebitazione, con per il quale "il fallito persona fisica è ammesso al beneficio della liberazione dai debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali" purchè ricorrano determinate condizioni.

In altre parole l'esdebitazione oggi, e la riabilitazione ieri, consentivano - sotto determinate condizioni - la liberazione del fallito dai debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali, che non potevano e non possono intraprendere nuove azioni nei confronti del debitore stesso per il soddisfacimento di quella parte di passivo rimasta insoluta.

Ora, se la persona fisica, fallita 20 anni fa, non ha ottenuto la riabilitazione, l'INPS è legittimata ad esigere il credito.

13 aprile 2012 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero del TFR quando il datore di lavoro è fallibile ma non può essere dichiarato il fallimento
La legge prevede il pagamento del TFR da parte dell'INPS qualora il datore di lavoro, non soggetto a fallimento, non adempia, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro, a detto pagamento, ma requisito indispensabile è che il lavoratore abbia infruttuosamente esperito l'esecuzione forzata per la realizzazione del credito. Ricordiamo, ...
Fallimento del datore di lavoro » Se giudice dispone il pagamento del Tfr ai dipendenti dall'Inps quest'ultimo non può contestarlo
In caso di fallimento del datore di lavoro, qualora il giudice delegato del fallimento abbia disposto il pagamento, ai dipendenti, del Tfr da parte dell'Inps, quest'ultimo non può contestare tale decisione. L'esecutività dello stato passivo che abbia accertato in sede fallimentare l'esistenza e l'ammontare di un credito per TFR in ...
Cessione crediti ed opponibilità al fallimento del cedente
Qualora il cessionario abbia pagato in tutto o in parte il corrispettivo della cessione ed il pagamento abbia data certa, la cessione è opponibile al fallimento del cedente dichiarato dopo la data del pagamento. La norma dispone anche che l'efficacia della cessione verso i terzi non è opponibile al fallimento ...
Opposizione ad un atto di pignoramento per cartella esattoriale affetta da vizi di notifica ed originata da crediti di natura tributaria
La normativa vigente stabilisce che l'opposizione al titolo esecutivo (cartella esattoriale o accertamento esecutivo) in relazione al diritto di procedere ad esecuzione forzata tributaria, si propone davanti al giudice tributario mentre le opposizioni all'esecuzione concernenti la pignorabilità dei beni si propongono davanti al giudice ordinario (ex articolo 615 del codice ...
Competenza territoriale del Giudice in opposizione a cartella esattoriale originata da multa - luogo di notifica della cartella o di accertamento infrazione?
Trattandosi di giudizio di opposizione all'esecuzione, incardinato ex articolo 615 cod. proc. civ. con riferimento alla cartella esattoriale con la quale è stato richiesto il pagamento di somma con contestuale avvertenza, in caso di mancato pagamento nel termine assegnato, dell'inizio del procedimento esecutivo, deve ritenersi che la individuazione della competenza ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca