Divisione dei soldi in conto corrente del genitore deceduto – Devono firmare tutti gli eredi perchè ciascuno possa prelevare la quota che gli spetta?

Siamo tre figli eredi, nostra madre è deceduta senza lasciare testamento e la banca non vuol procedere alla divisione dei valori del conto corrente se tutti e tre non andiamo a firmare ma uno dei tre sta ponendo ostacoli senza motivo.

In caso di morte dell’intestatario del conto corrente, gli eredi, propensi ad accettare l’eredità, devono consegnare alla banca il certificato di morte e la documentazione anagrafica di ciascuno di essi.

La banca porta a termine le operazioni relative a disposizioni già effettuate dal defunto (bonifici) e attende la scadenza dei termini di presentazione di eventuali assegni emessi prima della data di decesso. Dopodiché produce lo stato di consistenza del conto corrente, necessario per perfezionare (se c’è obbligo) la pratica di successione o, comunque, per quantificare il saldo esistente.

Una volta completata la pratica di successione, copia integrale della dichiarazione di successione va esibita alla banca che è tenuta a rendere disponibile il denaro in funzione delle quote spettanti a ciascuno dei coeredi.

Se non c’è obbligo di dichiarazione, allora ciascun coerede deve sottoscrivere la dichiarazione di insussistenza di tale obbligo.

Non è corretto riferire di una presunto diniego della banca a consegnare il saldo di conto corrente lasciato dal de cuius, quando il problema. invece, è riconducibile esclusivamente a dinamiche familiari ed, in particolare, a questioni interne ai coeredi.

Infine, va evidenziato che in merito alla sorte dei crediti ereditari nell’ipotesi di successione mortis causa con pluralità di eredi, l’Arbitro Bancario Finanziario, nella decisione 2983/2016, ha ribadito il principio di diritto, più volte affermato in precedenti occasioni, secondo il quale i crediti del defunto, a differenza dei debiti, non si dividono automaticamente, ma entrano a far parte della comunione ereditaria, dal momento che l’articolo 752 del codice civile, che prevede il principio tradizionale della ripartizione automatica tra coeredi, si riferirebbe unicamente ai debiti ereditari.

In pratica, in materia successoria, vige il principio della automatica divisione tra i coeredi dei soli debiti e non anche dei crediti.

Pertanto, i singoli coeredi non possono pretendere il pagamento di quella che assumono essere la loro quota, con la conseguenza che la stessa cessa di far parte di tale comunione, per la decisiva considerazione che non sono titolari del relativo diritto. Al contrario, in caso di apertura della successione, i saldi attivi sui rapporti intrattenuti dal de cuius con l’intermediario cadono in comunione ereditaria, fintanto che essa non si sciolga mediante una disposizione congiuntamente impartita da tutti i coeredi ovvero mediante un provvedimento giudiziale.

25 Settembre 2017 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Conto corrente genitore defunto - Quali documenti presentare alla banca per poter prendere visione dell'estratto conto?
Mio padre deteneva un conto corrente bancario: al suo decesso, avvenuto il 21 giugno 2014, essendo io erede residente in altra regione, ed in dissidio con la mia famiglia, provvedetti ad inviare immediatamente alla banca in oggetto, una regolare raccomandata AR con data 21 giugno 2014 in cui chiedevo il saldo del conto e se eventualmente vi fossero altri rapporti in essere (cassette di sicurezza, libretti di risparmio etc). A tutt'oggi, dopo 2 anni e 4 mesi, la banca non mi ha risposto. Vorrei sapere se posso ancora accedere a queste informazioni e con quale procedura. ...

Vorrei sapere perché la banca nega l'apertura di un conto corrente cointestato con mio figlio
Mi piacerebbe sapere perché una banca nega l'apertura di un conto corrente cointestato con mio figlio: premesso che, sia io che mio figlio siamo già clienti della banca di altri conti correnti intestati singolarmente o cointestati con terzi. Tramite il call center, la banca risponde che la richiesta da me fatta per l'apertura del conto corrente é stata rifiutata però non mi dà ne la motivazione, né una comunicazione scritta protocollata. La loro risposta é: ... abbiamo inviato comunicazione scritta, dove comunque non viene specificato il motivo del diniego. ; comunicazione mai arrivata al sottoscritto. ...

Rateo pensione del padre deceduto - Perchè gli eredi devono restituire quanto erogato in più per errore dell'INPS?
Mio padre è deceduto a ottobre 2016: l'INPS a dicembre 2017 manda lettera agli eredi per avere indietro parte di pensione erogata in eccesso per errore dello stesso istituto, a partire del 2007, quindi 10 anni buoni. Cosa bisogna fare? Perché dobbiamo pagare noi se ha sbagliato INPS? E dopo 10 anni non è caduta in prescrizione? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Divisione dei soldi in conto corrente del genitore deceduto – Devono firmare tutti gli eredi perchè ciascuno possa prelevare la quota che gli spetta?