Eredità con beneficio di inventario – La dichiarazione di credito nel corso della liquidazione dell’eredità beneficiata

Il figlio accetta l’eredità del padre con beneficio di inventario e, pagati i creditori noti e chiusa la procedura, tiene per sé l’importo restante.

Tre anni dopo il signor XY avvia una causa civile contro l’erede per un fatto colposo commesso dal padre dell’erede un anno prima di morire (responsabilità civile professionale non coperta da assicurazione).

Il signor XY ha il diritto di aggredire il patrimonio dell’erede? Oppure l’avere accettato con beneficio di inventario e il fatto che la procedura si sia chiusa mette l’erede al riparo?

Scaduto il termine fissato entro il quale devono presentarsi le dichiarazioni di credito, l’erede provvede, con l’assistenza del notaio, a liquidare le attività ereditarie facendosi autorizzare alle alienazioni necessarie: l’erede forma, sempre con l’assistenza del notaio, lo stato di graduazione ovvero una graduatoria dei creditori ereditari, in base alla quale gli stessi verranno soddisfatti.

Divenuto definitivo lo stato di graduazione o passata in giudicato la sentenza che pronunzia sui reclami eventualmente presentati, l’erede deve soddisfare i creditori in conformità dello stato di graduazione formato con l’assistenza del notaio.

I creditori e i legatari che, seppure invitati a presentare la dichiarazione di credito, non si sono presentati, hanno azione contro l’erede solo nei limiti della somma che residua dopo il pagamento dei creditori collocati nello stato di graduazione. Questa azione si prescrive in tre anni dal giorno in cui lo stato di graduazione è divenuto definitivo o è passata in giudicato la sentenza che ha pronunziato sui reclami.

Si tratta delle norme contenute negli articoli del codice civile 498, 499 e 502.

Tuttavia, il soggetto che abbia ottenuto successivamente alla chiusura della procedura di liquidazione dell’eredità beneficiata il diritto di credito nei confronti del defunto (in seguito, ad esempio, ad una sentenza) e che quindi non abbia potuto presentare per tempo la dichiarazione di credito (non essendo, alla data di avvio della procedura di graduazione, il credito certo, liquido ed esigibile) potrà esercitare l’azione contro l’erede solo nei limiti della somma che residua dopo il pagamento dei creditori collocati nello stato di graduazione, prima che intervenga la prescrizione decennale dell’esercizio del proprio diritto.

13 Ottobre 2019 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quando il chiamato all'eredità è un minore » L'accettazione obbligata con beneficio di inventario e le conseguenze della mancata redazione dell'inventario
Il minore, chiamato all'eredità, può solo accettare con beneficio di inventario (articolo 471 del codice civile): la norma, peraltro, con il successivo articolo 489 accorda un ulteriore vantaggio al minore prevedendo che, anche laddove non abbia in precedenza provveduto a redigere l'inventario, possa comunque predisporre tale atto nel termine di un anno dal raggiungimento della maggiore età, conservando quindi gli effetti e i vantaggi del beneficio. Infatti, qualora il genitore esercente la responsabilità genitoriale sul figlio minore, chiamato all'eredità, faccia l'accettazione prescritta dalla normativa vigente (accettazione con beneficio di inventario), ma non compili l'inventario necessario per poter usufruire della limitazione ...

La decadenza dal diritto di accettare l'eredità con beneficio di inventario
Come sappiamo, colui che accetta l'eredità con beneficio d'inventario è erede, con l'unica rilevante differenza, rispetto all'accettazione pura e semplice, che il patrimonio del defunto é tenuto distinto da quello dell'erede, producendosi così la limitazione della sua responsabilità per i debiti ereditari entro il valore dei beni lasciati dal defunto. In sostanza, l'accettazione dell'eredità con beneficio d'inventario, non determina, di per sé sola, il venir meno della responsabilità patrimoniale dell'erede per i debiti del de cuius, ma fa solo sorgere il diritto di questo a non risponderne oltre al valore dei beni accettati con beneficio di inventario. Nel caso in ...

Accettazione eredità con beneficio di inventario - passività maggiori dei beni
Mio padre è nullatenente, ma ha una situazione debitoria importante: io ho un figlio di pochi mesi che, molto probabilmente, sarà minorenne quando mio padre verrà a mancare. Se, alla morte di mio padre, io dovessi accettare l'eredità con beneficio di inventario, ho capito che sarei tenuto a rispondere dei debiti solo entro i termini dei beni ereditati (pari a zero, nel mio caso). I creditori, quindi, non sarebbero soddisfatti ma non potrebbero rifarsi sui miei beni. Avendo accettato io l'eredità con beneficio di inventario, ma non essendo i beni ereditati sufficienti a soddisfare i creditori, esiste la possibilità che ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Eredità con beneficio di inventario – La dichiarazione di credito nel corso della liquidazione dell’eredità beneficiata