Eredità di soggetto senza moglie e figli – Rinuncia del chiamato, prescrizione dell’accettazione, obbligata accettazione dell’eredità con beneficio di inventario per il chiamato rappresentante minorenne


La rappresentazione fa subentrare i discendenti nel luogo e nel grado del loro ascendente, in tutti i casi in cui questi rinunci all'eredità.

Il mio defunto cognato non aveva figli e nemmeno la moglie: mia moglie, che è l’unica sorella che aveva, ha rinunciato alla sua eredità causa i debiti che vi gravavano e che vi gravano.
Quali discendenti saranno chiamati a tale eredità vista la rinuncia dell’unica sorella?

Tali discendenti quanto tempo hanno per accettare o rinunciare a tale eredità?

L’Agenzia Entrate, che è l’unico creditore, deve comunque aspettare che tali discendenti rinuncino all’eredità di mio cognato per chiedere al giudice di mettere in vendita l’immobile per poter recuperare il suo credito o parte di esso?

In tale vendita mia moglie potrebbe partecipare e in tal caso ha diritto di prelazione?

Oppure il giudice può, vista la richiesta di AE mettere in vendita la proprietà di mio cognato in tempi anticipati?

Ho letto che eventualmente trascorsi 10 anni, se comunque nessuno accetta o se AE ne chiede la vendita, l’eredità essa passa allo Stato.

E’ vero?

La rappresentazione fa subentrare i discendenti nel luogo e nel grado del loro ascendente, in tutti i casi in cui questi rinunci all’eredità.

Quindi in luogo della madre rinunciante subentrano, per rappresentazione, come chiamati all’eredità, i suoi figli (articolo 467 del codice civile).

Un figlio minorenne, chiamato all’eredità, può solo accettare con beneficio di inventario (articolo 471 del codice civile): la norma, peraltro, con il successivo articolo 489 accorda un ulteriore vantaggio al minore prevedendo che, anche laddove non abbia in precedenza provveduto a redigere l’inventario, possa comunque predisporre tale atto nel termine di un anno dal raggiungimento della maggiore età, conservando quindi gli effetti e i vantaggi del beneficio.

Infatti, qualora il genitore esercente la responsabilità genitoriale sul figlio minore, chiamato all’eredità, faccia l’accettazione prescritta dalla normativa vigente (accettazione con beneficio di inventario), ma non compili l’inventario necessario per poter usufruire della limitazione della responsabilità, il mancato perfezionamento dell’inventario mantiene il minore nella qualità di chiamato, sicché una volta divenuto maggiorenne, potrà valutare se conservare o meno il beneficio (redigendo l’inventario) ovvero rinunciare alla eredità. (Corte di cassazione ordinanza 29665/2018)

Ma, se una volta diventato maggiorenne il chiamato non esplica l’opzione che gli è stata riservata dalla legge (rinuncia all’eredità) e non procede nemmeno alla redazione dell’inventario entro un anno dalla data in cui è divenuto maggiorenne, allora egli sarà considerato erede puro e semplice.

Nel frattempo, in attesa del compimento del diciottesimo anno di età del minore, può essere nominato un curatore speciale (articolo 321 del codice civile) con la necessaria l’autorizzazione del giudice tutelare.

In base all’articolo 480 del codice civile, il diritto di accettare l’eredità per un figlio maggiorenne, invece, si prescrive in dieci anni che decorrono dal decesso del de cuius: tuttavia, l’articolo 481 del codice civile stabilisce che chiunque vi abbia interesse (dunque anche AdER) può chiedere che l’Autorità giudiziaria fissi un termine entro il quale il chiamato dichiari se accetta o rinunzia all’eredità. Trascorso questo termine senza che il chiamato abbia fatto la dichiarazione, egli perde il diritto di accettare.

Non c’è diritto di prelazione, a favore di chi ha rinunciato, in una eventuale vendita all’asta dei beni ricadenti nell’eredità.

In mancanza di suscettibili, l’eredità è devoluta allo Stato (articolo 586 del codice civile), che, però, non risponde dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore dei beni acquistati.

In conclusione, l’immobile del defunto può essere espropriato su procedura avviata da Agenzia delle Entrate Riscossione in tempi relativamente brevi, sia ricorrendo all’articolo 481 del codice civile (se il chiamato subentrante è maggiorenne) sia ex articolo 321 del codice civile (se il chiamato subentrante è minorenne), coinvolgendo il curatore speciale eventualmente designato dal giudice della successione.

19 Maggio 2022 · Giorgio Martini

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 167 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Eredità di soggetto senza moglie e figli – Rinuncia del chiamato, prescrizione dell’accettazione, obbligata accettazione dell’eredità con beneficio di inventario per il chiamato rappresentante minorenne. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.