Dopo il protesto dell'assegno cosa succede?

Un mio cliente mi ha pagato con un assegno bancoposta risultato essere scoperto, ne ho chiesto il protesto, ora cosa succederà? So che il cliente avrà 60 giorni per coprire l'assegno, qualora non lo faccia seguirà in automatico la procedura di azione esecutiva per il pignoramento oppure dovrò rivolgermi ad un avvocato per avviare la procedura?

Il protesto che ha chiesto è assolutamente inutile se l'assegno era stato emesso dal suo cliente: servirà solo a far segnalare e permanere il nominativo del signore per cinque anni nel Registro Informatico dei Protesti (RIP), al costo, però, di spese notarili (per ora a suo carico) che potevano anche essere evitate se l'obiettivo era solo quello di recuperare i soldi e non infliggere una ulteriore punizione al traente truffaldino.

Comunque, con l'assegno che la banca certifica come non pagabile, perché privo di copertura (protestato o non protestato), lei potrà rivolgersi all'ufficiale giudiziario per avviare azione esecutiva (pignoramento) nei confronti del suo cliente. Naturalmente, dovrà sapere dove colpire (corto corrente o datore di lavoro del debitore).

Di solito si attendono 60 giorni, decorrenti dalla data di scadenza dell'assegno, perché l'inadempiente, per evitare iscrizione alla Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), la revoca semestrale della possibilità di emettere assegni e le eventuali sanzioni comminate dal Prefetto, potrebbe optare per il pagamento tardivo, aggiungendo al valore facciale del titolo, il 10% di penale e gli interessi per il ritardato adempimento.

22 ottobre 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno protestato
assegno scoperto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento beni » Che succede quando il valore è superiore al debito
In tema di pignoramento, il creditore ha la possibilità di agire sui beni di proprietà del debitore anche se il loro valore è superiore a quello del credito vantato. La normativa vigente, infatti, consente al creditore di effettuare il pignoramento di beni del valore pari all'importo del proprio credito, aumentato ...
Pignoramento e creditori concorrenti
Nel processo di esecuzione, la regola secondo cui il titolo esecutivo deve esistere dall'inizio alla fine della procedura va intesa nel senso che essa presuppone non necessariamente la continuativa sopravvivenza del titolo del creditore procedente, bensì la costante presenza di almeno un valido titolo esecutivo (anche di un creditore intervenuto) ...
Il protesto di assegni scoperti non trasferibili - un vantaggio solo per i notai e non per il beneficiario
Esiste un modo semplice per tentare di risolvere alla radice il problema del protesto di assegni di importo pari o superiore a mille euro: apporre sull'assegno la clausola “senza spese e senza protesto”. Ma, per quale ragione il beneficiario dovrebbe accettare un assegno con una clausola simile? Per comprenderlo bisogna ...
Mantenimento e aggiornamento ISTAT
L'aggiornamento ISTAT è automatico sia per l'assegno di mantenimento in sede di separazione sia per l'assegno divorzile L'articolo 5, comma 7, della Legge numero 898/70 prevede che il giudice, nell'ambito di un procedimento di divorzio, nel fissare la misura dell'assegno di mantenimento relativo ai figli, deve determinare anche un criterio ...
Cosa è il protesto – funzione ed efficacia probatoria del protesto
Il protesto è il procedimento con il quale viene dichiarato pubblicamente, da parte di un notaio, ufficiale giudiziario o segretario comunale, il mancato pagamento della somma indicata nel titolo di credito (protesto per mancato pagamento di assegno o cambiale) o la mancata accettazione della cambiale da parte del trattario (cambiale ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca